Sei nuovi nomi verranno inseriti nella Hall of Fame

Due neozelandesi, un sudafricano, un uruguaiano, un samoano e un giapponese: la cerimonia si terrà il 3 novembre

richie mccaw hall of fame

ph. Sebastiano Pessina

Sei nuovi nomi entreranno nella Hall of Fame di World Rugby per il 2019. La cerimonia avverrà il prossimo 3 novembre a Tokyo, il giorno dopo la finale della Rugby World Cup, in occasione degli Awards annuali per la palla ovale. I nomi sono quelli di Richie McCaw, Graham Henry (Nuova Zelanda), Shiggy Konno (Giappone), Os du Randt (Sudafrica), Peter Fatialofa (Samoa) e Diego Ormaechea (Uruguay).

L’ingresso nella Hall of Fame sarà postumo per Konno e Fatialofa, mentre McCaw, Henry, du Randt e Ormaechea saranno presenti a Tokyo per lo speciale evento. Konno, classe 1922 e morto nel 2007, è stato un giocatore e un dirigente di rugby per le Federazioni asiatiche (che ha contribuito a fondare) e giapponesi. Dal 1991 al 2000 è stato poi rappresentante per sua nazione per il governo mondiale.

Fatialofa, nato nel 1959 e morto nel 2013, è stato uno dei primi giocatori nati in Nuova Zelanda a rappresentare la nazionale samoana, di cui è stato il capitano nella Rugby World Cup 1987. Pilone con 34 cap per Samoa, Fatialofa nel 1996 è diventato membro dell’ordine al merito della Nuova Zelanda.

Di McCaw e Henry sappiamo già tutto: sono stati il capitano e l’allenatore della Nuova Zelanda nella Rugby World Cup 2011, ma anche molto di più. McCaw ha replicato il successo da capitano nel 2015 ed è universalmente riconosciuto come uno dei migliori giocatori di sempre, oltre a essere il giocatore con più presenze a livello internazionale nella storia (148 cap).

Jacobus Petrus du Randt, detto Os, è stato il pilone titolare del Sudafrica campione del mondo sia nel 1995 sia nel 2007, a 35 anni. È l’unico Springbok a essere riuscito in quest’impresa: è considerato uno dei più forti nel suo ruolo.

Ormaechea, classe 1959, è stato un giocatore della nazionale uruguagia per 73 volte tra il 1979 e il 1999, nel ruolo di numero otto. È diventato il giocatore più anziano ad aver preso parte a una Rugby World Cup, nel 1999, alla prima partecipazione dell’Uruguay al Mondiale.

I nomi per l’Hall of Fame 2019

143 – Richie McCaw (New Zealand)
144 – Shiggy Konno (Japan)
145 – Os du Randt (South Africa)
146 – Peter Fatialofa (Samoa)
147 – Graham Henry (New Zealand)
148 – Diego Ormaechea (Uruguay)

Tutti gli altri nomi della Hall of Fame sono a questo link.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: Magia nera

Gli All Blacks collezionano una sfilza di gesti tecnici abbacinanti per segnare l'ultima meta dell'incontro con la Namibia

16 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: il dominio tecnico delle Fiji

Abbiamo scelto le tre mete più belle della fase a gironi. Questa di Frank Lomani contro la Georgia è sul gradino più basso del podio

15 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dall’11/10 al 13/10

Tanta Rugby World Cup e la terza giornata di Pro14 nel menù ovale del weekend

11 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #56: follie a Bayonne

Con due giocate pazzesche in una manciata di secondi, i baschi hanno messo segno la meta della settimana contro Agen

8 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: balzo in avanti di Clermont, Benetton in sedicesima piazza

Perdono terreno anche le Zebre, mentre i Cheetahs salgono di dieci posizioni

1 Ottobre 2019 Terzo tempo