In Giappone c’è chi pensa che la nazionale di rugby perderà con la Russia

Lo dicono le previsioni di due polpi in una piscina di plastica per bambini ad Hokkaido. Chi siamo noi per dubitarne?

ph. Kyodo News

La sentenza è emessa: il Giappone non riuscirà a superare la fase a gironi della Rugby World Cup, nonostante giochi in casa.

Una previsione tutto sommato condivisibile, forse probabile, quella fatta da Rabiot II e Rabiot III, due polpi pescati ad Obira, nel nord dell’isola di Hokkaido. Se non fosse che i due supposti ittici possessori di poteri di preveggenza hanno dovuto anche stabilire il risultato di ciascuno dei match in cui è impegnata la nazionale di casa.

I due tentacolati, immersi in una grossa piscina di plastica per bambini, in cui erano presenti la bandiera del Giappone e, a turno, quella delle quattro avversarie del girone di Rugby World Cup, dovevano infatti indicare quale squadra di volta in volta vincerà gli incontri. In mezzo alla piscina era prevista anche una zona dove sostare nel caso venisse predetto un pareggio.

A quanto pare la prima sorpresa si avrà subito in apertura di competizione, con la Russia, reduce dalle sconfitte contro Italia, Jersey Reds (formazione di seconda divisione inglese) e Connacht, destinata a battere i nipponici nell’incontro di venerdì prossimo, 20 settembre, che apre le danze del mondiale.

Il Giappone proverà a rifarsi producendosi in una storica vittoria contro l’Irlanda, ma le successive sconfitte contro Samoa e Scozia li condanneranno a non passare il girone.

Così è stato previsto dai due polpi, il cui nome si ispira a quello dell’originario Rabiot, un polpo con poteri di preveggenza che aveva correttamente pronosticato tutti i risultati della nazionale giapponese di calcio allo scorso mondiale di palla rotonda del 2018.

Il pescatore delle due creature, Kimio Abe, ha sentenziato: “Spero che il Giappone faccia del proprio meglio nonostante il difficile pronostico. Bollirò e spedirò i polpi che hanno fatto la predizione a chiunque me li ordini.”

Le patate sono da acquistare a parte.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: Magia nera

Gli All Blacks collezionano una sfilza di gesti tecnici abbacinanti per segnare l'ultima meta dell'incontro con la Namibia

16 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: il dominio tecnico delle Fiji

Abbiamo scelto le tre mete più belle della fase a gironi. Questa di Frank Lomani contro la Georgia è sul gradino più basso del podio

15 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dall’11/10 al 13/10

Tanta Rugby World Cup e la terza giornata di Pro14 nel menù ovale del weekend

11 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #56: follie a Bayonne

Con due giocate pazzesche in una manciata di secondi, i baschi hanno messo segno la meta della settimana contro Agen

8 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: balzo in avanti di Clermont, Benetton in sedicesima piazza

Perdono terreno anche le Zebre, mentre i Cheetahs salgono di dieci posizioni

1 Ottobre 2019 Terzo tempo