Irlanda: chi è Craig Casey, che strappa lodi a Sexton e stava tra le braccia di Stringer

Il giovane mediano di mischia ha impressionato nei 18 minuti giocati: respira rugby fin dall’infanzia

Craig Casey Italia Irlanda Sei Nazioni 2021

Craig Casey, Italia-Irlanda Sei Nazioni 2021 – ph. Sebastiano Pessina

Nella comoda vittoria dell’Irlanda sull’Italia nella terza giornata del Sei Nazioni 2021, l’head coach degli ospiti Andy Farrell ha permesso a due giocatori di esordire con la nazionale maggiore.

Il primo è Ryan Baird, seconda linea del Leinster con un fisico imponente supportato da un atletismo fuori dal comune. Il secondo è Craig Casey, mediano di mischia classe 1999 del Munster, già da un paio d’anni episodicamente coinvolto con la franchigia di Limerick, che quest’anno ha raccolto 8 presenze da titolare in Pro14.

Con Murray infortunato e la sostanziale rinuncia ai talenti di John Cooney e Kieran Marmion, Andy Farrell si è indirizzato verso il giovane numero 9, che ha colto alla grande la sua occasione disputando 18 ottimi minuti nel finale di partita a Roma dopo essere rimasto a guardare dalla panchina gli interi 80 minuti di Francia-Irlanda.

Per coronare la sua prestazione ha ricevuto anche le pubbliche lodi in conferenza stampa di un Jonathan Sexton quanto mai gioviale e a suo agio nell’occasione, nonostante le modalità virtuali con cui si è tenuto l’incontro fra il capitano dell’Irlanda e la stampa.

Leggi anche: Sei Nazioni 2021: tutte le classifiche dopo tre giornate

Dopo aver rivelato che in allenamento sta provando anche da primo centro (“È una possibilità che lo staff sta studiando”) e riconosciuto le qualità di Franco Smith (“Ogni volta che ho giocato contro una sua squadra, che fosse l’Italia o il Benetton, sono sempre stato messo alla prova”), l’apertura di Leinster è stata interpellata sugli esordienti di giornata, sbilanciandosi in maniera inconsueta per i suoi standard.

“Onestamente non conoscevo bene Craig Casey – ha detto il numero 10 – Non avevo mai giocato con lui, ma quello che mi ha colpito è la sua attitudine al lavoro: non credo di aver mai incontrato qualcuno con una mentalità del genere, mi ricorda quello che ho letto di Jonny Wilkinson, è l’unica persona a cui posso compararlo”.

Il riferimento è all’ossessione per la perfezione dell’ex apertura dell’Inghilterra campione del mondo: “È d’ispirazione per il resto del gruppo e perfino per me, a questo punto della mia carriera. Mi piace essere l’ultimo ad uscire dal campo di allenamento, ma con Craig in giro è impossibile.”

Casey è nato a Limerick ed è cresciuto respirando rugby in ogni singolo momento della propria vita. Nipote dell’ex trequarti dello Shannon e del Munster Mossy Lawler, che oggi allena la under 20 del Connacht, il mediano di mischia ha ricevuto i complimenti speciali di un grande ex del Munster e dell’Irlanda, Peter Stringer.

Stringer ha infatti postato su Twitter una foto di una decina di anni fa in cui tiene in braccio un giovanissimo Craig Casey.

Non è stato l’unico a ricordare il Casey bambino comparire spesso dalle parti del Thomond Park. L’ex terza linea Alan Quinlan, oggi commentatore, ha ricordato: “L’ho tenuto in braccio da bambino”, mentre sui social è apparsa un’altra fotografia in compagnia di Anthony Foley, il numero 8 e poi head coach del Munster prematuramente scomparso.

Complice questa precoce esposizione a una crescita a pane e palla ovale Casey è ben presto diventato uno dei giovani più interessanti del panorama irlandese, malgrado le sue dimensioni fisiche estremamente contenute (non arriva al metro e 70).

Sebbene debba migliorare nel gioco al piede e dimostrare di essere affidabile in fase difensiva, Casey porta un bagaglio di energia enorme al gioco, con la sua iperattività e l’estrema precisione e rapidità nel passaggio.

Nel 2019 ha vinto il Grande Slam al Sei Nazioni under 20 insieme a Harry Byrne, segnando anche una doppietta contro l’Italia. Oggi è una delle speranze più solide per il rinnovo generazionale al quale la nazionale in verde dovrà andare incontro.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2021: highlights del secondo turno, classifiche e calendario

L'Inghilterra conquista la finale, l'Irlanda manda un messaggio alle francesi

11 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile 2021: Un’Irlanda devastante lancia la sfida alla Francia per il primo posto

Galles battuto 0-45 al Cardiff Arms Park. Le Verdi si presentano al meglio alla super-sfida di sabato contro Les Bleues

10 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2021: primo tempo positivo, ma l’Italia si scioglie al cospetto dell’Inghilterra 3-67

Le ospiti scavano il solco nell'ultimo quarto di gara, in cui le azzurre non riescono ad opporre resistenza

10 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: il pre-partita di Italia-Inghilterra dalle 14.00 qui su OnRugby

Il primo domani alle 14, con la presenza di Paola Zangirolami e Martin Castrogiovanni

10 Aprile 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: BT conferma lo sponsor per altri tre anni

Raggiungerà la durata di 10 anni la sponsorizzazione che ha cambiato il volto del rugby scozzese

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: il XV ideale della prima giornata di OnRugby

La nostra selezione del meglio, in termini di singoli, del turno d'apertura