Sei Nazioni 2020: Italia confusa e sprecona, la Scozia vince 0-17

Gli Azzurri collezionano errori e perdono decine di palloni al breakdown. A Hogg e compagni basta una prestazione arcigna per batterci

Niccolò Cannone

ph. Sebastiano Pessina

L’avvio di partita vede il primo possesso nei 22 metri avversari in favore della Scozia. La difesa azzurra è disperata dentro i propri 5 metri dopo la carica di Johnson direttamente da rimessa laterale, ma Ali Price commette in-avanti nel momento decisivo.

Sulla mischia che ne consegue Rory Sutherland guida una gran spinta della nazionale scozzese, che vince un calcio di punizione importante per mettere fra i pali i primi punti del match. Adam Hastings, però, è impreciso da posizione semplice.

Il secondo errore di Hastings arriva poco dopo, su un calcio territoriale messo direttamente fuori. La terza imprecisione è un calcetto a scavalcare toccato da un italiano che finisce per carambolare in mano a Hayward poco fuori dai 22 italiani. Da lì, Bellini inventa un attacco spettacolare che incendia l’Olimpico e porta gli Azzurri nei 22 per la prima volta, ma sugli sviluppi Steyn viene portato fuori.

Al 15′ l’Italia attacca con un drive dentro i 22 avversari. La difesa scozzese resiste, ma con un nuovo fallo. Bigi e compagni decidono di insistere e Allan va in rimessa nell’angolo. Il drive però è inefficace anche stavolta e la Scozia addirittura ruba il pallone.

La Scozia riesce poi a ottenere un turnover sul successivo attacco degli Azzurri e a vincere una punizione nella mischia chiusa successiva. L’Italia torna con 0 punti da 3 possessi consecutivi nella zona rossa avversaria.

Al 20′ Minozzi ruba un bel pallone in ruck dopo un suo calcetto a seguire sull’out di sinistra, ma sul successivo allargamento dall’altra parte del campo su Morisi c’è il tenuto italiano per una pulizia inefficace. E’ il festival dello spreco e del caos, dal quale la Scozia ne esce vincitrice: gli ospiti perdono un rimessa a metà campo, ma possono contrattaccare dai propri 22 quando Polledri butta al vento un pallone prezioso dopo aver bucato la difesa; Maitland calcia lungo e Canna recupera ma tiene in campo il pallone sul calcio di liberazione; Hogg, infine, fa il giro intorno a Negri, Morisi e Hayward per andare a segnare alla bandierina. Cinque a zero che non si aggrava per l’errore di Hastings dalla piazzola.

L’Italia subisce il contraccolpo psicologico della marcatura avversaria. Al 29′ Watson batte Morisi e Bellini sulla linea di metà campo e serve Johnson all’interno. Il primo centro ha gioco facile nel servire Ali Price e mandarlo in meta, ma per fortuna dell’Italia l’offload del numero 7 ospite è leggermente in avanti: niente marcatura, si torna a una mischia a metà campo.

Watson che comunque si fa riconoscere come il migliore della prima frazione di gioco vincendo un tenuto a centrocampo che riporta in attacco la sua nazionale quando è passata da poco la mezz’ora. Bella difesa dell’Italia che con Riccioni, appena entrato per uno Zilocchi in diffcoltà, va a guidare una controruck fondamentale. Polledri, poi, rende pan per focaccia forzando un tenuto qualche minuto dopo: è il 36′ e l’Italia è di nuovo nei 22 avversari.

L’Italia prova ancora un drive che è ancora una volta inefficace, guadagna metri con Bellini al largo, ma poi perde palla con Minozzi in terza fase. E allora, quando due minuti dopo gli Azzurri ottengono un altro calcio di punizione, l’Italia prova la via dei pali: Allan colpisce il palo sinistro da posizione defilata all’altezza dei 10 metri.

L’ultima offensiva del primo tempo è ancora scozzese: l’Italia rischia grosso su un attacco di Hogg sul versante sinistro, ma quando l’estremo serve Price al suo interno arriva il provvidenziale placcaggio di Polledri che fa perdere il possesso al 9 scozzese. Finisce il primo tempo sullo 0-5.

L’Italia si salva subito in apertura di ripresa. Watson va ancora oltre dentro i 22 dei padroni di casa, Bradbury si invola verso la meta, Ritchie si presenta puntuale per ricevere l’offload ma Polledri salva con un placcaggio da dietro che fa scoppiare il pallone al 6 della Scozia.

Sulla mischia che ne consegue l’Italia non libera subito, va a terra con Canna sui cinque metri e Jamie Ritchie si riscatta forzando l’ennesimo tenuto. Gli scozzesi vanno allora nell’angolo per provare il colpo grosso: l’Italia resiste al drive, combatte 17 fasi consecutive sulla propria linea di meta ma la Scozia attende pazientemente di logorare il muro azzurro per poi mandare dentro Chris Harris, che riesce a entrare in meta di potenza sul primo allargamento del pallone. Hastings prende il palo sulla trasformazione: 0-10.

L’Italia prova a reagire andando a giocare nei 22 metri con una rimessa laterale dopo una punizione, ma in seconda fase viene commesso un immediato in-avanti.

