Top12: Calvisano, Rovigo e Padova vincono dilagando. Le Fiamme Oro si impongono sul San Donà

Successi netti anche per Mogliano e Valorugby Emilia

Ph. Massimiliano Carnabuci

Si è conclusa la prima giornata della stagione 2019/2020 del Top12. Andiamo a vedere come sono andate le cose in questi primi 80′ del massimo Campionato Italiano di rugby.

Calvisano-Colorno: La partita inizia con i campioni d’Italia che vanno sotto poco prima del quarto d’ora per effetto del calcio piazzato messo a segno da Mantelli. Al ventesimo però, ecco la reazione dei gialloneri: meta tecnica e 7-3 sul tabellino. Gli uomini di Brunello non si fermano e allungano sul 10-3 grazie al piede preciso di Casilio, ma nel finale di frazione arriva il pari degli emilani che vanno oltre con il pilone Alvarado e ottengono i punti del 10-10 sulla conversione affidata ancora una volta all’impeccabile Mantelli.
La ripresa è invece a senso unico. Calvisano si scatena, Colorno è inerme: il drop di Chiesa dà il via a quaranta minuti perfetti degli scudettati. Vunisa, Archetti, Casolari, Mazza e Trulla finiscono il lavoro consegnando al Calvisano il 43-10 definitivo.
Mogliano-Lazio (giocata alle ore 15): va sotto nei primi venti minuti di gara, ma poi si impone a valanga il Mogliano che fra le mura amiche supera i rivali biancocelesti per 38-16. Dopo la meta ospite di De Gaspari, arriva il monologo degli uomini di Costanzo che marcano pesante con Pavan, Da Re, Crosato, Tuilagi e Guarducci – usufruendo anche dal 71′ della superiorità numerica causata dal rosso all’indirizzo di Giancarlini – vanificando il tentativo di rientro capitolino tradottosi soltanto nei tre piazzati di Bonifazi.
Fiamme Oro-San Donà (giocata alle ore 15.30): si apre con un’affermazione la stagione della compagine cremisi, che a Roma piega 26-19 il San Donà. In una partita vissuta a ondate, sono i ragazzi di Green a fare la voce grossa all’inizio – dopo la segnatura interna di Guardiano – con le mete di Reeves e Lyle, ma i “poliziotti” reagiscono poco prima del break andando a marcare con Jacopo Bianchi e la conversione di Michelangelo Biondelli, osservato speciale di giornata. Si rientra quindi dagli spogliatoi con il punteggio di 12-14, passa circa un quarto d’ora e Bianchi va ancora oltre. L’argine ospite si rompe D’Onofrio fiuta l’occasione al sessantaquattresimo allargando il gap sul 26-14 e sancendo di fatto la fine delle ostilità. Nel finale però, da non sottovalutare ai fini della classifica, arriva la meta di Lyle (seconda personale) che riduce il distacco a sole sette lunghezze. Alle Fiamme Oro vanno quindi cinque punti (incluso quello del bonus offensivo), al San Donà uno, quello del bonus difensivo.
Valorugby Emilia-Viadana: i reggiani iniziano la sfida contro il Viadana con il piede schiacciato sull’acceleratore. Luus e Mordacci, inframezzati nelle loro azioni dai calci di Gennari, vanno in meta prima della mezz’ora. Gli ospiti provano a reagire con la realizzazione di di Spinelli, a cui fa seguito il giallo a Favaro che lascia gli emiliani in quattordici all’inizio della ripresa, ma non trovano la via di risalire incassando un colpo da ko per mano di Vaeno; poco prima dello scoccare dell’ora di gioco. E’ un cazzotto che manda al tappeto i mantovani, che subiscono anche l’accelerazione di Majstorovic. Il Valorugby si prende il match e il punto di bonus fissando le cose sul definitivo 34-17.
Petrarca Rugby-Medicei: netto successo della squadra di Marcato, che già dall’inizio fa capire agli avversari toscani la propria superiorità tradottasi poi nel punteggio finale di 45-19. Per i padovani, nonostante l’inferiorità numerica ad inizio contesa causata del giallo subito da Capraro, non c’è stato nessun problema a domare i rivali, come hanno dimostrato le mete di Nostran, Leaupepe (due, di cui una nella ripresa), Conforti, Carnio e Fadalti e Capraro, a cui i Medicei hanno risposto soltanto con le realizzazioni di Greeff, Newton e Giovanchelli.
Lyons Piacenza-Rovigo: è corsaro il Rovigo di Casellato, che si impone a Piacenza con il punteggio di 14-45. Primi venti minuti decisivi: Bersaglieri in meta prima con Ferro e poi due volte con Antl. Gap scavato e, con la meta tecnica ottenuta in corrispondenza dell’intervallo, punto di bonus offensivo ottenuto; per installarsi nel gruppo delle prime in classifica. Ripresa in gestione per i rossoblu, senza particolari sussulti, e con Ferro e Menniti-Ippolito a suggellare l’esito finale

Classifica: Calvisano 5, Rovigo 5, Petrarca Padova 5, Mogliano 5, Fiamme Oro 5, Valorugby Emilia 5, San Donà 1, Lazio 0, Lyons Piacenza 0, Medicei 0, Viadana 0, Colorno 0

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Top12, Rovigo: presentati Mtyanda e Leiger. I Bersaglieri vanno all’assalto dello scudetto

I rossoblu si preparano alla ripresa del campionato accogliendo due rinforzi all'interno della loro rosa

19 Novembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12, Rovigo: tegola Antl, fuori un mese. Infermeria piena per i Bersaglieri

La pausa del campionato servirà ai veneti per recuperare i pezzi in vista della ripresa di fine mese

13 Novembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

La classifica marcatori del Top12 (in aggiornamento)

Chi segna più mete e più punti nel massimo campionato italiano?

12 Novembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Quanto hanno giocato i permit player finora?

Nella prima parte sono stati molto utilizzati da Benetton e Zebre. Intanto, comincia a svilupparsi anche il meccanismo inverso

12 Novembre 2019 Pro 14
item-thumbnail

Top12: le dichiarazioni dei protagonisti dopo la quarta giornata

Per Casellato il Rovigo ha vinto con "la forza del gruppo". Delusione per Brunello, mentre per Marcato la pausa arriva al momento giusto

11 Novembre 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12: gli highlights della quarta giornata

Tutte le mete (e sono state tante) e le azioni principali nell'ultimo weekend del campionato italiano

11 Novembre 2019 Foto e video