Test Match: l’Inghilterra demolisce l’Irlanda a Twickenham (57-15)

La squadra di Eddie Jones rifila otto mete a un avversario inerme di fronte allo strapotere inglese

ph. Reuters

A meno di u mese dall’inizio della Rugby World Cup, l’Inghilterra domina contro l’Irlanda in un match a senso unico e vince 57-15 a Twickenham, mettendo in mostra una superiorità tecnica e fisica davvero notevole. Gli uomini di Joe Schmidt non hanno mai avuto voce in capitolo nel corso del match e sono ancora ben lontani dalla forma migliore.

Dopo un piazzato di Farrell per aprire il tabellino, la partita si infiamma nel giro di pochi minuti tra il 9′ e il 14′. Da una rimessa laterale dentro i 22 inglesi, Henderson scippa il pallone a Kruis in maul e può mettere in moto i trequarti: Stockdale si lancia al piede verso l’area di meta e impegna tre uomini, che sul rimbalzo del pallone vengono tagliati fuori. Larmour ringrazia può schiacciare in meta.

L’Inghilterra impiega cinque minuti a rimettere le cose a posto. Da mischia, la trequarti inglese manipola molto bene la difesa irlandese stringendola all’interno e libera Cokanasiga all’esterno, che elude il placcaggio di Larmour e marca l’8-7.

Sono gli ospiti a tenere di più il pallone in mano, ma a difesa inglese è talmente asfissiante e rapida a salire che concede davvero poco spazio ai ball carrier in maglia verde. L’unica soluzione per Ross Byrne è spesso il calcio per giocare almeno nel territorio avversario, e il mediano del Leinster fa bene il suo compito. Ma nel complesso per l’Irlanda le difficoltà restano notevoli.

In attacco l’inghilterra invece si affida a un Tuilagi sempre devastante quando attacca in verticale,  che crea spazi per tutti non appena va a sbattere contro la difesa. La folata offensiva inglese del 25′ però si infrange sul solito Henderson, che ruba palla dentro i propri 22 sventando il pericolo.

Quando gli irlandesi tornano nella metà campo avversaria, Ross Byrne ha la chance di riportare avanti i suoi e non sbaglia per l’8-10. È un vantaggio che dura poco: l’Inghilterra fisicamente domina l’incontro e guadagna sempre metri a ogni collisione, anche grazie alle buone mani dei suoi avanti. Al 29′, dopo un lungo multi fase e dopo aver disordinato la difesa irlandese, Ford e Curry trovano Daly solo al largo e l’estremo può segnare il 15-10.

In rimessa laterale, inoltre, l’Inghilterra ruba tre lanci all’Irlanda, di cui uno sui 5 metri avversari. Sul proseguimento dell’azione gli inglesi perdono il pallone, ma un in avanti dell’Irlanda concede una mischia ai padroni di casa sotto i pali. Per Tuilagi è troppo facile infilarsi nella difesa avversaria e segnare il 22-10 al 36′.

Lo spartito della ripresa è los tesso dell’inizio del primo tempo. Nel giro di un quarto d’ora si isrivono alla festa di Twickenham entrambe le seconde linee: al 45′ va a segno Itoje, che rompe un placcaggio troppo morbido e va sotto i pali, mentre al 53′ è Kruis a segnare da distanza ravvicinata, al termine dell’ennesima azione in cui l’Irlanda ha potuto soltanto subire l’iniziativa inglese.

L’Irlanda è inesistente e poco più tardi subisce anche la sesta meta: Sinckler serve nello stretto Underhill, che nel 2 vs 1 premia il sostegno di Curry per la meta del flanker classe 1998 (43-10). L’unico sussulto dell’Irlanda è una corsa laterale di Stockdale, che però non riesce a restare in campo. Per il resto, è un unico grande assolo inglese: ancora da prima fase, al 65′, Farrell ritarda il passaggio quanto basta per mandare in tilt la difesa irlandese e lancia Cokanasiga verso la doppietta e il 50-10.

Al 73′ arriva una magra consolazione per l’Irlanda, con la bella meta di Aki che batte tre difensor e va a marcare alla bandierina (50-15). Nel frattempo, però, la touche irlandese continua a essere un colabrodo: al 77′ un lancio sbagliato di Cronin regala a Cowan-Dickie una meta fotocopia di quella segnata contro il Galles per il 57-15.

Nel finale Kruis rischia di combinarla grossa con un placcaggio in ritardo, ma si becca solo un giallo. Finisce 57-15.

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Joe Cokanasiga, 13 Manu Tuilagi, 12 Owen Farrell (c), 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Sam Underhill, 6 Tom Curry, 5 George Kruis, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Joe Marler
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Mako Vunipola, 18 Dan Cole, 19 Courtney Lawes, 20 Mark Wilson, 21 Willi Heinz, 22 Piers Francis, 23 Jonathan Joseph

Marcatori Inghilterra

Mete: Cokanasiga (14, 65), Daly (29), Tuilagi (36), Itoje (45), Kruis (53), Curry (56), Cowan-Dickie (77)
Conversioni: Farrell (30, 37, 46, 53, 57, 66), Ford (78)
Punizioni: Farrell (7)

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Jordan Larmour, 13 Garry Ringrose, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Ross Byrne, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Peter O’Mahony, 5 Jean Kleyn, 4 Iain Henderson, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best, 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Jack McGrath, 18 Andrew Porter, 19 Devin Toner, 20 Tadhg Beirne, 21 Luke McGrath, 22 Jack Carty, 23 Andrew Conway

Marcatori Irlanda

Mete: Larmour (9)
Conversioni: Byrne (10)
Punizioni: Byrne (26)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...