Inghilterra: Dylan Hartley si ritira con effetto immediato

Ragioni di salute hanno costretto l’ex capitano dell’Inghilterra e leggenda dei Northamtpon Saints ha interrompere la propria carriera

Dylan Hartley

ph. Action Images/Andrew Boyers

Dylan Hartley si è ritirato dal rugby con effetto immediato. Il giocatore dei Northampton Saints è stato costretto a fermarsi per un infortunio al ginocchio divenuto cronico e che lo terrà definitivamente lontano dai campi. A 33 anni, il tallonatore ex capitano dell’Inghilterra ha quindi dovuto comunicare nella giornata di giovedì di aver appeso gli scarpini al chiodo.

“Sono estremamente orgoglioso del mio viaggio, sia con i Saints che con l’Inghilterra – ha detto il giocatore – Gli ultimi mesi sono stati difficili per me dal punto di vista mentale e fisico, perché sono dovuto scendere a patti col fatto di non essere più in grado di competere, ma devo ringraziare tutto lo staff dei Saints, che ha investito così tanto tempo nell’aiutarmi con la riabilitazione.”

“Sono arrivato in Inghilterra da adolescente sperando di riuscire a giocare qualche partita e vedere il mondo – ha raccontato Hartley, che è nato a Rotorua, in Nuova Zelanda – Non avrei mai potuto pensare che un giorno avrei giocato per 14 anni per un club così speciale e che sarei arrivato a rappresentare e a capitanare l’Inghilterra.”

Giocatore controverso, leader carismatico dentro e fuori dal campo, esempio di ardore sul rettangolo di gioco che ha però troppo spesso valicato i confini, sfociando in episodi di violenza che ne hanno minato parte del successo, Hartley si ritira da secondo giocatore per numero di presenze internazionali con la maglia dell’Inghilterra (97), e solo i problemi fisici dell’ultimo periodo ne hanno inficiato la partecipazione alla Rugby World Cup.

Escluso eccellente dalle convocazioni per il mondiale casalingo del 2015, è stato successivamente protagonista del riscatto degli albionici conquistando da capitano il Sei Nazioni 2016 e 2017. In tempi più recenti l’emergere di Jamie George e il declino della sua prestanza fisica hanno visto ridursi sempre di più il suo ruolo con la nazionale, fino a essere lasciato fuori da Eddie Jones per la spedizione in Giappone.

La sua presenza a Northampton ha coinciso con uno dei momenti storici migliori del club: con lui come capitano, con i gradi assegnatigli per la prima volta nel 2009 a soli 23 anni, i Saints hanno raggiunto vette senza precedenti, conquistando una Premiership, due Challenge Cup e una Anglo-Welsh Cup.

“I Northampton Saints sono sempre stati per me qualcosa più di un club. E’ stato un posto che mi ha dato una direzione, uno scopo, un senso di famiglia, casa, appartenenza; e infine una comunità che sono stato molto orgoglioso di rappresentare ogni volta che ho avuto l’opportunità di giocare.”

“La mia carriera non è stata perfetta, ma non la vorrei aver vissuta in nessun altro modo. Sono stato privilegiato ad aver vissuto momenti così alti, nonostante qualche caduta personale. Tutte sono state esperienze potenti che vivranno con me per sempre. Il capitolo finale della mia carriera doveva andare in maniera differente, ma questa è la natura dello sport professionistico.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

ProD2: parla il fijano espulso per aver sollevato l’arbitro

Rasique si scusa per il gesto, e racconta di aver ricevuto una telefonata "complicata" direttamente dalle Isole Fiji

15 Gennaio 2021 Emisfero Nord
item-thumbnail

La Top League giapponese si ferma, ancor prima di iniziare la stagione

Anche nel Sol Levante non mancano i problemi nel portare avanti regolarmente lo sport d'élite

14 Gennaio 2021 Emisfero Nord
item-thumbnail

Ci sarà un torneo internazionale Under 23 per club, dalla prossima stagione?

Anche l'Italia - e le sue franchigie - potenzialmente coinvolta

12 Gennaio 2021 Emisfero Nord
item-thumbnail

“L’Italia sarebbe matta a non convocare Odogwu”

Lee Blackett, allenatore dei Wasps, punta forte sul trequarti di origine azzurra e lo sponsorizza in chiave Nazionale

12 Gennaio 2021 Emisfero Nord
item-thumbnail

Top14: in Francia non ci si ferma (quasi) mai

Niente coppe europee? Spazio ai recuperi di campionato. Situazione grave a La Rochelle, col centro sportivo chiuso per le positività

12 Gennaio 2021 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: Tolosa nuova capolista dopo il rinvio tra Racing e La Rochelle

Il big match fra parigini e atlantici era stato inizialmente spostato da sabato a domenica, poi il rinvio a data da destinarsi

11 Gennaio 2021 Emisfero Nord / Top 14