“Il rugby ha bisogno di soldi”: ecco perché la Rugby World Cup si gioca in Francia

Claude Atcher, CEO della RWC 2023, ha raccontato cos’ha spinto il voto delle federazioni a ribaltare il verdetto della commissione

Rugby World Cup 2019 – tv (ph. Sebastiano Pessina)

Alla fine del 2017 il Consiglio di World Rugby ha votato per assegnare la Rugby World Cup 2023 alla Francia, ribaltando il parere di una commissione indipendente, la cui relazione concludeva che il Sudafrica fosse il paese più indicato per ospitare il torneo, sulla base dei progetti presentati.

Una situazione che aveva stupito per l’inconsueta dinamica, dando spazio ad ampie dietrologie. Tre anni dopo la rivista Rugby World ha intervistato Claude Atcher, direttore generale del comitato di organizzazione di Francia 2023 e in precedenza a capo della delegazione che ha sottoposto la candidatura in rappresentanza della federazione francese.

Un’intervista piuttosto diretta, dove Atcher indica il famigerato vil denaro come una delle principali ragioni del mutamento di rotta della votazione nel giro di 15 giorni.

“Il rugby ha bisogno di soldi – ha detto – Penso che il risultato della analisi della commissione fosse tecnico, non politico. Parlando con le persone più addentro la politica, dicevano ‘com’è possibile che le federazioni perdano l’opportunità di fare fra i 65 e gli 80 milioni di euro in più’. Questa era la differenza fra la proposta francese e quella sudafricana o irlandese.”

“Non penso che la proposta della Francia fosse buona solo per i soldi. Però si tratta di un argomento importante, e lo spiegai in un’intervista data circa un mese prima della assegnazione. Dissi: ‘attenti, il rugby non è in buona salute’.”

“Tante federazioni hanno problemi economici. La proposta francese proponeva più soldi rispetto alle altre, e la Rugby World Cup rappresenta il 90% degli introiti di World Rugby.”

Atcher racconta inoltre di aver ricontattato, in quelle due settimane che separarono il verdetto della commissione dal voto, tutte le federazioni, inviando loro un documento dove si controbattevano alcune delle conclusioni presentate. Secondo l’opinione del dirigente francese, inoltre, la Rugby World Cup potrebbe essere commercializzata anche meglio di così, e che vedrebbe di buon occhio una separazione di poteri all’interno della federazione internazionale, che ad oggi è al tempo stesso l’organo che regola il gioco, ma anche che lo promuove a livello globale.

Nonostante gli ottimi risultati dell’edizione giapponese della Rugby World Cup, gli obiettivi per Francia 2023 sono di ampliare ulteriormente il giro d’affari. Il sorteggio dei gironi per la prossima coppa del mondo si terrà a novembre.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: date, città e stadi del prossimo appuntamento iridato

La Francia è pronta a ospitare la decima edizione del torneo planetario

26 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Inghilterra, rivoluzione Eddie Jones: “Al Mondiale 2023 una squadra nuova per il 60%”

Il tecnico pensa già alla Rugby World Cup e ai possibili cambiamenti in rosa

7 Aprile 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: come sarebbero oggi le fasce del sorteggio dei gironi?

I raggruppamenti del Mondiale 2023 verranno composti il prossimo novembre

19 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: il sorteggio dei gironi a novembre

World Rugby ha annunciato che le pool per i prossimi mondiali saranno decise con 3 anni di anticipo

29 Gennaio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Jamie Joseph resterà in Giappone fino alla Rugby World Cup 2023

Il neozelandese ha rinnovato il contratto per restare alla guida dei Brave Blossoms, rinunciando alla candidatura per gli All Blacks

18 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: le reazioni dei protagonisti dopo l’assegnazione alla Francia

Delusione per il Sudafrica, non senza una punta di polemiche. Gioisce Laporte, Browne esalta la sua Irlanda

16 Novembre 2017 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023