A Nizza prima uscita nel premondiale per Francia e Scozia

Si gioca alle 20:55 il test match fra le due potenze europee, con in palio il settimo posto nel ranking mondiale

francia scozia sei nazioni

ph. Reuters

Chi potrà dire buona la prima? Francia e Scozia affrontano il rispettivo debutto nell’arena dei test match di preparazione alla Rugby World Cup giapponese scendendo in campo alle ore 20:55 in quel di Nizza, con diretta televisiva su Eurosport, visibile sia dalla piattaforma Sky che da DAZN.

Una partita, quella dell’Allianz Riviera, che potrebbe passare sotto traccia data la presenza di altre all’apparenza più rilevanti, e che coinvolgono squadre di maggior profilo. Le traiettorie di Francia e Scozia sono però fra le più interessanti di Ovalia, e finiranno per essere di grandissima importanza alla Rugby World Cup.

I galletti di Jacques Brunel sono inseriti in un girone infernale con Inghilterra e Argentina e dovranno dimostrare la capacità di compiere un immediato salto di qualità rispetto allo scorso Sei Nazioni per sperare di accedere ai quarti, come sempre successo nella storia.

Gregor Townsend dovrà invece rispondere presente alle questioni poste dai padroni di casa del mondiale, quei giapponesi trionfatori nella Pacific Nations Cup che costituiscono lo spauracchio principale per la nazionale scozzese.

In casa, la Francia cercherà di trovare subito la quadra, e di vincere guadagnando fiducia da un risultato positivo. Per questo motivo Jacques Brunel ha scelto una formazione che combina continuità ad alcune novità, rappresentate nello specifico dalla scelta di una terza linea inedita con Greg Alldritt a numero 8, affiancato da Charles Ollivon del Tolone e François Cros del Tolosa. Degli ultimi due, il primo è un ritorno, avendo giocato in nazionale l’ultima volta nel febbraio 2017, e l’altro un esordiente.

Altro esordiente dell’incontro sarà Alivereti Raka, ala di Clermont nativa delle Fiji e qualificato francese grazie alla sua militanza con i gialloblu a partire dal 2015.

Assente Guirado a causa di un problema alle costole, la fascia di capitano sarà affidata al pilone Jefferson Poirot. In panchina altri potenziali esordienti in prima linea: il tallonatore Peato Mauvaka e il pilone Emerick Setiano.

La scelta dei centri, uno dei temi più interessanti della selezione francese, è quasi obbligatoria: infortunato Doumayrou, lasciato a casa Bastareaud, si prova a ricostruire sulla solidità di Wesley Fofana e sull’estro di Gael Fickou.

Sarà interessante vedere quanto l’anticipato innesto del prossimo staff tecnico francese possa aver già portato dei sostanziali cambiamenti nel gioco dei Bleus.

Per la Scozia l’unica vera sorpresa, a parte l’annunciata assenza di Greig Laidlaw e Finn Russell, è il ritorno di Duncan Taylor, che non si guadagnava una maglia da titolare dal giugno 2017 e, insieme al possibile esordiente Rory Hutchinson in panchina, rappresenta la sparuta delegazione dei giocatori che non hanno disputato l’ultimo campionato con Edinburgh o con i Glasgow Warriors.

Nello scorso Sei Nazioni una malandata Francia ebbe la meglio contro una Scozia falcidiata dagli infortuni. Oggi Townsend ha recuperato alcuni dei suoi uomini migliori, su tutti Stuart Hogg, ma la Francia rimane la favorita per questo incontro. Il maggiore tonnellaggio dovrebbe infatti aiutare i Bleus a controllare le fasi statiche e il punto d’incontro, togliendo ossigeno ad una manovra scozzese che nel complesso ci aspettiamo migliore di quella francese.

 

Francia: 15 Maxime Medard, 14 Damian Penaud, 13 Gael Fickou, 12 Wesley Fofana, 11 Alivereti Raka, 10 Camille Lopez, 9 Antoine Dupont, 8 Gregory Alldritt, 7 Charles Ollivon, 6 Francois Cros, 5 Sebastien Vahaamahina, 4 Paul Gabrillagues, 3 Rabah Slimani, 2 Camille Chat, 1 Jefferson Poirot (c)
A disposizione: 16 Peato Mauvaka, 17 Dany Priso, 18 Emerick Setiano, 19 Felix Lambey, 20 Louis Picamoles, 21 Baptiste Serin, 22 Romain Ntamack, 23 Thomas Ramos

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Darcy Graham, 13 Huw Jones, 12 Duncan Taylor, 11 Byron McGuigan, 10 Adam Hastings, 9 Ali Price, 8 Josh Strauss, 7 Jamie Ritchie, 6 John Barclay, 5 Grant Gilchrist, 4 Ben Toolis, 3 Simon Berghan, 2 Stuart McInally (c), 1 Jamie Bhatti
A disposizione: 16 George Turner, 17 Gordon Reid, 18 Zander Fagerson, 19 Scott Cummings, 20 Matt Fagerson, 21 George Horne, 22 Rory Hutchinson, 23 Blair Kinghorn

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby Europe Championship 2020: la seconda giornata

La Georgia espugna Madrid e vola in testa da sola in classifica. Clamorosi successi di Belgio e Portogallo contro Russia e Romania.

10 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Rugby Europe Championship 2020: la Spagna ospita la Georgia, è già una finale

Gli iberici sono l'unica squadra che sembra in grado di opporre resistenza ai Lelos, specie dopo i verdetti del primo turno

8 Febbraio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match novembre 2020: nel calendario della Scozia ci sono gli All Blacks

La Nazionale del Cardo sosterrà si misurerà anche contro Argentina e Giappone

5 Febbraio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Rugby Europe Championship 2020: i primi risultati

Spagna e Georgia fanno subito bottino pieno contro Russia e Romania. Successo di platino del Portogallo sul Belgio in chiave salvezza

3 Febbraio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

L’altra Europa: il Rugby Europe Championship 2020

Georgiani favoriti, ma può essere l'anno giusto per l'ascesa definitiva di Russia e Spagna

31 Gennaio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Fiji: Vern Cotter sarà il nuovo allenatore della nazionale

Il coach neozelandese allenerà gli isolani dal prossimo luglio

28 Gennaio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match