Rovigo, Casellato: “Parola chiave? Serenità. In tanti vogliono lasciare un bel ricordo”

L’analisi del coach dei rodigini, a poche ore dalla sfida di Calvisano

Rovigo, Casellato

Dopo aver chiuso la regular season del Top10 al secondo posto, per Rovigo la semifinale prevede uno scontro accesissimo contro Calvisano. Nelle ultime sei edizioni dei playoff rossoblù e gialloneri si sono sempre affrontati, in una sfida che in cinque delle ultime sei finali Scudetto è valsa anche per il titolo italiano (quattro successi dei calvini, uno dei rodigini). Si parte domenica al San Michele per la gara di andata di un match che vivrà sicuramente sui 160 minuti e difficilmente sarà deciso dopo una sola partita. Per presentare la sfida abbiamo sentito il tecnico di Rovigo Umberto Casellato.

Umberto Casellato, com’è andato il lungo avvicinamento a questa semifinale d’andata? Vero, voi avete giocato il recupero contro Colorno lo scorso weekend, ma la sfida di semifinale era già scritta tra voi e Calvisano.

“Questa sarà la terza volta (tolta la scorsa stagione cancellata ndr) che affronto i playoff come allenatore del Rovigo. Devo dire che mai come ora vedo un ambiente interno alla squadra rilassato e concentrato su quello che serve fare. Sono ormai diverse settimane che in allenamento eseguiamo bene, se dovessi trovare una parola chiave per questo momento questa sarebbe serenità. Inoltre col fatto che ci sono dei giocatori che chiuderanno il loro ciclo con questa maglia c’è grande voglia di lasciare un gran ricordo all’ultima avventura insieme”.

In stagione avete vinto entrambe le gare contro Calvisano. Ora si parte da 0-0 ovviamente, pensa che quelle due partite possano aver dato qualcosa in più al suo Rovigo? Qual è l’aspetto che teme di più dei lombardi?

“In queste situazioni si parte sempre da 0-0, ancora di più considerando come sono arrivate le nostre due vittorie in stagione regolare. All’andata abbiamo vinto (13-17 al San Michele) in una partita condizionata da un terreno di gioco fradicio, al ritorno al Battaglini è finita 42-35 in un match dove entrambi abbiamo fatto il bonus offensivo e si è deciso su un errore di placcaggio in occasione della nostra meta decisiva. Per questo dico che nessuno ha il minimo vantaggio, anche se di Calvisano ammiro la grande mentalità. I numeri non mentono, loro hanno fatto le ultime sei finali Scudetto. Questo nonostante abbiano cambiato elementi della squadra, società e tante altre cose, insomma sono un vero “animale da playoff””.

Se dovesse dare un voto a quanto fatto dal suo Rovigo sinora?

“10 e lode. Giocare e vincere a Rovigo è molto più impegnativo che da altre parti, qui c’è una pressione sconosciuta in piazze (ad esempio) come Padova e Calvisano. Nonostante il fatto che nell’ultimo periodo siano uscite voci di mercato riguardanti praticamente tutti, ogni giocatore in allenamento ha dimostrato enorme professionalità e serietà, lavorando come dei veri professionisti”.

Dal punto di vista del gioco è soddisfatto?

“Sì perché abbiamo cambiato la nostra mentalità e siamo rimasti molto competitivi. Eravamo partiti con un’idea, poi dopo la serie di sconfitte consecutive abbiamo dovuto fare degli aggiustamenti tattici e siamo stati capaci di sfruttarli subito e bene. Tutti hanno “sposato” questo progetto e sono pronti a dare il massimo per la maglia”.

Si aspettava che il Top10 sarebbe arrivato a questo punto oppure durante lo scorso inverno pensava sarebbe stato meglio sospendere?

“Sinceramente pensavo che saremmo riusciti a chiudere la stagione a luglio o agosto, per poi iniziare subito la prossima. A un certo punto con così tanti rinvii sembrava impossibile assegnare il titolo già a giugno e invece ci siamo riusciti, quindi vanno fatti i complimenti a tutte le società e ai vari staff, tecnici e medici”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Valorugby: Diego Antl è un nuovo diavolo

Secondo colpo in entrata per i reggiani

12 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Rovigo: Zambelli ufficializza Coetzee in un’intervista al portale Polesine Rugby

L'ex allenatore degli Springboks sarà il sostituto di Umberto Casellato alla guida dei Campioni d'Italia. Con lui ritorni eccellenti?

12 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10, rugbymercato: i cambiamenti ufficiali nelle rose del campionato

Tutte le operazioni già ufficializzate dai club del massimo torneo nazionale

12 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10: ecco i primi due colpi dei Lyons, che rinforzano mediana e prima linea

Dopo i rinnovi, si muove anche in entrata il mercato della società emiliana che punta su un ex-nazionale Seven argentino a numero 10

12 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10, Colorno: ufficializzato lo staff tecnico

Umberto Casellato sarà l'head coach. Un ruolo anche per Filippo Frati

11 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10, Piacenza: 15 conferme e 5 partenze, i Lyons progettano la prossima stagione

Gli emiliani puntano a continuare il progetto tecnico iniziato nel campionato da poco concluso con tanti rinnovi di livello

10 Giugno 2021 Campionati Italiani / TOP10