Rugby World Cup 2019: Il XV del Sudafrica per il Giappone

Mbonambi titolare contro la formazione di casa per il delicato quarto di finale degli Springboks

rugby world cup 2019 italia sudafrica

ph. Sebastiano Pessina

Rassie Erasmus ha deciso di dare fiducia a Mbongeni Mbonambi come tallonatore nella sua formazione per il quarto di finale contro il Giappone, mentre Malcolm Marx attenderà il suo turno in panchina.

E’ questa la principale sorpresa della formazione sudafricana che dovrà vedersela contro i padroni di casa del mondiale nel quarto di finale che si giocherà domenica mattina a Tokyo.

Erasmus ha dato continuità alle proprie scelte, pur portando in panchina ben 6 avanti, con Franco Mostert che rappresenta un possibile sostituto sia per la seconda che per la terza linea oltre ai già presenti RG Snyman e Francois Louw.

I due trequarti che completano la formazione sono Herschel Jantjies e François Steyn.

In campo ci sarà anche Tendai Mtawarira: the Beast ha vinto il ballottaggio con Steven Kitschoff e partirà dal primo minuto.

In conferenza stampa c’era l’assistente di Erasmus per gli avanti, Matthew Proudfoot, che ha allenato i Kobelco Steelers: “L’esperienza di allenare a Kobe è stata molto istruttiva. In Sudafrica alleni solo un certo tipo di giocatore, ma qui devi imparare ad allenare una tipologia differente e capire la loro mentalità.”

“Allenare un pacchetto di mischia non è solo trasmettere il lato tecnico. Devi capire il lato emotivo di un giocatore, così che tu possa capire come gioca e disegnare un piano di gioco concordante. Questa è stata per me la parte più interessante. Ho imparato il processo di pensieri degli avanti giapponesi, e quanto rapidamente si applicano sui dettagli.”

“Tu dai loro un piano molto definito, loro lo fotografano molto rapidamente e si mettono al lavoro come indemoniati per metterlo in pratica.”

“Ho avuto Isileli [Nakajima, pilone del Giappone] con me a Kobe. Da numero 8 è passato a giocare seconda linea, e adesso da seconda a pilone. Questo dimostra quanto siano adattabili, quanto lavorino duro per acquisire le skills necessarie. Non sono in molti a riuscirci e ho grande rispetto di tutto questo.”

“Per me, però, il punto focale rimane su quello che i ragazzi, gli Springboks, riusciranno a fare domenica. Si sono evoluti bene durante l’anno. E ho passato loro la mia conoscenza del rugby giapponese.”

Sudafrica

1. Tendai Mtawarira
2. Mbongeni Mbonambi
3. Frans Malherbe
4. Eben Etzebeth
5. Lood de Jager
6. Siya Kolisi (capt.)
7. Pieter-Steph Du Toit
8. Duane Vermeulen
9. Faf de Klerk
10. Handre Pollard
11. Makazole Mapimpi
12. Damian de Allende
13. Lukhanyo Am
14. Cheslin Kolbe
15. Willie Le Roux

16. Malcolm Marx
17. Steven Kitshoff
18. Vincent Koch
19. RG Snyman
20. Franco Mostert
21. Francois Louw
22. Herschel Jantjies
23. Frans Steyn

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019