Slow Motion #58: il valore degli sconfitti

Spettacolo sul Golfo di Biscaglia: Exeter vince, ma La Rochelle segna una meta stupenda

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Il primo weekend di Champions Cup ha portato con sé il carico di spettacolo ed emozione che ci aspettavamo, anche se la maggior parte dei risultati hanno rispecchiato le attese della vigilia.

Fra questi, la vittoria di Exeter sul Golfo di Biscaglia ha testimoniato la differenza fra una delle squadre leader della Premiership e la nona forza del campionato francese, La Rochelle, che dopo aver assunto Ronan O’Gara come nuovo head coach sta cercando di concludere la definizione del proprio stile di gioco.

Il nono gradino della classifica in Top 14, però, non inganni: i rochelais sono squadra di talento e valore, e infatti due punti la dividono dal terzo posto del tabellone in patria. Lo ha dimostrato la bellezza della marcatura con cui, in apertura di secondo tempo, i gialloneri hanno provato a riaprire l’incontro.

Al minuto 44, i padroni di casa recuperano il pallone dopo un up and under, e giocano un possesso poco al di là della linea di metà campo. Ihaia West sceglie di aggirare la difesa usando un calcio-passaggio per Vincent Rattez, un’arma che i francesi hanno giocato più volte durante la partita e che li porterà anche a segnare la seconda meta di giornata. Si tratta probabilmente di una costante tecnica inserita fra i principi del gioco della squadra da O’Gara, reduce dall’esperienza neozelandese di cui questo passaggio di gioco offre più di una reminiscenza.

West riesce a sfruttare al meglio la situazione di superiorità numerica che la difesa degli inglesi cerca di negargli con una salita rovesciata grazie ad un calcio delicata e misurato col dosatore. Rattez è bravissimo a sfruttare tutto lo spazio a disposizione e ad offrire quel passaggetto corto e poco ortodosso all’interno a Geoffrey Doumayrou, mentre la copertura profonda dei Chiefs va a gambe all’aria. Non perdete di vista il numero 11, Arthur Retiere: con la sua corsa all’esterno di Rattez offre prima un’opzione al compagno di squadra, e poi diventa il bersaglio del passaggio di Doumayrou.

Il numero 13 francese viene rimontato da Sam Simmonds, capace anche di andare a prendersi l’ala accanto a lui, ed è di nuovo molto pregevole la capacità di Retiere di giocare all’interno per Doumayrou, tornato disponibile al suo interno, mentre viene portato fuori dal terza linea avversario.

Una meta stupenda che poco incide su una partita che finirà 31-12 per gli ospiti, ma che testimonia ancora una volta l’estrema qualità delle squadre che si trovano a giocare la coppa regina del rugby europeo.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Da “gentaglia” a eroi, elogio degli studenti che 50 anni fa marciarono contro l’apartheid

50 anni fa un gruppo di studenti britannici mise a rischio il tour degli Springboks

8 Dicembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il programma streaming dal 5/12 al 8/12

C'è il primo round del classico back-to-back delle coppe europee, con il Benetton a Lione e le Zebre in cerca del bis contro il Brive

5 Dicembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: il pragmatismo delle Zebre

Un'analisi delle prestazioni più importanti nella vittoria dei ducali a Newport

5 Dicembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Ulster sale sul podio, le Zebre guadagnano tre punti secchi

I ducali restano in ultima posizione, ma si avvicinano in modo sensibile ad un gruppone di squadre appena sopra di loro

3 Dicembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #60: Gli Orsi ballerini di Pat Lam

La meta della settimana arriva dalla Premiership: Charles Piutau finalizza una bellissima azione corale dei Bristol Bears

2 Dicembre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Andy Goode è tornato (per una notte)

Ed è più "in forma" che mai

30 Novembre 2019 Terzo tempo