Nick Cummins, dalla Norvegia con furore

Nel 2017 Nick Cummins, già Nazionale australiano, gioca a rugby in Norvegia. Perché di matti come i Cummins (al plurale) ce ne sono pochi.

Nick Cummins

Nick Cummins – ph. Sebastiano Pessina

Cosa ci fa nel 2017 un’ala da 15 caps con i Wallabies in Norvegia? E, soprattutto, quanto manca un personaggio come Nick Cummins al mondo del rugby?
Ce lo racconta l’Anonima Piloni.

“Hey, you, come in, please!”
Parola più, parola meno. Se qualche panchina nel vostro piccolo l’avete scaldata, queste parole ve le siete sentite dire. In diverse sfumature, in diverse salse. Con riscaldamento o senza, dipende dalla gravità, di solito. Può capitare che queste frasi non siano così frequenti, nei mondi ovali meno calcati. Può capitare quando a referto i tuoi giocatori risultano essere più di 15, ma meno di 23. E allora si tiene duro, mentre fuori ci si tiene caldi, perché entrare da freddi e farsi male subito potrebbe essere un danno mica da ridere per la tua squadra.

E anche perché a Stavanger, sud-ovest della Norvegia, non capita molto spesso che la temperatura si alzi sopra i 15 gradi. In estate.
“Hey, you, come in, please!” Parola più, parola meno. Si alza dalla panchina un cristone di un metro e 90, muscolato, zazzera bionda visibile fin da Oslo. Abbronzato. Beh, non è dato vedere troppa gente abbronzata da queste parti. Ha il numero 18 sulle spalle, maglia giallo e blu, classiche righe orizzontali. Entra tra i trequarti. No, non è un abominio, se di persone in panchina ne hai solo tre. Mancano dieci minuti al termine. L’Oslo Rugby Klubb è in rimonta dopo un brutto primo tempo, ma il risultato non è in discussione. Ci sa fare, il cristone biondo. Sembra quasi giocare in punta di fioretto, cosa che non ti puoi permettere troppo quando sei nelle vicinanze di un pallone che rimbalza strano. Ma da dove è uscito questo? Qualcuno dice che è il fratello del coach, allenatore-giocatore, dal primo minuto lì davanti a dirigere le operazioni, numero 9 sulle spalle e un discreto passato ovale in Australia. Poi, questo qualcuno, si ricorda che coach Nate, come tutti lo chiamano, di cognome fa Cummins. E poi riguarda quella zazzera bionda. A fare due più due ci vuole poco.

Si chiama Nick, Nick Cummins. Forse ne avete sentito parlare.
Festeggia anche lui, perché lo Stavanger Rugby Klubb porta a casa partita e trofeo, 27 a 15 il risultato finale. Ma questo interessa, forse, solo a statistici e affini. La domanda che tutti gli altri si fanno, dagli avversari allo sparuto pubblico presente a chi sta scrivendo questo pezzo, è: ma che ci fa quello lì a Stavanger?

Piano. Il rugby non è sport per tutti, dicono. Bisogna avere fisico, visione di gioco, attributi, propensione al gioco di squadra. Dicono. E hanno ragione. Quello che a volte non dicono è che bisogna essere anche un po’ fuori come un balcone. D’altronde, per inseguire una palla ovale un po’ bisogna conoscere il rimbalzo irregolare, il passo irregolare che ti insegnano gli avventori dell’osteria quando quello dietro al bancone ha fischiato tre volte la fine della contesa. Non necessariamente l’alcool, anche se due o tre birrette a fine partita ci stanno sempre bene. Un po’ matti sì, però. Lo sono in tanti a Stavanger, tra irlandesi che a scuola giocavano con Sexton (Robert Gannon, buon estremo, peraltro), a piloni ex membri dell’accademia di Clermont. Fino a Nathan Cummins, australiano del Nuovo Galles del Sud, discreto utility back. Si stanca dell’Australia, prende e parte per la Norvegia, dove trova lavoro, fidanzata e palle ovali. E già qui ci sarebbe spazio per parlare di matti che viaggiano con il rugby sottobraccio e sottomano. Ma no, non ci si ferma qui, perché il DNA non è un’opinione. No, non è lui quello matto, o meglio, non è lui quello d legare per primo. È proprio la famiglia Cummins a essere tutta, nessuno escluso, simpaticamente sopra le righe. Tutta. Dal padre, malato ma per nulla debole, all’altro figlio, Nick, che qualche giro di un certo tipo nel rugby che conta l’ha fatto, e che adesso mette un numero solitamente da prima linea e va a fare un piacere al fratello tra fiordi e incarnati tendenti all’albino. “Hey, you, come in, please!”

E Nick Cummins vola. Matto come un cavallo, o come un tasso del miele, animale che dice di adorare dopo averlo visto in un documentario vincere un duello contro un leone. Il fatto è che lo dice in una intervista andata in diretta pressoché in tutto il mondo ovale conosciuto, e per questo motivo diventa per tutti The Honey Badger. Non se ne pentirà mai.
Nick è da subito il Cummins più forte con una palla in mano, ha una discreta velocità di base abbinata a una fame di mete e vittorie che non ha molti eguali nell’emisfero sud. Vede la linea bianca e l’area di meta e non lo fermi più. Implacabile. Gambe da dingo australiano, occhi di Schillaci a Italia ’90. Come a Twickenham, al suo debutto con i Wallabies già dati per spacciati dai media inglesi. Vanno capiti, ogni tanto, gli inglesi.

