Italia femminile: i commenti di allenatore e protagoniste post Inghilterra

Di Giandomenico, Furlan e Turani hanno risposto virtualmente alle domande dei giornalisti presenti a Parma

Italia femminile

Italia femminile – Manuela Furlan ph. Massimiliano Carnabuci

Nell’immediato post gara di Parma, al termine di una sfida, valida per il quinto turno del Sei Nazioni femminile 2020, in cui l’Inghilterra ha imposto il proprio dominio fisico – declinato sia nelle fasi statiche, che nello strapotere britannico a contatto – sull’Italia, Andrea Di Giandomenico, head coach delle azzurre, ha dato una rapida valutazione a caldo sulla performance delle sue, partendo dall’indisciplina fuori controllo (19 penalità concesse), che ha permesso alle inglesi di giocare spesso in zona rossa, negando invece alle italiane possessi di qualità.

Leggi anche: La cronaca di Italia-Inghilterra del Sei Nazioni femminile

“Nel primo tempo la pressione dell’Inghilterra ci può aver portato a commettere qualche fallo extra, ma è stata soprattutto la precisione nelle fasi di conquista che ci è mancata. Abbiamo avuto pochi palloni di qualità e non siamo riusciti ad impostare il nostro gioco. Lavoreremo per gestire in maniera più efficace queste situazioni”, ha esordito l’head coach aquilano, che ha visto comunque anche un lato positivo del match.

“Abbiamo visto sicuramente dei miglioramenti rispetto alla partita di Dublino, anche se paghiamo ancora un po’ di confidenza con il gioco. L’unica cosa che possiamo fare è prendere consapevolezza di questo aspetto e continuare a lavorare in vista degli impegni futuri”, ha concluso Di Giandomenico.

Leggi anche: Italia, Minozzi e Padovani infortunati

Si aspettava, probabilmente, una partita del genere, invece, capitan Manuela Furlan: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile e che l’Inghilterra scesa in campo per cercare di centrare il Grande Slam. Sono entrate più determinate di noi”. Ha ammesso l’estermo del Villorba, a cui ha fatto eco Silvia Turani, che, preso atto dei tanti errori su cui lavorare duro nei prossimi giorni, prima di dicembre, ha comunque trovato la prova delle azzurre, nonostante il passivo, migliore rispetto alla prima uscita stagionale di Dublino, quantomeno in termini di attitudine e voglia di sacrificarsi l’un per l’altra.

“Nonostante i tanti errori, oggi si è vista un’attitudine diversa rispetto alla gara di Dublino con l’Irlanda. A livello personale sono soddisfatta, ma c’è ancora tanto su cui lavorare, anche a livello collettivo. In questo mese non molleremo un centimetro e ci alleneremo duramente perché ci siamo poste come obiettivo la qualificazione al prossimo Mondiale”, ha dichiarato il pilone delle Amazones Grenoble.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia femminile: nuovo raduno a Parma dal 5 all’8 agosto, ecco le convocate

Torna con l'Italdonne Ilaria Arrighetti, vincitrice del Trofeo Rebecca Braglia 2020/21. Si continua a lavorare in vista di settembre

29 Luglio 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Nuovo raduno a Parma per l’Italia femminile. Ecco le convocate

Ritorni importanti nell'Italdonne che si ritroverà per la seconda volta in Emilia. Cinque le ragazze convocate ancora senza cap

15 Luglio 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Nazionale Femminile Rugby, gli ingredienti di coach Di Giandomenico: programmazione, consapevolezza, innovazione e concretezza

L'allenatore delle Azzurre ci porta dentro le pieghe di un'estate dal sapore iridato

item-thumbnail

La Nazionale femminile in raduno a Parma, ecco le convocate

Trenta azzurre per il primo di quattro appuntamenti verso le qualificazioni alla Coppa del Mondo del prossimo anno in Nuova Zelanda

25 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Le (non) novità relative al torneo di qualificazione mondiale

Si stagliano all'orizzonte alcuni periodi temporali utili, ma sembra vigere ancora l'incertezza su diversi aspetti

14 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile