Il pirotecnico venerdì del Sei Nazioni Under 20

Risultati pesantissimi, e sorprendenti, sui campi del torneo giovanile, con l’Irlanda che ‘vede’ il titolo

Wales’ U20 number 8 Morgan Strong (3R) tackles France’s U20 Nolann Le Garrec (C) during the Under-20 Six Nations international rugby union match between between Wales U20 and France U20 at Stadiwm Zip World in Eirias Park, Colwyn Bay, north Wales, on February 21, 2020. (Photo by Oli SCARFF / AFP)

Il terzo turno di Sei Nazioni Under 20, andato integralmente in scena nella serata di venerdì 21 febbraio, si è rivelato uno dei più divertenti, ed al tempo stesso sorprendenti degli ultimi anni.

Detto dell’amara sconfitta azzurra contro la Scozia, al Mirabello di Reggio Emilia, con il sorpasso ospite proprio sul rettilineo del traguardo di un match non eccezionale per gli azzurri, ma a lungo in controllo, l’altra grande sorpresa della serata è arrivata dal Galles.

In un clima da tregenda, in quel di Colwyn Bay, il Galles, che era ancora fermo a quota zero (sia in termini di vittorie che di punti in classifica, dopo le prime due giornata), si è imposto (14-11) sui due volte campioni del Mondo in carica (anche se con generazioni diverse) della Francia.

Nonostante il dominio territoriale e di possesso dei giovani transalpini, nel corso del primo tempo (durato 51′), i padroni di casa, avanti sin dai primi minuti, grazie alla marcatura pesante sull’asse Costelow (a segno con la trasformazione)-Bevan, sono andati alla pausa lunga avanti 7-6 (complici due piazzati di Debaes nel finale, a punire l’indisciplina locale). Nella ripresa, poi, i dragoni hanno dimostrato anche grande tenuta mentale, non patendo eccessivamente la meta di Lotrain in avvio di frazione e piazzando il colpo del definitivo sorpasso attorno all’ora di gioco, con la segnatura di Strong, abile a finalizzare un carrettino debordante, trasformata da Costleow per il definitivo 14-11.

Sorprendente, più per le dimensioni che non per il risultato in sé, anche il successo dell’Irlanda in Inghilterra, con i verdi campioni in carica ormai ad un passo dal back-to-back nel torneo.

Gli ospiti hanno letteralmente dominato l’incontro di Northampton, chiudendo la contesa, al Franklin’s Gardens, già nella prima frazione, terminata sul perentorio punteggio di 7-29. Ritmo elevatissimo, accuratezza nell’esecuzione e straordinario cinismo nel concretizzare al meglio tutte le offensive portate in zona rossa: gli ingredienti perfetti della ricetta di coach McNamara, esaltata dalle sei marcature pesanti (Soroka al 18′, Hyde al 26′, Ahern doppietta al 34′ e al 72′, McIlroy al 40′ e O’Reilly al 51′), per un trionfo che ha portato a più sei i verdi rispetto alla prima inseguitrice (la stessa Inghilterra).

Una vittoria con bonus contro l’Italia, nella quarta giornata, in programma venerdì 6 marzo a Cork, regalerebbe aritmeticamente il titolo all’Irlanda.


I risultati della terza giornata

Italia v Scozia 29-30
Galles v Francia 14-11
Inghilterra v Irlanda 21-39

Il programma della quarta giornata – venerdì 6 marzo

Irlanda v Italia, ore 20.15 (Independent Park, Cork)
Inghilterra v Galles, ore 20.45 (Kingsholm Stadium, Gloucester)
Scozia v Francia, ore 21 (Netherdale Stadium)

Classifica 

Irlanda 15
Inghilterra 9
Francia 7
Scozia 7
Italia 6
Galles 4

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Joe Marler verso il ritiro?

Il pilone inglese starebbe pensando di chiudere la carriera

item-thumbnail

Il Principality Stadium diventerà un grande ospedale da campo temporaneo

La WRU ha messo la struttura di Cardiff a disposizione del governo gallese

item-thumbnail

La RFU riduce del 25 % lo stipendio di Eddie Jones

Vista la difficile situazione, il coach dell'Inghilterra ha accettato un netto taglio dello stipendio

item-thumbnail

Rory Sutherland, dalla sedia a rotelle al Sei Nazioni

Il pilone della Scozia, fra i migliori del Torneo, si è riconquistato il proscenio dopo vicende davvero difficili

item-thumbnail

San Patrizio e l’Irlanda più bella: il Grande Slam del 2018

Il 17 marzo di due anni fa i verdi trionfarono a Twickenham, certificando di essere una delle potenze di ovalia