Slow Motion #64: Italia attenta, Stuart Hogg è pronto

Meta importante per sé stesso e per gli Exeter Chiefs del capitano della Scozia, in campo anche nel weekend di stop del Sei Nazioni

hogg sei nazioni 2017

ph. Sebastiano Pessina

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Dopo la sconfitta della Scozia contro l’Irlanda, qualcuno ha detto che Finn Russell ha lasciato il ritiro per paura che la birra al tavolo gliela portasse Stuart Hogg, la cui presa difettosa del pallone è rimbalzata su tutti gli schermi d’Oltremanica.

Un errore grave, quello della mancata marcatura, che il numero 15 e neocapitano della nazionale scozzese ha ripetuto 7 giorni più tardi a Murrayfield, quando il suo cincischiare per annullare il pallone in area di meta sotto il diluvio per poco non gli costa la beffa dell’immediata segnatura di Farrell, e comunque fornisce agli inglesi l’occasione per marcare i 7 punti che hanno deciso l’incontro.

Attenzione, però: perché Hogg è tutt’altro che un giocatore in crisi, e lo ha dimostrato nel fine settimana, tornato a calcare i campi della Premiership con la maglia degli Exeter Chiefs.

Una meta semplice e perfetta quella segnata dall’estremo scozzese, che riceve palla dalla sua ala dopo un lungo calcio del Gloucester, avversario di giornata. Hogg osserva la situazione e individua una falla nella salita della linea difensiva, che è un po’ stretta sul versante sinistro, quello opposto alla zona del calcio.

Il 15 dei Chiefs accelera, deborda ed evita l’intervento del seconda linea avversario Slater, quindi fissa il centro avversario, il quale non ha altra scelta se non attendere il passaggio prima di scalare, visto che al suo interno è rimasto solo Fraser Balmain, il pesante pilone destro. Qui, poi, c’è il pezzo di bravura vero e proprio di Hogg, che invece di smettere di correre e tornare profondo rispetto a Sam Simmonds, che adesso ha il pallone, continua a correre davanti al compagno.

Una linea di corsa preveggente che gli consente di presentarsi quindi puntuale all’appuntamento con l’offload interno di Simmonds, avendo già battuto la concorrenza degli eventuali difensori rientranti. A questo punto nessuno può più niente e Hogg può involarsi oltre la linea.

Prima di tuffarsi in mezzo ai pali, lo scozzese stringe forte il pallone a due mani: stavolta non me lo lascio scappare. Sorride al pubblico, striscia sul prato bagnato, esulta. Azzurri, attenti.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

149 anni fa la prima partita di sempre

Il 27 marzo 1871 il primo incontro internazionale fra Scozia e Inghilterra, a Edimburgo

27 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

L’atteso esordio col Galles di Derek Quinnell

Quando non bastava essere un Lion per avere un posto tra i titolari del mitico Galles degli anni '70. Una storia unica e una carriera mitica

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

È questa la più bella partita di rugby della storia?

Riviviamo (senza spoiler) Australia-Nuova Zelanda del luglio 2000, considerata "the greatest test match ever played"

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Quiz: quanto conosci il rugby?

Seconda puntata con i nostri quesiti che mettono alla prova le tue conoscenze rugbistiche

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inga Tuigamala, che non volle essere Lomu

Perché preferì i soldi del rugby league inglese alla maglia degli All Blacks, che non avrebbe più indossato

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

I 10 migliori soprannomi del rugby internazionale

Da Avatar a El Loco, passando per la storia di Os du Randt all'uomo chiamato 36

25 Marzo 2020 Terzo tempo