Galles: 5 curiosità su George North, dentro e fuori dal campo

Fra record e passioni: la vita del trequarti gallese

ph. Sebastiano Pessina

Corre veloce all’ala ormai da quasi un decennio George North, che da quando è stato selezionato da Warren Gatland, nel lontano 2010, è diventato uno dei maggiori simboli del Galles ovale, nonostante qualche problema fisico – a volte di troppo – lo abbia tenuto lontano dai campi per lunghi periodi.

Un rugbysta amato da tutta Ovalia l’attuale giocatore degli Ospreys, a cui il sito del Pro14 ha dedicato un focus lanciando 5 curiosità su di lui.

1 – Sia Galles che Inghilterra
Il trequarti avrebbe potuto giocare sia per l’una che per l’altra nazionale del Regno Unito essendo nato da padre inglese e madre gallese, in quel di Kings Lynn (Inghilterra centrale, ndr). Ad “avere il sopravvento” alla fine è stata l’opera di convincimento della mamma di North e il fatto che sia cresciuto con un’istruzione “Made in Wales”.

2 – Detentore di record
Debuttando in nazionale a 18 anni e 214 giorni il 13 novembre 2010 contro il Sudafrica (oggi come allora campione del mondo in carica), North è diventato il più giovane giocatore a esordire a livello internazionale con la maglia dei Dragoni battendo per soli ventiquattro giorni (18 anni e 238 giorni, ndr) il precedente record di Tom Pearson, risalente addirittura al 1891: nessuno al momento è riuscito ad avere un debutto più precoce sulla scena internazionale col Galles.

3 – Obiettivo Shane Williams
Al momento sono 95 i caps dell’ala, conditi da 40 mete messe a referto: 18 in meno rispetto a Shane Williams, uno dei suoi idoli d’infanzia. Proprio la leggenda gallese si è così espressa su George North: “All’inizio ho cercato di aiutarlo ma, ad essere sincero, non c’era molto che potessi insegnargli: era già veloce e prestante. Si era capito subito che aveva doti per essere uno dei leader. Sicuramente sarà un giocatore che verrà ricordato per molto tempo”.

4 – Una famiglia di sportivi
Il classe 1992 non è l’unico sportivo famoso in casa. Sua moglie infatti è l’ex pistard britannica Rebecca “Becky” James, due volte argento olimpico alle ultime Olimpiadi di Rio 2016 (nella velocità individuale e nel keirin, ndr) e due volte campionessa mondiale, ritiratasi dall’attività agonistica nel 2017.

5 – La passione per i dolci e per i cani
Nonostante le diete a cui è costretto a sottoporsi per rimanere in forma North ha un debole per i dolci, ma non è l’unica passione extracampo del velocissimo gallese, il quale infatti è molto appassionato anche di cani.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Top14: Ma’a Nonu torna in Francia

Il centro classe '82 è reduce dall'esperienza in MLR

27 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

In Inghilterra il rugby non di prima fascia si ferma fino al 2021

Dalla terza serie in giù al maschile, e dalla seconda al femminile, non si riparte: il rugby resta fermo in attesa di nuove indicazioni dal Governo

25 Settembre 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Non basta il solito grande Jake Polledri a Gloucester

L'azzurro decisivo per una meta dei suoi (guarda il video) in un match capovolto nel finale da Bath che piazza un parziale di 28 a 0

23 Settembre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

La Federazione Inglese è in grande difficoltà economica

Il quadro finanziario è in peggioramento: probabile un aiuto del governo

23 Settembre 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Il mondo del rugby si stringe nuovamente intorno ad Alex Corbisiero

L'ex pilone inglese dovrà combattere nuovamente con un brutto male

22 Settembre 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Francia, il caso Bernard Laporte: è in stato di fermo

Il presidente della Federazione Francese al centro di una bufera che riguarderebbe anche i Mondiali 2023

22 Settembre 2020 Emisfero Nord