Eddie Jones: “Il nostro inizio così così? Colpa anche dell’assenza del pubblico”

L’allenatore inglese usa i soliti riferimenti al calcio per motivare prestazioni al di sotto delle attese da parte dei suoi

Eddie Jones, allenatore dell'Inghilterra. PH Sebastiano Pessina

Eddie Jones, allenatore dell’Inghilterra. PH Sebastiano Pessina

Sono poche le cose sicure nel mondo del rugby, ma una di queste è certamente il fatto che Eddie Jones sia un grandissimo comunicatore, abile a spostare l’attenzione dei media a proprio piacimento su determinati argomenti. L’inizio di Sei Nazioni non proprio indimenticabile dell’Inghilterra permette alla stampa britannica di andare a scavare intorno alla formazione della rosa, per provare a capire cosa non abbia ancora funzionato perfettamente. Come riportato dal Times, secondo Eddie Jones uno dei problemi principali è legato alla pandemia, nel suo complesso: il fatto di vivere in una bolla, e di giocare senza pubblico, ha fatto abbassare l’aggressività ai suoi giocatori. “Stiamo facendo delle ricerche per dimostrare come con gli stadi vuoti i giocatori siano meno aggressivi. Non abbiamo soluzioni al momento, ma questa è una delle cose alle quali stiamo guardando di più” ha detto l’allenatore dell’Inghilterra.

Leggi anche: Inghilterra, le accuse di Mike Brown a Eddie Jones

Riferendosi alle due partite giocate, ha detto come contro la Scozia ai suoi sia mancato uno stile di gioco che ormai sembrava assodato nelle ultime uscite, oltre alla capacità di sapersi imporre sugli avversari anche usando il fisico. Eddie Jones, da sempre interessato al mondo del calcio, fa anche un altro paragone: “Guardate al Liverpool, che è una squadra molto aggressiva soprattutto ad Anfield Road dove poteva contare su un pubblico rumoroso. Le loro difficoltà dell’ultimo periodo penso che derivino anche dall’assenza dei tifosi sugli spalti”. Ovviamente questo discorso vale per tutte le avversarie dell’Inghilterra nel Sei Nazioni, perché è vero che Twickenham senza pubblico perde sicuramente parte della sua capacità di intimorire, ma è difficile pensare che la stessa cosa non succeda ad esempio ad Edimburgo o soprattutto a Cardiff.

Parlando poi della prossima partita, quando l’Inghilterra sarà attesa in Galles, Eddie Jones ha detto: “Stiamo lavorando in vista del Galles per capire come migliorare ancora”. Infine l’allenatore dell’Inghilterra ha riferito come secondo lui sarebbe un ottima cosa quella di ripristinare i Saxons (la seconda squadra inglese), ormai spariti dal lontano 2016 quando fecero un Tour in Sudafrica.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV più “anziano” di sempre con tanti azzurri

Una formazione praticamente imbattibile, che comprende tanti super campioni del recente passato. Metà mischia e numero 10 vestono la maglia azzurra.

item-thumbnail

La situazione di Paolo Odogwu preoccupa gli Wasps

A breve saranno 50 giorni senza partite per il trequarti ancora a secco di presenze nel Sei Nazioni...

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: 26 atlete per un raduno di preparazione, dal 12 al 14 marzo

Assenti le ragazze impegnate nei playoff dell'élite 1, massimo campionato francese

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021, Francia: la nazionale finisce sotto inchiesta del Ministero dello Sport

Oltralpe scoppia il caos, mentre si pensa a come poter terminare il torneo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021, Galles-Inghilterra: Pascal Gauzere ha ammesso di aver sbagliato sulle mete gallesi

Il fischietto francese Pascal Gauzere ha analizzato, insieme ai suoi superiori, quello che è successo nel primo tempo della sfida di Cardiff

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: la meta di Meyer è in lizza come “Try of the Round”

La corsa vincente del terza linea è nella short-list delle migliori mete dell'ultimo turno del torneo