Joe Van Niekerk ed il particolare punto di vista su doping e dintorni

L’ex capitano del Tolone, oggi in Costa Rica, si è espresso sul tema in un’intervista al Midi-Olympique

RC Toulon’s South African flanker and captain Joe Van Niekerk (L) vies with Agen’s Romain Edmond Samuel (R) during the French Top 14 rugby Union match RC Toulon vs Agen on May 4, 2013, at the Mayol stadium in Toulon. AFP PHOTO / BORIS HORVAT (Photo by BORIS HORVAT / AFP)

Joe Van Niekerk, dopo una lunga e gloriosa carriera ovale, con esperienze di livello assoluto sia nel rugby internazionale – 52 caps in maglia Springboks – che in quello di club, tra Tolone (di cui fu anche capitano) in Top14, e Cats e Stormers in Super Rugby, si è trasferito in Costa Rica, per cambiare totalmente vita e dedicarsi agli altri.

In questi giorni di quarantena, raccontando la sua storia (che vi avevamo già tratteggiato su OnRugby negli scorsi mesi) in una lunga intervista al Midi Olimpyque, incalzato dalle domande dei giornalisti transalpini, ha affrontato senza peli sulla lingua anche il sempre spinoso tema del doping nel rugby (e non solo), fornendo un punto di vista estremamente particolare.

“Non credo ci fosse un sistema di doping organizzato nel rugby, ma le droghe ricreative ci sono sempre state e, francamente, credo che le autorità di rugby dovrebbero essere più indulgenti riguardo a questi comportamenti. Peraltro, sospendere un atleta per sei mesi o addirittura per un anno perché lui, o lei, ha assunto cocaina la sera mi sembra un’esagerazione. Invece di mortificare e distruggere l’animo di questi ragazzi, dovremmo accompagnarli, aiutarli e sostenerli sin a portarli fuori dal problema”, ha spiegato l’ex ‘Galactico’.

Leggi anche: Regole del gioco: World Rugby offre ulteriori linee guida sul breakdown

“Dopo le partite, si prende un sacco di roba: sonniferi, tramadol (un rilassante per muscoli). Pensiate davvero che questa roba faccia bene al corpo? Eppure è tutto legale e molto diffuso. Ma ciò che mi preoccupa maggiormente è vedere come l’alcol sia al centro di tutto nel mondo del Rugby – ha puntualizzato Van Niekerk, sottolineando l’ipocrisia del sistema e mostrandosi preoccupato dallo stato attuale dell’arte -. Abbiamo bevuto litri e litri di birra, io per primo. Tuttavia, non c’è niente di peggio dopo una partita di rugby: congela il sangue, ti stanca, ti disidrata e rallenta il recupero. Tuttavia, l’alcol fa parte della vita di tutti i giorni nel nostro sport e le sue lobby finanziano anche le più grandi competizioni”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

45 anni fa, la prima storica espulsione di un giocatore dell’Inghilterra

Toccò a Mike Burton, in una sfida a Sydney contro i Wallabies

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rob Howley spiega cosa l’ha spinto al gioco d’azzardo

Da possibile allenatore dell'Italia alla cacciata dal mondo del rugby: ecco il motivo della caduta del gallese

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Benetton v Zebre, Pro12 2015/2016 & Irlanda v USA, RWC 2010

Due appuntamenti per il pomeriggio: derby combattuto a Monigo e sfida senza domani alla Coppa del Mondo femminile

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Dragons v Benetton, Pro12 2011/2012 & Italia v Tonga, RWC 1999

Due partite molto diverse, per ritmo, risultato, emozione e sentimento. Entrambe riproposte questa sera

30 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive, il programma completo: c’è Italia-Scozia 2000

Ma anche Italia-Tonga del 1999, Benetton-Zebre del 2016 e Benetton-Dragons del 2012

29 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Relive: Italia-Tonga del 1999 e derby celtico in arrivo

Ecco gli appuntamenti per il fine settimana. Emozioni a non finire con Inghilterra-Galles della RWC 2015

28 Maggio 2020 Terzo tempo