Jonny May non giocherà più a Leicester

L’ala inglese lascia i Tigers, destinazione Gloucester. Hadleigh Parkes invece potrebbe salutare il Galles nella prossima stagione

Jonny May - Sebastiano Pessina ph.

Jonny May – Sebastiano Pessina ph.

Nonostante il periodo senza partite, l’arrivo della Pasqua porta un bello scossone al rugby-mercato nel Regno Unito. La prima notizia è una certezza e riguarda Jonny May: l’ala della Nazionale inglese non farà parte dei Leicester Tigers nella prossima stagione. Arrivato nel 2017, May chiude dunque dopo tre anni il suo rapporto con le “tigri”, come raccontato dall’head coach Geordan Murphy: “Assemblare una squadra è sempre un esercizio molto delicato. Il fatto che May sia un giocatore di livello internazionale restringe il numero di partite che può giocare col club, e questo, al netto del suo stipendio e del nostro salary cap, ci costringe a fare delle scelte”. Lo stesso May ha dichiarato comunque di sentirsi soddisfatto per quanto realizzato con la maglia di Leicester, per la quale dice di aver dato sempre il 100%: “Per diverse ragioni non sarò più un giocatore di Leicester e questo è un gran dispiacere per me, il club ora inizierà un nuovo percorso di successi con un gruppo di giocatori di talento e gli auguro il meglio”. Queste le parole del 30enne inglese, che prima di Leicester ha giocato per otto stagioni a Gloucester, e che veste la maglia della sua Nazionale dal 2013. In totale per lui sono 56 le presenze internazionali con 29 mete realizzate.

E proprio a Gloucester, casa di Jake Polledri e Callum Braley fra gli altri, approderà May. Lo ha annunciato il club biancorosso sui propri canali social.

In apertura abbiamo però parlato di Regno Unito, e allora spostiamoci in Galles. Non c’è l’ufficialità, ma le voci a riguardo sono importanti: Hadleigh Parkes potrebbe andare a giocare in Giappone dalla prossima stagione. Il 32enne centro, neozelandese di nascita ma qualificato gallese per aver giocato con gli Scarlets dal 2014, ha il contratto con la federazione in scadenza (contratto che ricordiamo, per il gruppo dei 38 elite players, viene pagato all’80% dalla WRU e al 20% dalle franchigie). Sembra che dal Galles gli sia stato proposto il rinnovo per un solo anno, mentre i Panasonic Wild Knights si siano presentati con un’offerta pluriennale e una cifra maggiore. Qualora accettasse, come sembra, si chiuderebbero per lui le porte della Nazionale dei dragoni: questo perché Parkesha ottenuto sinora 29 caps (tutti dal 2017), ma servono però 60 per rappresentare il Galles giocando all’estero, dunque per Pivac e il suo staff potrebbe aprirsi una bella voragine al centro del campo. Le prossime settimane sicuramente saranno quelle decisive per il futuro di Hadleigh Parkes e della maglia rossa numero 12.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Dan Biggar: “Voci sul mio ritiro? Ci sono abituato. Il 2023 è stato veramente difficile”

Il gallese parla di tutto quello che ha attraversato negli ultimi sei mesi

12 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Sir Clive Woodward critica l’approccio “arcaico” della RFU

L'ex allenatore dell'Inghilterra campione del mondo ha detto la sua sulle norme dell'eleggibilità della Nazionale

10 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Bill Sweeney, CEO della RFU: “Non cambieremo le regole per chi gioca all’estero”

La Federazione inglese vuole mantenere le regole attuali sull'eleggibilità di chi gioca fuori dalla Premieship

10 Aprile 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

Saracens: il sostituto di Owen Farrell arriva dalla Nuova Zelanda

Il club rossonero ha scelto un talentuoso numero 10 dei Crusaders, eleggibile per l'Inghilterra e anche per la Scozia

3 Aprile 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Nove italiani all’estero in campo nel weekend

Mori contro Garbisi per Pasqua a San Sebastian, mentre il Perpignan di Allan e Ceccarelli continua ad andare forte

2 Aprile 2024 Emisfero Nord