Inghilterra: Nuove regole sui placcaggi per le giovanili

La RFU ha uniformato le nuove regole sul placcaggio in Inghilterra dai 9 ai 18 anni, con l’obiettivo di ridurre i contatti alla testa

Inghilterra: Nuove regole sui placcaggi per le giovanili

Inghilterra: Nuove regole sui placcaggi per le giovanili ph. Reuters

Dall’Inghilterra arriva un nuovo e importante cambiamento alle regole del rugby giovanile. La Rugby Football Union (RFU) è infatti intervenuta riguardo all’altezza massima dei placcaggi nelle varie categorie di età. Con le regole attuali, dai 9 ai 14 anni si prende in considerazione una linea immaginaria all’altezza delle ascelle che funge da “limite” al placcaggio. Da questo momento, la regola si estende anche alle categorie dai 15 ai 18 anni, che fino ad ora potevano placcare fino al livello della spalla. Ciò significa che le giovanili impegnate nel rugby di contatto (quindi dai 9 anni in poi) avranno tutte lo stesso limite di altezza nel placcaggio.

L’obiettivo di questo cambiamento – scrive la RFU in un comunicato – è ridurre ulteriormente le possibilità di contatti con la testa fra due giocatori, e in generale le eventualità di contatti ad alto rischio (high risk tackle events) che possano nuocere alla sicurezza dei ragazzi e dei bambini. Si tratta di un percorso intrapreso da tutti: ad esempio, in Italia per le categorie under14 è previsto solo il placcaggio dalla vita in giù.

L’head of development of game della RFU, John Lawn, ha dichiarato: «È una parte di lavoro importante ed emozionante, abbiamo iniziato a pianificarlo nel 2019 e si basa su tutto ciò che è stato fatto nell’ultimo decennio nell’approccio al full contact rugby. Vogliamo rendere il gioco più sicuro possibile, ma senza perdere l’elemento fisico che è parte del rugby, e questo cambio di regolamento lo supporta».

Inoltre, la RFU fa sapere che sta pensando a delle modifiche anche riguardo ai contatti all’altezza della vita e ad una limitazione generale dei contatti con la testa del portatore di palla. L’obiettivo sarà valutare l’impatto di queste modifiche sul ball-carrier e sul placcatore e fare in modo che si riducano il più possibile situazioni di alto rischio di colpi alla testa.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italiani all’estero: Capuozzo in meta, Riccioni esce per un controllo concussion

Notizie buone e meno buone dall'estero: il pilone destro dei Saracens è uscito per un HIA, mentre l'estremo di Grenoble è tornato in meta

17 Ottobre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

L’ennesima rimonta degli Harlequins e le altre storie della quarta di Premiership

Tornano in campo i reduci dal tour dei British & Irish Lions, e l'effetto si sente

12 Ottobre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Italiani all’estero: altro successo per i Saracens di Riccioni, Allan si fa male ed esce dopo 25′

Ancora protagonista il pilone dei Saracens, mentre Allan è costretto ad uscire dopo un colpo subito nel primo tempo. Bene Garbisi dalla piazzola ma Mo...

10 Ottobre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership, il recap della terza giornata

Leicester batte i Saracens e continua la sua striscia positiva, mentre Exeter vince la sua prima partita

6 Ottobre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: com’è andata la seconda giornata

Harlequins e Leicester a punteggio pieno, Bristol ed Exeter ancora a secco

29 Settembre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Italiani all’estero: Mori in meta con Bordeaux, bene ancora Allan

L'ala-centro di Bordeaux a segno nel weekend di Top14, insieme a lui molto bene anche Tommy Allan

26 Settembre 2021 Emisfero Nord / Premiership