Galles: 5 curiosità su George North, dentro e fuori dal campo

Fra record e passioni: la vita del trequarti gallese

ph. Sebastiano Pessina

Corre veloce all’ala ormai da quasi un decennio George North, che da quando è stato selezionato da Warren Gatland, nel lontano 2010, è diventato uno dei maggiori simboli del Galles ovale, nonostante qualche problema fisico – a volte di troppo – lo abbia tenuto lontano dai campi per lunghi periodi.

Un rugbysta amato da tutta Ovalia l’attuale giocatore degli Ospreys, a cui il sito del Pro14 ha dedicato un focus lanciando 5 curiosità su di lui.

1 – Sia Galles che Inghilterra
Il trequarti avrebbe potuto giocare sia per l’una che per l’altra nazionale del Regno Unito essendo nato da padre inglese e madre gallese, in quel di Kings Lynn (Inghilterra centrale, ndr). Ad “avere il sopravvento” alla fine è stata l’opera di convincimento della mamma di North e il fatto che sia cresciuto con un’istruzione “Made in Wales”.

2 – Detentore di record
Debuttando in nazionale a 18 anni e 214 giorni il 13 novembre 2010 contro il Sudafrica (oggi come allora campione del mondo in carica), North è diventato il più giovane giocatore a esordire a livello internazionale con la maglia dei Dragoni battendo per soli ventiquattro giorni (18 anni e 238 giorni, ndr) il precedente record di Tom Pearson, risalente addirittura al 1891: nessuno al momento è riuscito ad avere un debutto più precoce sulla scena internazionale col Galles.

3 – Obiettivo Shane Williams
Al momento sono 95 i caps dell’ala, conditi da 40 mete messe a referto: 18 in meno rispetto a Shane Williams, uno dei suoi idoli d’infanzia. Proprio la leggenda gallese si è così espressa su George North: “All’inizio ho cercato di aiutarlo ma, ad essere sincero, non c’era molto che potessi insegnargli: era già veloce e prestante. Si era capito subito che aveva doti per essere uno dei leader. Sicuramente sarà un giocatore che verrà ricordato per molto tempo”.

4 – Una famiglia di sportivi
Il classe 1992 non è l’unico sportivo famoso in casa. Sua moglie infatti è l’ex pistard britannica Rebecca “Becky” James, due volte argento olimpico alle ultime Olimpiadi di Rio 2016 (nella velocità individuale e nel keirin, ndr) e due volte campionessa mondiale, ritiratasi dall’attività agonistica nel 2017.

5 – La passione per i dolci e per i cani
Nonostante le diete a cui è costretto a sottoporsi per rimanere in forma North ha un debole per i dolci, ma non è l’unica passione extracampo del velocissimo gallese, il quale infatti è molto appassionato anche di cani.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tolosa mette insieme la seconda linea più alta della storia del rugby

Mercato sempre caldo in Francia, con Bayonne che annuncia l'arrivo di un fumantino talento australiano proveniente dalla NRL

31 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Major League Rugby: Los Angeles avrà la sua franchigia nel 2021 (ma è tutto un po’ strano)

Si chiamerà LA Giltinis, in onore di un cocktail commercializzato dall'azienda proprietaria, la stessa della squadra di Austin

29 Maggio 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Nel Top 14 ci si muove per fronteggiare la crisi

Tre squadre hanno comunicato che nella prossima stagione ci saranno tagli importanti a giocatori e staff tecnico

28 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

I Saracens battono un colpo, e che colpo (!) anche in entrata

Nonostante la retrocessione in Championship, i londinesi piazzano un colpo di rilievo in mediana

27 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Il Top 14 del 2010: l’indimenticabile prima volta di Clermont

Dopo una serie lunghissima di finali perse finalmente il paradiso per la squadra di Gonzalo Canale

24 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

“Due match a porte chiuse e falliremo”

I Presidenti delle squadre di Top 14 lanciano un grido d'allarme. Impensabile per loro non giocare con i tifosi sugli spalti

23 Maggio 2020 Emisfero Nord