Andrea Lovotti: analisi e autocritica di quel brutto fallo su Vermeulen

Il pilone azzurro racconta quel momento e tutto quello che ne è conseguito dopo

Andrea Lovotti_Italia_Rugby

Andrea Lovotti alla Rugby World Cup Ph. Sebastiano Pessina

Andrea Lovotti torna “sul luogo del misfatto”. A distanza di tanti mesi da quel 4 Ottobre 2019, il pilone della nazionale torna a parlare del momento del fallo su Duane Vermeulen, durante il match valido per l’ultima giornata della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 fra Italia e Sudafrica, che gli è costato un cartellino rosso e molte settimane di squalifica e pentimento.

Il ricordo e l’ammissione, racconta Andrea Lovotti
“Quel giorno a Shizuoka ho preso il cartellino rosso: ricordo benissimo quel momento – afferma l’avanti – e penso che non lo dimenticherò mai. C’era un giocatore dei nostri che aveva fatto un buco ed era arrivato quasi sui ventidue avversari, noi eravamo un pelo in ritardo e Vermeulen ha messo le pali sul pallone: io ricordo di essere arrivato leggermente laterale e non essendo proprio dritto ho cercato di prendere con un braccio la sua spalla e con l’altro la sua gamba per ribaltarlo dal lato, che solitamente è una cosa regolarissima.
Purtroppo dall’altra parte c’è stato Quaglio che ha avuto la mia stessa idea ma dal lato opposto, l’idea di farlo cadere di lato, ahimè si è evoluta in un’alzata di peso: da lì il nostro errore più grosso è stato quello di non accompagnarlo al terreno in maniera sicura per lui.

La sanzione disciplinare: l’analisi di Andrea Lovotti
“E’ stato un rosso sacrosanto, poi poteva essere dato a me o a Quaglio o a tutti e due: fatto sta che era giusto. Il fallo comunque c’era: pur non essendo intenzionale, ha fatto cadere Vermeulen di testa. La sicurezza dei giocatori viene prima di tutto e in quel caso non siamo stati in grado di tutelarla. Purtroppo per me, è stato giusto così”.

Il post e la voglia di rialzarsi: lo spirito di Andrea Lovotti
“All’inizio – fa sapere il pilone – è stato come se mi fosse crollato il mondo addosso poi, pian piano, con l’aiuto dei compagni e dei famigliari è stato più semplice passarci sopra. Rimane un’ esperienza: da quello che è accaduto ho imparato a tirarci fuori anche un lato positivo, a gestire la pressione e a non lasciarmi andare alla foga del momento ma a essere più lucido”.

“Di cose brutte ne ho vissute sui social, dove mi hanno detto che sono stato la vergogna della nazione e che ho voltato le spalle alla bandiera, per fortuna però anche lì c’è stato qualche meme simpatico che ha alleggerito un po’ la situazione”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia Emergenti: convocati e tipo di lavoro per il raduno di domani a Treviso

Si apre in Veneto (con seconda tappa a Parma) una due-giorni importante per il lancio del gruppo Emergenti

9 Agosto 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il 2020 di Maxime Mbanda

Il terza linea delle Zebre e della Nazionale ha raccontato il suo anno particolare, con uno sguardo su una novità in arrivo

5 Agosto 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il calendario azzurro dell’autunno prende sempre più forma: “8 Nazioni” in vista

Quasi certa - anche se per l'ufficializzazione bisognerà attendere - la possibilità di un torneo novembrino ad 8 squadre al posto dei Test Match

27 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – triangolo allargato

Uno sguardo alla linea arretrata, ed in particolari ad ali ed estremi per Franco Smith

22 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – centri

Uno sguardo al reparto azzurro che dispone di alternative variegate

21 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

I ritiri azzurri del 2020

I giocatori con almeno un Cap che hanno deciso di smettere

20 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale