Rugby World Cup 2019: l’Argentina saluta il Mondiale battendo 47-17 gli USA

Nell’ultima partita del loro torneo iridato, i Pumas salutano la terra nipponica andando a marcare sette volte

Ph. REUTERS/Kim Kyung-Hoon

A Kumagaya la partita inizia con qualche difficoltà per i Pumas che, pur amministrando il pallino del gioco, ci mettono quasi venti minuti prima di sbloccare il risultato. A mettere a segno la prima meta dell’incontro ci pensa Sanchez, il quale – al diciannovesimo, per la precisione – dà il via al festival delle segnature dei sudamericani. L’apertura scappa alla bandierina, non riuscendo poi a convertire, per il 5-0 che dà abbrivio agli uomini di Ledesma.

L’argine americano si rompe. Nel finale di frazione Tuculet lo capisce e va a marcare pesante due volte, prima raccogliendo col tempo giusto un calcio passaggio rimbalzante, su cui batte l’estremo statunitense, e poi resistendo al placcaggio di Lasike per andare oltre. E’ 19-0.
Le Eagles però non si danno per vinte: a un minuto dal riposo bell’azione alla mano, successivamente palla a MacGinty che con un grubber illuminante taglia fuori la difesa argentina per trovare la corsa perfetta di capitan Scully, il quale va in meta alla bandierina. Si va al riposo sul 19-5.

La ripresa è caratterizzata dal rientro feroce dagli spogliatoi dell’Albiceleste. A salire in cattedra è Cruz Mallia. Al pari di Tuculet, il secondo centro griffa la sua doppietta: Il numero tredici sfodera una breve corsa di taglio sui tre metri per battere la rete rivale andando a colpire in una circostanza, mentre in un secondo momento lavora bene con il compagno di reparto de La Fuente per andare a terminare la sua corsa in mezzo ai pali. Il gap si dilata sul 31-5.

E’ di fatto, semmai ci fosse stata partita, la fine delle trasmissioni. A cavallo dell’ora di gioco si assiste al botta e risposta di mete sull’asse de La Fuente-Lasike, a dieci dalla fine invece è il subentrato Bertranou a inserirsi nel tabellino del match, per il 47-12.
A tempo scaduto, infine, arriva la terza gioia statunitense del match: touche offensiva vinta con sicurezza, alcune cariche centrali, apertura di Hooley al largo e ancora una volta le gambe di Scully per la meta. Si chiude sul 47-17.

Argentina: 15 Joaquin Tuculet, 14 Bautista Delguy, 13 Juan Cruz Mallia, 12 Jeronimo de La Fuente, 11 Santiago Carreras, 10 Nicolas Sanchez, 9 Felipe Ezcurra, 8 Rodrigo Bruni, 7 Juan Manuel Leguizamon, 6 Pablo Matera (c), 5 Matias Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Santiago Medrano, 2 Julian Montoya, 1 Nahuel Tetaz Chaparro
A disposizione: 16 Agustín Creevy, 17 Mayco Vivas, 18 Enrique Pieretto, 19 Marcos Kremer, 20 Tomas Lezana, 21 Gonzalo Martin Bertranou, 22 Benjamin Urdapilleta, 23 Matías Moroni

Marcatori Argentina
Mete: Nicolas Sanchez (19′), Joaquin Tuculet (25′, 35′), Juan Cruz Mallia (44′, 48′), Jeronimo De La Fuente (57′), Gonzalo Bertranou (70′)
Conversioni: Nicolas Sanchez (20′, 26′, 45′, 49′, 58′), Benjamin Urdapilleta (71′)
Punizioni:

USA: 15 Mike Te’o, 14 Blaine Scully (c), 13 Bryce Campbell, 12 Paul Lasike, 11 Marcel Brache, 10 AJ MacGinty, 9 Ruben de Haas, 8 Cam Dolan, 7 Hanco Germishuys, 6 Tony Lamborn, 5 Greg Peterson, 4 Nate Brakeley, 3 Titi Lamositele, 2 Joe Taufete’e, 1 Eric Fry
A disposizione: 16 Dylan Fawsitt, 17 Olive Kilifi, 18 Paul Mullen, 19 Ben Landry, 20 Ben Pinkelman, 21 Nate Augspurger, 22 Will Hooley, 23 Martin Iosefo

Marcatori USA
Mete: Blaine Scully (39′, 82), Paul Lasike (60′)
Conversioni: AJ MacGinty (61′)
Punizioni:

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il XV della Francia per la sfida al Galles

Damian Penaud, in dubbio alla vigilia, sarà della partita ad Oita

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il programma tv del weekend dei quarti di finale

Si entra nella fase ad eliminazione diretta con quattro sfide molto interessanti

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione del Galles per i quarti di finale

Le scelte di Warren Gatland per la sfida contro la Francia

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019