La Spagna e quell’incredibile meta da 95 metri, un quarto di secolo fa

Rivediamo una delle più belle segnature della storia spagnola: che spettacolo contro la Scozia!

ph. Federacion Espanola de Rugby

E chi l’ha detto che le mete più belle le segnano solo le grandi squadre? Il rugby è assolutamente democratico nel regalare numeri da brivido e giocate spettacolari, e dunque anche le piccole possono avere il loro momento di gloria contro le cosiddette grandi. Per dimostrarlo meglio torniamo al 6 maggio del 1995, quando la Spagna ospitò la Scozia in quello che nella storia è l’unico test match tra le due formazioni. A pochi mesi dall’edizione della Coppa del Mondo sudafricana, la squadra del cardo era in tour per prepararsi al meglio, e prima di due sfide contro lo Zimbabwe, giocò due partite in terra iberica. La prima fu un faticoso 27-16 contro una selezione denominata Madrid XV, in una sfida senza cap ma che comunque destò qualche allarme nella stampa scozzese vista la nutrita presenza di internazionali nella squadra allora allenata da Jim Telfer. Il 6 maggio a Madrid ecco però la partita “vera” tra le due Nazionali: le furie rosse non erano qualificate per quel Mondiale (l’unica loro presenza sarà quella del 1999), dunque non rappresentavano un ostacolo insormontabile. E infatti la gara venne vinta con relativa facilità dagli scozzesi, capaci di imporsi per 62 a 7: tre mete di Joiner, due di Hastings e Wainwright, una a testa per Logan, Chalmers e Morrison. Fu una sola la marcatura pesante della Spagna, ma guardate che spettacolo:

Dopo una mischia vinta nei propri 22, gli spagnoli partirono praticamente dai loro cinque metri, trovando una serie di accelerazioni fantastiche. La fuga “buona” è stata quella dell’estremo Puertas, capace di servire con un bell’offload l’ala Saenz che ha lanciato Gerediaga. Fermata l’apertura a pochi passi dalla meta, ecco un altro offload per l’accorrente Pablo Gutierrez (con la maglia numero 11) per la bellissima segnatura al centro dei pali. Meta poi trasformata da Gerediaga per il momentaneo 36 a 7, e spettacolo che a 25 anni di distanza merita sempre di essere rivisto.

Per essere sempre aggiornato sulle news di Onrugby iscriviti al nostro canale Telegram

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Super Rugby AU: gli highlights di Reds-Waratahs

Le migliori azioni e le tante mete della partita della mattina

3 Luglio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Mete spettacolari dei numeri nove alla Coppa del Mondo

Non solo Faf De Klerk, ma tanti altri pari ruolo che hanno regalato dei veri gioielli per gli occhi: Perenara, Reinach, Davies e tanti altri...

3 Luglio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Le azioni più divertenti della storia del rugby

Imprevisti ovali vissuti dai giocatori su un campo da rugby

2 Luglio 2020 Foto e video
item-thumbnail

E’ il seconda linea più veloce di sempre?

Uno scatto da trequarti per chi è avanti di mestiere e la meta alla bandierina

1 Luglio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Attenti al cane: sa placcare!

Azione incredibile da parte del miglior amico dell'uomo

30 Giugno 2020 Foto e video
item-thumbnail

Quando l’arbitro si trova sulla linea di corsa… l’esito può essere ‘drammatico’

Cose che succedono nel campionato Espoir francese

29 Giugno 2020 Foto e video