Coppa Italia, Marcato: “Non sapevamo come approcciarci al torneo. Ora è un’occasione”

Il punto dell’head coach del Petrarca alla vigilia della finale del Battaglini

Andrea Marcato – Petrarca (ph. Luigi Mariani)

Un finale è sempre una finale. Un derby è sempre un derby, ancor più se ha il sapore della classicissima. Domani, infatti, a partire dalle 15, Rovigo e Petrarca Padova si sfideranno al Battaglini per decidere quale delle due squadre sarà la vincitrice della Coppa Italia 2020. Per entrare nel clima di questo match, abbiamo intervistato Andrea Marcato, capo allenatore dei patavini.

Marcato, che valore ha questa finale?

All’inizio dell’anno non sapevamo bene come approcciarci ad una Coppa nata sostanzialmente pochi mesi prima dello start stagionale, ma visto che poi di fatto ci siamo trovati a disputarla ci siamo detti che era comunque un’occasione per portare un trofeo in più al club e che il nostro nome sarebbe rimasto nell’albo d’oro della competizione della squadra”.

Leggi anche: Coppa Italia, Casellato: “In città si percepisce l’importanza del derby”

Che partita si aspetta?

Sarà anche la finale di Coppa Italia, quindi sicuramente un obiettivo meno importante dell’arrivare a giocarsi lo scudetto tramite i playoff nel Top12, ma nessuno ci sta a perdere soprattutto quando si gioca Rovigo-Petrarca. Se guardo ai precedenti delle scorse stagioni, in tutte le competizioni (Campionato e Continental Shield, ndr), vedo delle partite molto equilibrate e a basso punteggio, fortemente condizionate dalla pioggia e da terreni pesanti. Cosa che, peraltro, potrebbe ripetersi anche sabato. Cercheremo di farci trovare pronti a tutte le evenienze”.

Leggi anche: La classifica marcatori del Top12 (in aggiornamento)

Cosa toglierebbe a Rovigo?

“Io onestamente non vorrei togliere nulla a Rovigo. Anzi mi auguro che siano al meglio e i miei giocatori riescano a sconfiggerli al massimo delle loro possibilità, mettendo in campo tutte le nostre caratteristiche migliori. L’aspetto su cui sicuramente ci focalizzeremo sarà quello della mischia chiusa, dove voglio vedere una squadra che non va sotto di fronte a degli avversari in un gran momento, come dimostrano anche le otto vittorie (su otto uscite, ndr) che hanno ottenuto sin qui in Top12”.

Michele Cassano

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Pumas lavorano già per la RWC 2023

Mario Ledesma ha stilato una lista di 59 giocatori per far parte del nuovo ciclo mondiale della nazionale argentina

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Michael Cheika: “Avrei dovuto lasciare i Wallabies prima”

In un'intervista al Times l'ex coach dell'Australia ha detto che avrebbe dovuto lasciare la nave già nel 2018

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Quando il sidestep è fatto bene. Difensori bruciati ne abbiamo?

Da Perry Baker a Shane Williams, da George North a Will Greenwood: a scuola per fulminare gli avversari

24 Maggio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Il Top 14 del 2010: l’indimenticabile prima volta di Clermont

Dopo una serie lunghissima di finali perse finalmente il paradiso per la squadra di Gonzalo Canale

24 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Agustin Pichot è stato tradito alle elezioni di World Rugby?

L'argentino accusa apertamente il presidente di Rugby Africa di avergli voltato le spalle al momento del voto

24 Maggio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

OnRugby relive: Zebre v Ulster, Pro14 2017/18

Alle 15.00 appuntamento con la storia dei ducali: a Parma arriva Ulster in formazione-tipo, lo spettacolo è garantito

24 Maggio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby