Sei nuovi nomi verranno inseriti nella Hall of Fame

Due neozelandesi, un sudafricano, un uruguaiano, un samoano e un giapponese: la cerimonia si terrà il 3 novembre

richie mccaw hall of fame

ph. Sebastiano Pessina

Sei nuovi nomi entreranno nella Hall of Fame di World Rugby per il 2019. La cerimonia avverrà il prossimo 3 novembre a Tokyo, il giorno dopo la finale della Rugby World Cup, in occasione degli Awards annuali per la palla ovale. I nomi sono quelli di Richie McCaw, Graham Henry (Nuova Zelanda), Shiggy Konno (Giappone), Os du Randt (Sudafrica), Peter Fatialofa (Samoa) e Diego Ormaechea (Uruguay).

L’ingresso nella Hall of Fame sarà postumo per Konno e Fatialofa, mentre McCaw, Henry, du Randt e Ormaechea saranno presenti a Tokyo per lo speciale evento. Konno, classe 1922 e morto nel 2007, è stato un giocatore e un dirigente di rugby per le Federazioni asiatiche (che ha contribuito a fondare) e giapponesi. Dal 1991 al 2000 è stato poi rappresentante per sua nazione per il governo mondiale.

Fatialofa, nato nel 1959 e morto nel 2013, è stato uno dei primi giocatori nati in Nuova Zelanda a rappresentare la nazionale samoana, di cui è stato il capitano nella Rugby World Cup 1987. Pilone con 34 cap per Samoa, Fatialofa nel 1996 è diventato membro dell’ordine al merito della Nuova Zelanda.

Di McCaw e Henry sappiamo già tutto: sono stati il capitano e l’allenatore della Nuova Zelanda nella Rugby World Cup 2011, ma anche molto di più. McCaw ha replicato il successo da capitano nel 2015 ed è universalmente riconosciuto come uno dei migliori giocatori di sempre, oltre a essere il giocatore con più presenze a livello internazionale nella storia (148 cap).

Jacobus Petrus du Randt, detto Os, è stato il pilone titolare del Sudafrica campione del mondo sia nel 1995 sia nel 2007, a 35 anni. È l’unico Springbok a essere riuscito in quest’impresa: è considerato uno dei più forti nel suo ruolo.

Ormaechea, classe 1959, è stato un giocatore della nazionale uruguagia per 73 volte tra il 1979 e il 1999, nel ruolo di numero otto. È diventato il giocatore più anziano ad aver preso parte a una Rugby World Cup, nel 1999, alla prima partecipazione dell’Uruguay al Mondiale.

I nomi per l’Hall of Fame 2019

143 – Richie McCaw (New Zealand)
144 – Shiggy Konno (Japan)
145 – Os du Randt (South Africa)
146 – Peter Fatialofa (Samoa)
147 – Graham Henry (New Zealand)
148 – Diego Ormaechea (Uruguay)

Tutti gli altri nomi della Hall of Fame sono a questo link.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

European Onrugby Ranking: Bordeaux si prende la top5, passo in avanti del Benetton

La vittoria dei francesi nel barrage di Top14 li porta al quinto posto, così come il Racing conquista la top10. Bene anche il Benetton

15 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Italia-Samoa, un raggio di sole nella tempesta

Quando sei dentro la tempesta, anche un solo raggio di sole dà speranza per il domani

15 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugbymen: quando la partita non finisce al triplice fischio dell’arbitro

Nuova appuntamento con l'implacabile ironia del Paillar Athletic Club la squadra di rugby più squinternata di ovalia

14 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

I Pumas che rovinarono la festa alla Francia

Il cammino dei francesi alla Rugby World Cup del 2007 era già stato disegnato nei minimi dettagli. E, come tutte le cose già progettate, non andrà com...

14 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

European Onrugby Ranking: gli Exeter Chiefs irrompono sul podio. Benetton, leggero passo indietro

Balzi in avanti Glasgow Warriors e Pau. Stabili le Zebre

11 Giugno 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dal 10 all’11 giugno

Partite in diretta dalla Rainbow Cup e dal Super Rugby TransTasman, che chiudono le loro regular season e si preparano alle finali

10 Giugno 2021 Terzo tempo