L’Australia vince grazie a una sua meta, ripeterà la performance a Firenze contro gli azzurri. È in perenne stato di grazia, e non solo quando corre spiritato da una parte all’altra del campo. Dategli un microfono in mano e vi farà ancora più felici, estraendo dalla sua personale faretra una serie di frasi non sempre alla portata di tutti. No, niente sofismi spiccioli, solo espressioni troppo intrise di Australia, di emisfero e di Galles del Sud per essere capite appieno da tutti. Come quando affermerà che un suo compagno alle prese con un break down non propriamente facile da dominare era “più sudato di una gipsy col mutuo”, come quando dirà di essere stato impegnato (a placcare) come un muratore di Baghdad con una sola mano.

O come quando parla del suo amico tasso e chiama la meta “meat pie”, di cui è ghiottissimo e di cui non lascerebbe mai un morso. E come fai a non volergli bene? Come fai a non volergli bene quando sir Clive Woodward gli mette davanti un microfono e lui non dice altro che “The Honey Badger goes vertical”? Ci vuole del cuore pazzesco per parlare così all’unico allenatore europeo a portare a casa la Webb Ellis Cup. Allenatore non propriamente famoso per simpatia e per il suo carattere estroverso. Allenatore che se ne va impettito col microfono, ma che forse non ha capito molto di chi gli si è parato davanti.

E come fai a non volergli bene quando decide di lasciare l’Australia? Certo, se sei un tifoso Force il distacco non lo prendi così bene, ma Nick se ne va dall’amata Australia solo perché vuole guadagnare qualche soldo per il padre, malato da tempo. Se ne va in Giappone, non prima di essere salutato dalla franchigia di Perth in maniera indimenticabile: due squadre di ragazzini giocano un match di esibizione prima dell’incontro dei Force con una non propriamente sobria parrucca bionda. Lo fanno per ricordare le gesta di uno dei più matti mai passati per la franchigia, che quel giorno segnerà una meta e correrà subito ad abbracciare papà. E mai passati per la nazionale australiana, con cui alla fine collezionerà 15 presenze. Poche, ma va considerato il fatto che la sua è stata una generazione di autentici fenomeni capaci di coprire più ruoli. Lui, ala pura, trova poco spazio, ma in quei centimetri di fama fa divertire tutti. In Australia, in Giappone.

Pure a Stavanger, tra i fiordi norvegesi.
“Hey, you, come in, please!”
Non capita molto spesso che da quelle parti la temperatura si alzi sopra i 20 gradi. In estate.
Papà Mark è lì, non ha ancora molto tempo a disposizione, ma si gode il frutto del lavoro di tanti anni di educazione: Nate dirige le operazioni, chiama le giocate, controlla lo stato fisico dei suoi, Nick si gode il match, poi giochicchia per dieci minuti, il tempo di far parte di una delle storie ovali più fredde che abbiate mai sentito raccontare. Una storia di gente fuori come un balcone, ma con una passione e una voglia di vivere che va oltre ogni linea di meta conosciuta. Il rugby non è sport per tutti, dicono. Bisogna avere fisico, visione di gioco, attributi, propensione al gioco di squadra. Quello che a volte non dicono è che bisogna essere anche un po’ fuori come un balcone. Come un tasso del miele che prende e batte un leone in un uno contro uno. Ma è meglio non farselo dire, è la scoperta più bella che si possa fare quando si comincia a capire quanto bello sia farsi riconoscere, calcare tutto quello che ci sta intorno.

Quanto sia bello andare verticali.
Anche nei ghiacci norvegesi.
Anche quando parteciperà ad una specie di Uomini e Donne in salsa australiana.
Ma non sono sicuro che ne volete sentir parlare. E sono sicuro che questa sia tutta un’altra storia.

 

Cristian Lovisetto – Anonima Piloni

 

Tutte le precedenti puntate di Anonima Piloni le trovate qui.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Australia-Samoa, racconto di uno sgambetto

In preparazione al Tri Nations del 2011, i Wallabies affrontano Samoa lasciando a riposo alcuni titolari. Se ne pentiranno amaramente.

18 Maggio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Pat McCabe, centro di sacrificio

Se aspiri a diventare un trequarti dei Wallabies devi saper correre, avere grandi doti alla mano al piede, essere fisicamente superiore. Oppure chiama...

17 Maggio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Roberto Baggio che alla sregolatezza preferiva la sofferenza dell’allenamento

In occasione del 17esimo anniversario della sua ultima partita un omaggio al fuoriclasse e all'uomo

16 Maggio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

CONI: Giovanni Malagò rieletto Presidente per la terza volta

Nella nuova giunta dell'ente che governa lo sport italiano presenti tante donne, con Silvia Salis e Claudia Giordani vice-Presidenti

14 Maggio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dal 15 al 16 maggio 2021

Occhi puntati sul secondo derby celtico e sulle semifinali di Top10, ma si gioca anche nell'emisfero sud

12 Maggio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Andrej Kovalenko, l’eroe dei tre mondi

Esiste uno sparuto numero di rugbisti che hanno avuto l'onore di rappresentare due Nazionali. Solamente uno ne ha rappresentate tre.

12 Maggio 2021 Terzo tempo