Slow Motion #53: le qualità di un finalizzatore

Sbu Nkosi ha realizzato una doppietta a Pretoria mettendo in mostra un arsenale offensivo infinito

super-rugby-sharks-nkosi

ph. Reuters

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Sbu Nkosi sta provando a guadagnarsi una maglia da titolare. Al fianco degli oramai certi Willie le Roux e Cheslin Kolbe, nella formazione tipo degli Springboks rimane libero un posto nel triangolo allargato, per il quale sono in competizione in tre: Aphiwe Dyantyi, finora tenuto in bacino di carenaggio da un infortunio; Makazole Mapimpi, che ha ben figurato nel Rugby Championship; Sbu Nkosi, le cui quotazioni sono in rapida ascesa dopo la doppietta di sabato contro l’Argentina.

Nkosi forse non è il più diligente tatticamente dei trequarti a disposizione di Rassie Erasmus, e nemmeno il più efficace nella difesa uno contro uno. E’ però un attaccante nato, i cui mezzi fisici e atletici lo aiutano a realizzare azioni da far strabuzzare gli occhi, come quelle completate con la meta al Loftus Versfeld di Pretoria.

Nel primo tempo, l’ala degli Sharks ha finalizzato una buona azione al largo dei suoi con un potente step verso l’interno, battendo la difesa argentina per la prima meta dell’incontro. Quello che però combina in apertura di ripresa è ancora meglio.

Da una mischia chiusa oltre i 10 metri avversari, gli Springboks muovono il pallone con Cobus Reinach. La difesa è stretta, anche grazie alla finta carica di Andre Esterhuizen e alla presenza di Elton Jantjies sul lato chiuso della mischia, a sinistra fuori dall’inquadratura.

La palla passa a Jesse Kriel, che ha il tempo per pensare e scegliere l’opzione che gli sembra più proficua, ovvero quella di operare un salto per portare la palla a Sbu Nkosi, libero sulla destra. Da lì, incomincia lo show.

L’ala sudafricana si libera del diretto avversario con uno step di potenza verso l’interno, come nella prima meta segnata, poi riguadagna immediatamente velocità in pochi passi, per caricare il secondo difensore e sfuggire al suo placcaggio.

Rallentato dall’impatto, Nkosi si libera nuovamente del suo marcatore, che nel contempo era rinvenuto, grazie a una giravolta. La gran conclusione è un tuffo con una parabola pazzesca, che gli consente di atterrare in area di meta volando letteralmente sopra il tentativo estremo di placcaggio.

Sabato pomeriggio, Nkosi ha messo in mostra un arsenale offensivo che ha visto pochi eguali durante l’estate. La concorrenza per guadagnarsi quel posto in squadra è assai agguerrita, ma dopo la doppietta all’Argentina la sua candidatura è davvero forte.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Fino in Russia con l’ovale: un giovane trentino con l’under 20 degli Orsi

Andrea della Sala, pilone 19enne del Rugby Trento, convocato dalla Russia under 20 grazie alla doppia cittadinanza

21 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster in testa, Tolosa perde il podio. Italiane stabili

Scivolano indietro invece i Cardiff Blues che perdono sei posizioni

20 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 20 al 23 febbraio

Turno importante per Zebre e Treviso, impegnate contro Munster e Cardiff. Come seguirli e non perdersi nessuna sfida ovale

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inghilterra: Andy Hancock ha passato il pallone

Nel Cinque Nazioni 1965 segnò una delle più belle mete della storia del Torneo, salvando Twickenham dalla vittoria scozzese

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #64: Italia attenta, Stuart Hogg è pronto

Meta importante per sé stesso e per gli Exeter Chiefs del capitano della Scozia, in campo anche nel weekend di stop del Sei Nazioni

18 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo