Tri Nations: la formazione degli All Blacks per la rivincita con i Pumas

I 23 uomini scelti da Ian Foster, a caccia del riscatto

La formazione degli All Blacks

La formazione degli All Blacks contro l’Argentina ph. Sebastiano Pessina

Dopo il doppio fragoroso crollo in avvio di novembre, con i due k.o. filati contro Australia – a Brisabane -, ed Argentina, in quel di Sydney, gli All Blacks ed il loro allenatore Ian Foster, nel mirino della critica in patria per un momento piuttosto buoi (ai neozelandesi non accadeva dal 2011 di perdere due sfide di seguito), tornano in campo sabato 28 novembre (ore 9.45, diretta Sky Sport Arena), proprio contro i Pumas – nella quinta giornata del Tri Nations, per superare le difficoltà e rimettersi in pole position in ottica titolo finale nel torneo (una vittoria con bonus, senza concederne ai rivali di giornata, li proietterebbe ad un passo dal successo).

Lo fanno con una squadra che mantiene l’ossatura recente, e cambia solo tre elementi, nel XV di partenza, rispetto ad un paio di settimane or sono. In prima linea, Nepo Laulala – vicino a Joe Moody che festeggia la presenza 50 in nero – prende il posto di Tyrel Lomax, mentre Scott Barrett ed Akira Ioane si riprendono una maglia da titolare in seconda e terza linea (completata dagli intoccabili Sam Cane e Ardie Savea), rispettivamente al posto di Patrick Tuipulotu – e vicino a Sam Whitelock -, e Shannon Frizzell. Confermata la mediana titolare Smith-Mo’Unga, con Beauden Barrett all’estremo, a completare un triangolo arretrato potenzialmente devastante, assieme al fratello Jordie e Caleb Clarke sulle ali.

Partono dalla panchina il trequarti Will Jordan e la terza linea Hoskins Sotutu, due dei talenti in nero esplosi in questo strano 2020.

“Abbiamo avuto un’ottima settimana di lavoro in vista di un test match fondamentale per noi. Per certi versi è eccitante, perché abbiamo la possibilità di redimerci, dopo le ultime nostre uscite, ed anche quella di vincere il torneo (nonostante le due sconfitte filate, gli All Blacks sono ancora in piena corsa per il titolo, ndr). C’è grandissima determinazione e voglia di fare bene da parte dei nostri giocatori, non solo per loro stessi, ma anche per i loro cari, per i loro amici e per tutto il paese che rappresentano”, ha commentato in conferenza stampa Ian Foster, head coach dei ‘tuttineri’.

Leggi anche: World Rugby Ranking, rivoluzione nella classifica mondiale

La formazione degli All Blacks per la rivincita contro l’Argentina – Tri Nations

Nuova Zelanda:
15 Beauden Barrett
14 Jordie Barrett
13 Anton Lienert-Brown
12 Jack Goodhue
11 Caleb Clarke
10 Richie Mo’unga
9 Aaron Smith
8 Ardie Savea
7 Sam Cane (C)
6 Akira Ioane
5 Samuel Whitelock
4 Scott Barrett
3 Nepo Laulala
2 Dane Coles
1 Joe Moody

A disposizione:
16 Codie Taylor
17 Karl Tu’inukuafe
18 Tyrel Lomax
19 Patrick Tuipulotu
20 Hoskins Sotutu
21 TJ Perenara
22 Rieko Ioane
23 Will Jordan

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027