Pro14, Lloyd Williams: “Al mio esordio Andy Powell si è presentato con un casco da football”

Alla vigilia della sua 200esima presenza per i Cardiff Blues, il mediano di mischia ricorda un episodio esilarante

ph. Sebastiano Pessina

Lloyd Williams, mediano di mischia dei Cardiff Blues, celebrerà sabato la sua duecentesima presenza con la maglia del club. Un traguardo importante e leggendario per il numero 9 che annovera anche 28 caps con il Galles e la partecipazione alla Rugby World Cup 2011: è il secondo giocatore con il maggior numero di partite nella storia della squadra della capitale.

Avendo solo 29 anni, ci sono ampie probabilità che Williams possa diventare il giocatore con più presenze di sempre per i Blues.

Per celebrare la duecentesima presenza, porterà anche al braccio la fascia di capitano nella partita che vedrà i suoi affrontare i temibili Cheetahs di questa stagione all’Arms Park.

Parlando a WalesOnline, Williams ha tirato fuori qualche storia bizzarra legata al suo passato, come ad esempio il fatto che la sua prima convocazione in nazionale avvenne grazie all’arresto di Mike Phillips a tarda notte fuori da un McDonald’s nel centro di Cardiff.

La più esilarante di tutte, però, è quella che coinvolge Andy Powell, altro pericolo pubblico del Galles di inizio decennio. Powell, per dirne una, era quello che venne sospeso dalla nazionale gallese per essersi fatto fermare completamente ubriaco alla guida di una di quelle macchinine che servono per portare in giro borse, mazze e persone sui campi da golf.

Anno 2010: il giovane Lloyd Williams è pronto a fare il suo debutto contro il Leinster, in una partita di campionato in casa. Durante il riscaldamento Williams è un po’ nervoso, la partita è di alto profilo, è la sua prima gara in prima squadra, e in più c’è il fatto che Powell non si è ancora visto, è in ritardo.

“Beh, ora che ha chiuso la sua carriera posso raccontarlo: mi ricordo che Andy arrivò tardi al riscaldamento perché si era incastrato in testa un casco da football americano durante una festa a casa sua la notte precedente e non riusciva a toglierselo.”

“Mi ricordo anche che Dai Young non ne fu molto contento, gli disse di andare in campo e scaldarsi. Andy entrò, fece tre drop e disse che aveva finito. Lì ho pensato: è quindi questo è il rugby professionistico?”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Leinster e l’Irlanda salutano la leggenda Rob Kearney

L'omaggio dei Dubliners e della nazionale a uno dei giocatori più iconici degli ultimi quindici anni

24 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Duhan van der Merwe è il Player of the Season

Assegnati tutti i premi relativi alla stagione 2019/2020

10 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Video: Ian Madigan e un superbo calcio da finale (a tempo rosso), prima della commozione

L'ex Leinster ha deciso così la sfida di Edimburgo

6 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Leinster e Munster si ritrovano in semifinale

Le due squadre si sono scontrate appena due settimane fa, si ritrovano venerdì con in palio la finale: le formazioni

3 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Munster, il ritorno in campo costa: Snyman out tra i 6 e i 9 mesi

Anche Dave Kilcoyne e Jean Kleyn con infortuni ai legamenti di caviglia e ginocchio

25 Agosto 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

I Southern Kings chiudono per il 2020

La squadra sudafricana, in difficoltà economica, ha deciso di non partecipare a nessuna attività sportiva fino alla nuova stagione

25 Agosto 2020 Pro 14 / Altri club