Nel momento più buio l’Italia trova un barlume di reazione con Hayward, Minozzi e Bellini che orchestrano un contrattacco spettacolare da un pallone perso da Hastings al limite dei 22 azzurri. E’ l’occasione che potrebbe riaprire la partita, ma per l’ennesima volta, su una penetrazione di Polledri, gli scozzesi riescono a mettere le mani e a forzare il tenuto. Oltre al danno anche la beffa: dopo l’azione Riccioni rimane a terra e deve uscire in barella. Rientra un Giosué Zilocchi che nel primo tempo era stato in evidente sofferenza in mischia chiusa.

Sull’ora di gioco la Scozia ha una nuova opportunità su un mezzo pasticcio di Palazzani, appena entrato, ma Steyn è bravissimo a distruggere il maul avversario e a mettere le mani sul pallone.

La Scozia prova ad addormentare la partita: gioca a un passaggio con ruck molto conservative, provando solo a far passare il tempo, e quando si sfilaccia ricorre al calcio nel box. E’ un gioco efficace, perché l’Italia non riesce mai a mettere in dubbio il possesso avversario.

Al 70′ giallo a Zani: il tallonatore è ritenuto colpevole di ribaltare Cummings in una ruck. In 14 l’Italia si gioca le sue ultime carte, spesso in maniera sterile, ma proprio in una delle offensive più decise, con Minozzi e Licata in fuga sulla sinistra, il pallone viene perso. Polledri recupera a centrocampo, ma dalla ruck emerge un Hastings senza più nessun difensore davanti: il numero 10 passeggia fino oltre alla linea di meta, chiudendo l’incontro.

Minozzi esce zoppicando in occasione della meta. L’Italia lancia un ultimo attacco a tempo scaduto, tornati in 15 uomini, ma finisce in un ennesimo nulla di fatto. Il punteggio finale è 0-17.

Italia sterile e confusionaria. I tanti palloni in attacco sono tutti andati a morire in errori gestuali o in turnover al breakdown. Nessun possesso è riuscito ad avere continuità e solo un paio di contrattacchi di Bellini e Minozzi hanno infiammato la situazione. Alla Scozia è bastata una partita conservativa, senza forzare, facendo la caccia al pallone su ogni punto d’incontro, dove Watson e Ritchie hanno battuto nettamente gli avanti azzurri. Un incontro programmato così dallo staff scozzese, consapevole che nella qualità generale i propri giocatori potevano avere la meglio. Così è stato.

 

Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Mattia Bellini, 13 Luca Morisi, 12 Carlo Canna, 11 Matteo Minozzi, 10 Tommaso Allan, 9 Callum Braley, 8 Abraham Steyn, 7 Sebastian Negri, 6 Jake Polledri, 5 Niccolò Cannone, 4 Alessandro Zanni, 3 Giosuè Zilocchi, 2 Luca Bigi (c), 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Federico Zani, 17 Danilo Fischetti, 18 Marco Riccioni, 19 Marco Lazzaroni, 20 Dean Budd, 21 Giovanni Licata, 22 Guglielmo Palazzani, 23 Giulio Bisegni

Marcatori Italia
Mete:
Trasformazioni:
Calci di punizione:

Scozia: 15 Stuart Hogg (c), 14 Sean Maitland, 13 Chris Harris, 12 Sam Johnson, 11 OKBlair Kinghorn, 10 Adam Hastings, 9 Ali Price, 8 Magnus Bradbury, 7 Hamish Watson, 6 Jamie Ritchie, 5 Scott Cummings, 4 Ben Toolis, 3 Zander Fagerson, 2 Stuart McInally, 1 Rory Sutherland
A disposizione: 16 Fraser Brown, 17 Allan Dell, 18 Willem Nel, 19 Grant Gilchrist, 20 Matt Fagerson, 21 George Horne, 22 Rory Hutchinson, 23 Byron McGuigan

Marcatori Scozia
Mete: Hogg (22), Harris (47), Hastings (79)
Trasformazioni: Hastings (79)
Calci di punizione:

onrugby.it © riproduzione riservata
TAG:
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la diretta streaming di Irlanda-Italia

Si gioca in all'Aviva Stadium di Dublino. Kick-off alle 16.30 italiane

24 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Irlanda-Italia, l’analisi dei punti chiave dell’incontro

I tre maggiori temi tattici dell'incontro e un focus sugli interpreti. Kick-off alle 16.30, diretta DMAX, live streaming anche su OnRugby

24 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: l’Italia che scenderà in campo a Dublino

Azzurri che riprendono da dove avevano lasciato: il XV scelto da Franco Smith

22 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Jordan Larmour non ci sarà contro l’Italia

Il recupero del quarto turno del torneo è in programma il prossimo 24 ottobre

13 Ottobre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: le designazioni arbitrali per ottobre e novembre

I direttori di gara per i recuperi del Sei Nazioni maschile e femminile, e per la Autumn Nations Cup

24 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Irlanda: sta per ritirarsi Rob Kearney, il giocatore con più trofei

La sconfitta ai quarti di Champions marca il passo d'addio per uno degli estremi più forti di sempre

20 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni