Il XV dei Barbarians per la sfida di Twickenham contro le Fiji

Rory Best sarà il capitano dei bianconeri nella sua ultima partita della carriera

Rory Best (ph. Reuters)

Novembre: pioggia, vento e freddo in quel di Londra. Condizioni atmosferiche che però non fermeranno quello che promette di essere uno spettacolo pazzo di rugby & fantasia, ad opera di due squadre che del bel gioco e del divertimento fanno una filosofia, la nazionale figiana e i Barbarians.

Le squadre saranno in campo sabato a Twickenham, alle 15:30 italiane, e fra le altre cose sarà anche l’occasione per l’ultimo saluto sportivo al monumento irlandese Rory Best, capitano del club a inviti nella circostanza.

In prima linea al suo fianco ci saranno il neo-campione del mondo Tendai Mtawarira e Kike Pieretto, pilone destro di Cordoba già attivo con i Pumas. Dietro di loro agiranno Luke Jones, australiano ex Bordeaux in procinto di tornare in patria, e il canadese Tyler Ardron, già capitano della propria nazionale al mondiale giapponese.

In terza linea ci saranno tre grandi esclusi proprio del torneo iridato: l’australiano Pete Samu, il terza linea dei Bulls Marco Van Staden e, a numero 8, l’internazionale scozzese originario del Capo Josh Strauss.

In mediana il 25enne dei Brumbies Joe Powell affiancherà lo Shark Curwin Bosch, regista di una linea arretrata con il campione del mondo Makazole Mapimpi, Andre Esterhuizen, Mathieu Bastareaud, Dillyn Leyds e David Havili.

Con la maglia numero 17 è pronto a entrare Campese Ma’afu, pilone figiano che si è ritirato dal rugby internazionale proprio al termine della Rugby World Cup.

In panchina trovano posto altri 4 giocatori sudafricani, fra i quali il solo Lukhanyo Am, però, faceva parte della squadra campione del mondo appena due settimane fa. Mtawarira, Mapimpi e Am saranno guidati nelle sessioni di allenamento che rimangono da Eddie Jones e John Mitchell, head coach e assistente per la difesa dell’Inghilterra finalista del mondiale, in un corto circuito dal sapore tipicamente ovale.

Barbarians: 15 David Havili, 14 Dillyn Leyds, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Andre Esterhuizen, 11 Makazole Mapimpi, 10 Curwin Bosch, 9 Joe Powell, 8 Josh Strauss, 7 Marco Van Staden, 6 Pete Samu, 5 Tyler Ardron, 4 Luke Jones, 3 Enrique Pieretto, 2 Rory Best (c), 1 Tendai Mtawarira.
A disposizione: 16 Andrew Makalio, 17 Campese Ma’afu, 18 Hencus Van Wyk, 19 Angus Cottrell, 20 Matt Philip, 21 Jano Vermaak, 22 Lukhanyo Am, 23 Morne Steyn

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions, Gatland: “Farrell e Itoje in Championship? Nessun problema”

L'allenatore fa il punto della situazione a un anno dal tour e fa sapere che potrebbe esserci un nuovo membro nello staff tecnico

item-thumbnail

Chris Robshaw: la depressione e il ruolo di Conor O’Shea

Il giocatore inglese torna sul post Rugby World Cup 2015 ricordando quei tristi momenti

item-thumbnail

Giappone e Fiji: perchè entrano loro nell’8 Nazioni?

Dietro la scelta della rappresentativa nipponica e di quella isolana

item-thumbnail

British & Irish Lions: il XV di Brian O’Driscoll per il tour 2021 in Sudafrica

Il totem irlandese ha scelto la sua formazione ideale in vista della sfida agli Springboks

item-thumbnail

Rugby Championship o Test Match? Il Sudafrica ha scelto

La federazione dei campioni del mondo ha espresso la sua posizione per il futuro internazionale

item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro