Il massacrante camp di allenamenti degli Springboks prima del Mondiale 2003

Colpi d’arma da fuoco, acqua gelida, disciplina militare: quando preparare un Mondiale diventa estremo

ph. Sebastiano Pessina

È sempre interessante scoprire, anche ad anni di distanza, storie incredibili provenienti dal mondo di ovalia. Nelle ultime settimane sono usciti i dettagli della terribile preparazione che il Sudafrica ha fatto in vista della Coppa del Mondo 2003. Perché terribile? Il motivo è semplice, dato che i giocatori hanno fatto un vero e proprio allenamento militare, in un luogo chiamato Kamp Staaldrad. Ne hanno parlato Jean De Villiers, John Smith e Schalk Burger, non certo tre agnellini, i quali hanno ricordato l’estrema durezza di quel periodo.

Leggi anche: In Sudafrica c’è la griglia più bella del mondo (se tifi Springboks)

I sudafricani dovevano rivolgersi ai militari che controllavano il campo chiamandogli “Signore” e a loro volta loro venivano identificati con un numero di servizio. Il progetto è stato ideato per dare ai giocatori un assaggio dell’organizzazione e della disciplina militare, ma ha finito per creare più danni fisici che altro. Nel video seguente è possibile ascoltare i tre giocatori poco fa citati che ne parlano durante una puntata speciale del programma “Use it or lose it” di Rugbypass:

Sull’argomento è intervenuto anche Joe Van Niekerk che, intervistato da Midi Olimpyque su quale fosse stato il momento della sua carriera nel quale ha provato paura, ha risposto proprio Kamp Staaldrad. L’ex flanker degli Springboks ha ricordato come i giocatori dovessero attraversare dei tunnel strettissimi stando completamente nudi e mentre veniva loro versata acqua gelida sulla testa. Impressionante anche il ricordo di Schalk Burger: “Appena arrivati al campo, come benvenuto, abbiamo sentito dieci colpi d’arma da fuoco volare sopra le nostre teste. Li abbiamo capito che stavamo per fare qualcosa di davvero estremo”.

Leggi anche: La storia incredibile di Joe Van Niekerk e la giungla del Costa Rica

Ricordiamo che, in quella Coppa del Mondo 2003, l’avventura dei sudafricani si interruppe ai quarti di finale contro la Nuova Zelanda. Primo tempo equilibrato sul 13-6, poi nella ripresa gli All Blacks hanno preso il largo fino a imporsi per 29-9.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di Onrugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend ovale

Quattro sfide in diretta e un grande match delle Zebre da seguire in relive. Ecco tutte le indicazioni orarie e dei canali

9 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Zebre Rugby, quanto conoscete la franchigia ducale?

Storia, numeri, giocatori passati e presenti sono i protagonisti del nostro quiz

9 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #69: I Brumbies, da rimessa laterale

La prima meta della seconda partita del Super Rugby AU è l'esecuzione perfetta di una giocata che attacca l'anello debole di ogni difesa: la coda dell...

6 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Italrugby: il quiz sugli Azzurri di Franco Smith

I 28 convocati da Franco Smith, e non solo loro, sono i protagonisti delle 14 domande sulla Nazionale rugby

6 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Israel Folau ha deciso dove giocherà la prossima stagione

Il talento australiano ha firmato per la prossima stagione, indicando il codice col quale vuole proseguire la carriera

4 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend ovale

Un fine settimana finalmente denso di impegni davanti agli schermi italiani

2 Luglio 2020 Terzo tempo