L’Australia pensa di rivedere la ‘regola Giteau’

Dopo aver annunciato il nuovo head coach, la federazione conferma di essere in una fase di ricostruzione

Ph. REUTERS/Matthew Childs

L’Australia ha annunciato la propria intenzione di rivedere la cosiddetta ‘regola Giteau’, la norma per la quale nessun giocatore australiano che militi all’estero e abbia ottenuto meno di 60 caps in maglia green and gold possa essere considerato per la convocazione in nazionale.

L’azione farebbe parte di un pacchetto di riforme che la federazione australiana ha intenzione di varare, nell’ottica di una ricostruzione del proprio rugby di alto livello. Gli ex Wallabies Pat Howard, Bo Hanson e Nathan Sharpe si starebbero occupando del processo di analisi e revisione su commissione di Raelene Castle, CEO di Rugby Australia, e Scott Johnson, director of rugby della federazione.

Dopo la Rugby World Cup, infatti, i Wallabies perderebbero Samu Kerevi, Tolu Latu e Adam Coleman, tre giocatori tra coloro destinati a lasciare il paese per approdare su altre sponde, ma con un ammontare di caps ben inferiore ai 60.

Leggi anche: Australia: Samu Kerevi continuerà ad essere un Wallabies. Smentita “l’ipotesi Fiji”

“[La modifica della Giteau Law] verrà fuori dalle conclusioni della revisione – ha annunciato Castle – ma non si tratta solo di pensare a cosa implica per Rugby Australia, si tratta di pensare anche ai cambiamenti in corso nel panorama internazionale, a cosa stanno facendo gli altri paesi con questo tipo di regole, a quando ci saranno le competizioni.”

Il riferimento è chiaramente al Sudafrica e a quei paesi che si sono liberati dei loro limiti prima della Rugby World Cup, traendone evidente profitto. Nel caso degli Springboks, un profitto sotto forma di Webb Ellis Cup.

Più prudente, invece, Scott Johnson: “Il fatto che si possa fare significa che sia automaticamente giusto per noi? Sicuramente è qualcosa che prenderemo in considerazione.”

“La verità è che prima di tutto dobbiamo mettere sotto contratto i giocatori più giovani per farli giocare come vogliamo che giochino, renderli preparati nel modo in cui vogliamo. La nostra priorità in questo momento è far firmare contratti lunghi ai giocatori giovani: abbiamo un gruppo di giocatori che sta arrivando sul palcoscenico e che ci aiuterà a cambiare il panorama del rugby australiano, quindi preferirei che la maggior parte di loro rimanesse qui.”

Johnson si riferisce alla golden generation australiana dei nati fra il 2000 e il 2001, un gruppo di giocatori che a livello giovanile ha fatto faville, arrivando in finale anche all’ultimo mondiale under 20, perso di un solo punto contro la Francia.

Insomma, rivedere la regola Giteau dei 60 caps potrebbe avere un beneficio immediato, ma i vertici del rugby australiano vogliono pensarci bene: ne va del futuro del movimento intero.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

All Blacks, Robertson: “Ho mandato le mie congratulazioni a Ian Foster”

Non ci sarà un posto con gli All Blacks per il tre volte campione del Super Rugby, che non ha nessuna intenzione di lasciare i Crusaders

12 Dicembre 2019 Emisfero Sud
item-thumbnail

Ufficiale: Ian Foster è il nuovo allenatore degli All Blacks

Dopo otto anni al fianco di Hansen, l'ex assistente tecnico diventa l'head coach della Nuova Zelanda. Contratto di due anni

11 Dicembre 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Springboks: Jacques Nienaber in pole position per il ruolo da head coach

Il tecnico della difesa dei campioni del mondo dovrebbe ricevere la promozione a capo allenatore

10 Dicembre 2019 Emisfero Sud
item-thumbnail

Folau-Australia: ecco l’accordo. Il giocatore e la Federazione interrompono il contenzioso legale

Nelle dichiarazioni e nel comunicato non si fa però alcun riferimento alla carriera sportiva del giocatore

4 Dicembre 2019 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby: lungo stop per Ardie Savea

Il flanker si era fatto male durante la semifinale tra Inghilterra e All Blacks e dovrà operarsi al ginocchio

1 Dicembre 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: i Crusaders cambiano ufficialmente logo

La franchigia di Christchurch ricomincia da un nuovo capitolo

29 Novembre 2019 Emisfero Sud / Super Rugby