Coppa Italia, Marcato: “Non sapevamo come approcciarci al torneo. Ora è un’occasione”

Il punto dell’head coach del Petrarca alla vigilia della finale del Battaglini

Andrea Marcato – Petrarca (ph. Luigi Mariani)

Un finale è sempre una finale. Un derby è sempre un derby, ancor più se ha il sapore della classicissima. Domani, infatti, a partire dalle 15, Rovigo e Petrarca Padova si sfideranno al Battaglini per decidere quale delle due squadre sarà la vincitrice della Coppa Italia 2020. Per entrare nel clima di questo match, abbiamo intervistato Andrea Marcato, capo allenatore dei patavini.

Marcato, che valore ha questa finale?

All’inizio dell’anno non sapevamo bene come approcciarci ad una Coppa nata sostanzialmente pochi mesi prima dello start stagionale, ma visto che poi di fatto ci siamo trovati a disputarla ci siamo detti che era comunque un’occasione per portare un trofeo in più al club e che il nostro nome sarebbe rimasto nell’albo d’oro della competizione della squadra”.

Leggi anche: Coppa Italia, Casellato: “In città si percepisce l’importanza del derby”

Che partita si aspetta?

Sarà anche la finale di Coppa Italia, quindi sicuramente un obiettivo meno importante dell’arrivare a giocarsi lo scudetto tramite i playoff nel Top12, ma nessuno ci sta a perdere soprattutto quando si gioca Rovigo-Petrarca. Se guardo ai precedenti delle scorse stagioni, in tutte le competizioni (Campionato e Continental Shield, ndr), vedo delle partite molto equilibrate e a basso punteggio, fortemente condizionate dalla pioggia e da terreni pesanti. Cosa che, peraltro, potrebbe ripetersi anche sabato. Cercheremo di farci trovare pronti a tutte le evenienze”.

Leggi anche: La classifica marcatori del Top12 (in aggiornamento)

Cosa toglierebbe a Rovigo?

“Io onestamente non vorrei togliere nulla a Rovigo. Anzi mi auguro che siano al meglio e i miei giocatori riescano a sconfiggerli al massimo delle loro possibilità, mettendo in campo tutte le nostre caratteristiche migliori. L’aspetto su cui sicuramente ci focalizzeremo sarà quello della mischia chiusa, dove voglio vedere una squadra che non va sotto di fronte a degli avversari in un gran momento, come dimostrano anche le otto vittorie (su otto uscite, ndr) che hanno ottenuto sin qui in Top12”.

Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

La formazione del Galles per la partita contro l’Inghilterra – Sei Nazioni 2021

100esimo Cap per George North, tornano Josh Navidi e Josh Adams

25 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Munster sale sul podio. Balzo Northampton, caduta dello Stade Francais

Ulster e Harlequins in top ten, Benetton e Zebre perdono qualche posto

25 Febbraio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

La formazione dell’Italia del rugby per la partita contro l’Irlanda – Sei Nazioni 2021

Continuità dal 1', ma anche quattro elementi diversi in panchina, rispetto alla sfida di Twickenham, nelle scelte di Franco Smith

25 Febbraio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: rinviata la partita Francia-Scozia

Ancora da definire la data del recupero

25 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: la formazione dell’Inghilterra che fa visita al Galles

Ford all'apertura, Farrell da centro. Torna Jamie George e ci sono anche i fratelli Vunipola

25 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Pro14: la formazione del Benetton Rugby che riceve il Connacht

Padovani schierato all'apertura, Gallo-Els-Nemer in prima linea e il ritorno di Ratuva Tavuyara

25 Febbraio 2021 Pro 14 / Benetton Rugby