Benetton, parla il preparatore Vigna: “Difficile trovare una causa comune per gli infortuni”

I Leoni lavorano in una situazione complicata, tra risultati che non arrivano a rinvii o cancellazioni delle partite che rivoluzionano i programmi

Benetton Rugby: Simone Ferrari

Benetton Rugby: Simone Ferrari, purtroppo per lui si prospetta un lungo stop – ph. Sebastiano Pessina

È indubbio che la stagione del Benetton Rugby sia estremamente complicata sotto tanti punti di vista. Dai risultati che non arrivano, con l’unica vittoria stagionale ottenuta in Challenge Cup, ai tanti infortuni soprattutto in prima linea, fino alla separazione già annunciata dall’head coach Crowley a fine anno, con 12 mesi di anticipo rispetto a quanto previsto. Del momento ne ha parlato il preparatore atletico dei Leoni Giacomo Vigna, che dalle colonne del “Gazzettino” ha innanzitutto espresso le sue considerazioni sui tanti stop capitati ai giocatori di prima linea (Drudi, Faiva, Zani e per ultimo Ferrari): “Riteniamo io e lo staff che questa serie di problemi alle prime linee sia solo una casualità. Non c’è un modo preciso per definire un caso dall’altro”. Sicuramente non hanno aiutato le tante pause forzate per via del virus, che ha spesso costretto Vigna e i Leoni a rivedere i propri programmi di lavoro, magari puntando solo sull’allenamento in casa quando non ci si poteva muovere in gruppo.

Leggi anche: Il bollettino medico su Simone Ferrari, pilone del Benetton

Proprio prendendo queste due settimane come esempio si capisce quanto sia difficile il momento dal punto di vista fisico: “Ci stavamo preparando per le due partite di Challenge Cup, ora sono saltate e dobbiamo rivedere il tiro e optare per allenamenti diversi. In questa situazione non si può pensare di lavorare a lungo termine”. Lo staff ha analizzato tanti gli infortuni per capire quanto possano essere collegati a questa situazione, senza però riuscire a trovare una risposta chiara, anche perché sono stati tutti stop derivanti da situazioni diverse.

Leggi anche: Thomas Gallo resterà per tre anni a Treviso

Sempre secondo le parole di Vigna, il gruppo è stato colpito dalla notizia dell’addio a fine stagione di Crowley: “Mentalmente è stata una scossa per tutti. Sia i giocatori che lo stesso head coach hanno comunque reagito bene, perché adesso la priorità è quella di reagire il prima possibile dopo tante delusioni”. Il prossimo avversario per il Benetton Rugby si chiama Munster, atteso a Monigo il 30 gennaio prossimo, e i Leoni ci arriveranno praticamente con tre settimane di allenamento “dedicato” dopo lo stop delle Coppe, oltre a tutta una serie di test fisici che normalmente vengono eseguiti a febbraio, ma che data la situazione sono stati anticipati.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “L’arbitro avrebbe potuto fischiare diversamente. Menoncello ha grandi doti”

Il tecnico ha analizzato il match di Galway: "Delusi dal risultato, dovevamo fare di più in mischia e touche"

item-thumbnail

URC: Galway amara per il Benetton, Connacht vince 38-19

Leoni battuti in Irlanda. Decisivi i 10 punti subiti a cavallo dell'intervallo. Rosso per Scrafton nel finale

item-thumbnail

URC, Benetton a Galway: con Connacht per rovesciare il tabù trasferte

Biancoverdi in cerca di punti nell'ultimo turno prima delle coppe europee

item-thumbnail

Benetton, Matteo Minozzi fuori 4 settimane

Arriva la squalifica dopo il rosso ricevuto contro Edinburgh

item-thumbnail

URC, Benetton: Michele Lamaro torna per la trasferta di Connacht

Possibile debutto assoluto in biancoverde per Lapo Frangini in una sfida complicata e importantissima per la classifica

item-thumbnail

Tomas Baravalle e Nasi Manu: la nuova vita dopo il Benetton

Il tallonatore e il terza linea hanno intrapreso strade molto diverse a due latitudini assai differenti