Si ritira Glen Jackson, gran giocatore prima e gran fischietto poi

L’arbitro appende il fischietto al chiodo dopo 32 test match arbitrati: uno dei pochi direttori di gara con un passato di giocatore di alto livello

ph. Sebastiano Pessina

Non sono molti i giocatori di alto livello che diventano arbitri, ma solitamente, quando accade, i risultati sono più che positivi. Lo ha dimostrato meglio di tutti nel corso dell’ultimo decennio Glen Jackson, ex apertura neozelandese dei Saracens passato poi al lato oscuro della forza, quello che veste in maglietta giallo canarino e distribuisce cartellini a chi non ha fatto il bravo.

Ora il 44enne arbitro si ritira: appenderà il fischietto al chiodo e si occuperà di formazione degli arbitri per la federazione neozelandese fino al prossimo marzo, per poi lasciare definitivamente.

Da giocatore è arrivato sul palcoscenico più importante con i Chiefs, nel Super Rugby dell’inizio degli anni Duemila, disputando sei stagioni con la franchigia di Waikato. Poi, il salto agli antipodi: Inghilterra, Saracens. La squadra del nord di Londra era un club assai diverso da quello di oggi, una squadra di medio-alta classifica che poteva permettersi quel numero 10 dal piede preciso e dal cervello fino, ma non la corazzata che oggi conosciamo.

Con i Saracens ha giocato 157 partite e segnato 1576 punti, ottenendo come miglior risultato di essere il miglior marcatore del campionato inglese nel 2007 e disputando la finale di Premiership nel 2010, persa contro i Leicester Tigers, che sarebbe poi stato il suo ultimo atto nel rugby professionistico. L’anno successivo diventa arbitro, brucia le tappe e già nel 2011, a 36 anni, dirige la sua prima gara di Super Rugby. Diventa internazionale nel 2012 e arbitra quindi 32 test nei 7 anni successivi. A sorpresa viene escluso dalla Rugby World Cup 2019 in Giappone.

“Non essere stato selezionato è stato un po’ uno shock” ha ammesso Jackson.

“Sono stato nel mondo del rugby per 25 anni e il mio corpo non sta ringiovanendo. Mi sono davvero divertito l’anno scorso, ma ho deciso che è giunto il momento di passare oltre.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Slow Motion #69: I Brumbies, da rimessa laterale

La prima meta della seconda partita del Super Rugby AU è l'esecuzione perfetta di una giocata che attacca l'anello debole di ogni difesa: la coda dell...

6 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Italrugby: il quiz sugli Azzurri di Franco Smith

I 28 convocati da Franco Smith, e non solo loro, sono i protagonisti delle 14 domande sulla Nazionale rugby

6 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Israel Folau ha deciso dove giocherà la prossima stagione

Il talento australiano ha firmato per la prossima stagione, indicando il codice col quale vuole proseguire la carriera

4 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend ovale

Un fine settimana finalmente denso di impegni davanti agli schermi italiani

2 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Jonah Lomu, il quiz sulla leggenda del rugby

Quattordici domande sul giocatore simbolo non solo degli All Blacks ma del rugby stesso

2 Luglio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

I 5 tipi di allenamento da rugby nel 2020

Tra il serio ed il faceto, vecchie abitudini e nuovissime, inedite varianti ad hoc per un anno così particolare

1 Luglio 2020 Terzo tempo