Il XV dei Barbarians per la sfida di Twickenham contro le Fiji

Rory Best sarà il capitano dei bianconeri nella sua ultima partita della carriera

Rory Best (ph. Reuters)

Novembre: pioggia, vento e freddo in quel di Londra. Condizioni atmosferiche che però non fermeranno quello che promette di essere uno spettacolo pazzo di rugby & fantasia, ad opera di due squadre che del bel gioco e del divertimento fanno una filosofia, la nazionale figiana e i Barbarians.

Le squadre saranno in campo sabato a Twickenham, alle 15:30 italiane, e fra le altre cose sarà anche l’occasione per l’ultimo saluto sportivo al monumento irlandese Rory Best, capitano del club a inviti nella circostanza.

In prima linea al suo fianco ci saranno il neo-campione del mondo Tendai Mtawarira e Kike Pieretto, pilone destro di Cordoba già attivo con i Pumas. Dietro di loro agiranno Luke Jones, australiano ex Bordeaux in procinto di tornare in patria, e il canadese Tyler Ardron, già capitano della propria nazionale al mondiale giapponese.

In terza linea ci saranno tre grandi esclusi proprio del torneo iridato: l’australiano Pete Samu, il terza linea dei Bulls Marco Van Staden e, a numero 8, l’internazionale scozzese originario del Capo Josh Strauss.

In mediana il 25enne dei Brumbies Joe Powell affiancherà lo Shark Curwin Bosch, regista di una linea arretrata con il campione del mondo Makazole Mapimpi, Andre Esterhuizen, Mathieu Bastareaud, Dillyn Leyds e David Havili.

Con la maglia numero 17 è pronto a entrare Campese Ma’afu, pilone figiano che si è ritirato dal rugby internazionale proprio al termine della Rugby World Cup.

In panchina trovano posto altri 4 giocatori sudafricani, fra i quali il solo Lukhanyo Am, però, faceva parte della squadra campione del mondo appena due settimane fa. Mtawarira, Mapimpi e Am saranno guidati nelle sessioni di allenamento che rimangono da Eddie Jones e John Mitchell, head coach e assistente per la difesa dell’Inghilterra finalista del mondiale, in un corto circuito dal sapore tipicamente ovale.

Barbarians: 15 David Havili, 14 Dillyn Leyds, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Andre Esterhuizen, 11 Makazole Mapimpi, 10 Curwin Bosch, 9 Joe Powell, 8 Josh Strauss, 7 Marco Van Staden, 6 Pete Samu, 5 Tyler Ardron, 4 Luke Jones, 3 Enrique Pieretto, 2 Rory Best (c), 1 Tendai Mtawarira.
A disposizione: 16 Andrew Makalio, 17 Campese Ma’afu, 18 Hencus Van Wyk, 19 Angus Cottrell, 20 Matt Philip, 21 Jano Vermaak, 22 Lukhanyo Am, 23 Morne Steyn

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Anche Hugo Keenan verso il Sevens olimpico

L'irlandese si unisce al già nutrito contingente di giocatori che passano temporaneamente al rugby a sette

item-thumbnail

Galles, altri guai per Gatland: Anscombe rifiuta la convocazione e Sheedy si fa male di nuovo

Il tecnico dovrà sfidare Sudafrica e Australia con una mediana ridotta all'osso

item-thumbnail

Jasper Wiese “pianta” Ross Vintcent, viene espulso e ora rischia di saltare Sudafrica-Irlanda

Il terza linea sudafricano potrebbe ricevere una squalifica che gli impedirebbe di disputare il doppio match più atteso dell'anno

item-thumbnail

All Blacks, Sam Cane: “Non sono un giocatore finito”

Il flanker manifesta la sua gran voglia di finire la propria carriera internazionale al meglio

item-thumbnail

Nigel Owens e le nuove regole di World Rugby: “Più probabile che creino nuovi problemi anziché risolverli”

Il celebre ex arbitro ha detto la sua sui provvedimenti in vigore da luglio 2024

item-thumbnail

Il Sudafrica potrebbe lanciare un nuovo numero 10 nel prossimo tour estivo

Rassie Erasmus potrebbe buttare nella mischia un nuovo mediano d'apertura il 22 giugno contro il Galles