Kenki Fukuoka, ritirarsi da M.V.P. a 28 anni

Il forte trequarti giapponese ha disputato l’ultima partita della sua carriera, marcando ovviamente una meta decisiva per la vittoria nel campionato

Kenki Fukuoka, ritirarsi da MVP a 28 anni Ph. Sebastiano Pessina

Kenki Fukuoka, ritirarsi da MVP a 28 anni Ph. Sebastiano Pessina

Se il Giappone è stato la grande sorpresa dell’ultima Coppa del Mondo, una delle ragioni peggio nascoste è Kenki Fukuoka. Il trequarti classe 1992 è letteralmente esploso a livello qualitativo durante l’ultimo torneo iridato, risultando decisivo nella fase a gironi con 4 mete segnate compresa quella decisiva contro l’Irlanda (19-12 il finale) e una doppietta contro la Scozia quand’è stato nominato Man of the Match (28-21 il finale). La notizia che il giocatore non è stato convocato in vista dell’estate dei Brave Blossoms, che avranno l’onore di sfidare i Lions a fine giugno, Fukuoka non è stato convocato può fare scalpore solo a un occhio disattento.

Leggi anche: I convocati di Jamie Jospeh per preparare la sfida ai Lions del 26 giugno

Il nativo di Fukuoka infatti si è ufficialmente ritirato da ogni forma di rugby, dopo che nel 2019 aveva chiuso la carriera internazionale a XV sperando di potersi dedicare solamente alla squadra a sette per poter puntare a una medaglia alle Olimpiadi di casa. Lo scoppio della pandemia e il rinvio dei Giochi all’estate che sta per arrivare gli hanno precluso anche questo obiettivo, ma non quello di giocare un’ultimissima volta in Top League con i suoi Panasonic Wild Knights, dove ha letteralmente spadroneggiato. Tre mete in semifinale nel 48-21 sui Toyota Verblitz, una nell’ultimo atto durante il successo 31-26 sui Suntory Sungoliath che gli ha permesso di vincere l’MVP e di chiudere come miglior marcatore del campionato.

Adesso basta però, niente più palla ovale ma una carriera in medicina da lanciare. Il giocatore ha parlato delle sue sensazioni vista la particolarità del momento: “Avrei voluto puntare a una medaglia olimpica, mi toccherà fare il tifo per i miei compagni nei quali comunque ho grande fiducia”. Per quanto riguarda invece la sua scelta di smettere, Fukuoka ha raccontato: “Ho sempre saputo che avrei voluto essere un medico, lo era mio nonno mentre mio padre era un dentista. Questa cosa in qualche modo mi ha sempre colpito e indirizzato sin da piccolo”.

Sul futuro però c’è ancora qualche dubbio: “Non ho ancora scelto che specializzazione fare a livello medico, ma voglio prendere una strada che mi permetta di sfruttare tutte le qualità che mi ha insegnato il mondo dello sport”.

Gli highlights della finale della Top League giapponese tra Suntory Sungoliath e Panasonic Wild Knights:

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Olimpiadi: dove si vedono le finali del torneo maschile di rugby a 7

A Tokyo sono in Palio le medaglie: ecco dove si vedono le finali del rugby seven alle olimpiadi

27 Luglio 2021 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Sevens olimpico maschile: quattro team puntano all’oro. Sorpresa Argentina

Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Argentina e Fiji si giocheranno l'oro olimpico nel torneo maschile di rugby Sevens a Tokyo 2020.

27 Luglio 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Prima giornata di rugby a 7 alle Olimpiadi di Tokyo, come è andata

Si sono svolte oggi le gare della prima giornata di rugby a 7 alle Olimpiadi di Tokyo 2020: ecco come è andata e le classifiche dei gironi.

26 Luglio 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Le concussion e una storia infinita: altri 2 giocatori in causa con World Rugby

Jason Hobson e Neil Clarke si aggiungono alla lunga lista di giocatori in causa con World Rugby: è necessaria una riflessione sul tema concussion

24 Luglio 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Coppa del Mondo 2023: Tonga batte le Cook e si avvicina al torneo iridato

Le "Aquile di Mare" restano in corsa per il prossimo Mondiale: resta da superare la vincitrice del torneo asiatico

24 Luglio 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Georgia: restano stabili le condizioni del capo allenatore ricoverato in ospedale

Levan Maisashvili continua ad essere assistito con la respirazione assistita in una struttura di primo livello

22 Luglio 2021 Rugby Mondiale