In Australia si discute sul futuro della regola riguardante i giocatori “Overseas”

La Federazione vorrebbe valutare qualche possibile modifica al provvedimento

giteau

ph. Sebastiano Pessina

Regola overseas o legge Giteau. In Australia aumentano le discussioni per un provvedimento che, caldeggiato da Michael Cheika in occasione della Rugby World Cup 2015, consentì ai giocatori che australiani che giocavano in Europa di poter comunque vestire la maglia della nazionale nella manifestazione iridata, a patto che avessero già collezionato un minimo di 60 caps con la casacca dei Wallabies.

La Federazione che sta valutando la possibilità di alcune modifiche alla legge, si è detta complessivamente soddisfatta di come sia stata applicata e di come molti giocatori si siano adeguati alla regola per venire incontro alle esigenze della nazionale, ma c’è un nota dolente: quella della competitività australiana nel Super Rugby, che da molto tempo è ormai scemata.

“Sudafrica e Nuova Zelanda stanno valutando in quali modalità poter agevolare la permanenza dei loro migliori giocatori in patria – afferma il CEO federale Raelene Castle – e noi non possiamo sottrarci a questo. Abbiamo bisogno dei nostri prospetti più importanti nel Super Rugby, è un punto fondamentale. Dobbiamo trovare una misura che consenta ai giocatori di avere anche altre opportunità, senza però che gli venga preclusa la possibilità di ambire alla nazionale. Con Scott Johnson e Ben Whitaker ci siederemo intorno a un tavolo per fare uno screening della situazione analizzando tutte le possibilità e osservando i modelli dei nostri competitor”.

La soluzione conclusiva potrebbe essere quella offerta dalla Nuova Zelanda in occasione degli ultimi rinnovi contrattuali: offrire ai giocatori, in un percorso di quattro anni di contratto, un anno sabbatico (magari a cavallo fra la prima e la seconda stagione) in modo da poter poi rientrare in una franchigia due anni o un anno e mezzo prima del Mondiale e contribuire all’andamento della stessa nel Super Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Wallabies: Dave Rennie e il dilemma terza linea

Così simile eppur diverso da quello che attanaglia Ian Foster dall'altra parte del mare di Tasman

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: All Blacks, neri di rabbia. Natale in isolamento per loro?

I neozelandesi critici col calendario del torneo, ma la SAANZAR risponde per le rime

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: il calendario del torneo

Si parte il 7 novembre per concludere il 12 dicembre: nel mezzo sfide ad alta tensione ovale

24 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Argentina, verso il Rugby Championship 2020: i convocati

Mario Ledesma compie la prima scrematura riducendo il gruppo a 33 unità

22 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2020: Argentina, la marcia d’avvicinamento

Lo staff tecnico dei Pumas ha fatto il punto della situazione dal ritiro di Buenos Aires

18 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Sudafrica: infortuni gravi per un paio di stelle Springboks

Nel post sosta forzata, anche RG Snyman aveva già riportato un problema piuttosto serio al ginocchio

14 Settembre 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship