Rugby Championship: Australia e All Blacks alla resa dei conti

A Perth si apre il doppio confronto di Bledisloe Cup

Ph. REUTERS/David Gray

Dopo che le reiterate schermaglie dialettiche tra Steve Hansen e Michael Cheika, che hanno infiammato gli ultimi mesi sull’asse Australia-Nuova Zelanda, sembrano essersi sopite, almeno momentaneamente, in questi giorni, spetta finalmente al campo prendersi la scena, con All Blacks e Wallabies pronti a darsi battaglia vera nel doppio confronto di Bledisloe Cup in arrivo.

Leggi anche: La situazione nel Rugby Championship

Si inizia domattina con la prima sfida, valida anche per il Rugby Championship e preceduta dall’intrigante confronto femminile tra le Black Ferns (campionesse del Mondo in carica) e le rampanti Wallaroos. Un duello importante in ottica titolo australe (entrambi team sono ancora in corsa, anche se il Sudafrica si presenta all’ultimo atto da primo della classe e favorito), ma, anche e soprattutto, primo vero test, per entrambe, con vista sul Mondiale giapponese.

Dopo aver abbondantemente sperimentato nelle due gare contro Argentina e Sudafrica, coerentemente con quanto dichiarato sin dal primo giorno di ritiro, Steve Hansen, con l’obiettivo di conservare la Bledisloe Cup (indicata dallo stesso coach dei ‘tuttineri’ come secondo obiettivo stagionale), regolarmente nella bacheca degli All Blacks dal lontano 2003, ha disegnato la prima vera formazione della stagione. Sostituito forzatamente l’assente Brodie Retallick con Scott Barrett e scelto Dan Coles a tallonatore dopo un lungo ballottaggio con Codie Taylor, il capo allenatore neozelandese ha rimesso a numero 9 Aaron Smith, confermando l’asse Richie Mo’unga-Beaduen Barrett, a numero 10 e 15, che ha dato segnali interessanti nel primo test. La vera notizia, tuttavia, è la prima volta a livello internazionale di Ardie Savea da numero 6, al fianco di Sam Cane (col 7). Una coppia, così assortita, che non era nelle idee del coach, a tal punto da esporsi, dicendo che mai l’avremmo vista in campo assieme (a 6 e a 7), ma che è resa di fatto necessaria dalle numerose assenze in terza linea, con la volontà di mantenere capitan Read a numero 8. In contumacia di Sonny Bill Williams, poi, Anton Lienert-Brown, apparso brillante nei minuti giocati, giocherà a primo centro, affiancando l’ormai insostituibile Goodhue, con le certezze Rieko Ioane e Ben Smith a completare il reparto dei trequarti.

“La nostra preparazione, questa settimana a Perth, è stata molto buona. Grazie al tempo trascorso insieme, stiamo iniziando a vedere una maggiore chiarezza dei ruoli nel team. La Bledisloe Cup è sempre stata incredibilmente importante per questa squadra. Anche questa volta si tratterà di scendere in campo al nostro meglio e guadagnarci il diritto conservarla. Dovremo dare il massimo, entrambe le squadre saranno disperate e affamate di successo”, ha dichiarato Steve Hansen, l’head coach dei ‘tuttineri’.

Sul fronte australiano, Michael Cheika, che ha sorpreso tutti lanciando dal primo minuto, a secondo centro, James O’Connor, a distanza di sei anni dall’ultimo cap contro l’Argentina, ha visto, in queste due settimane post successo sui Pumas, un clima positivo e propositivo in allenamento ed in generale in tutto l’ambiente del rugby australiano, e vorrebbe cavalcare il momentum, provando a spostare l’inerzia della Bledisloe Cup dalla sua parte sin dalla gara di Perth. Per reggere l’urto dei ‘tuttneri’, senza David Pocock che tornerà verosimilmente disponibile tra sette giorni, oltre alla sapiente regia del duo Nic White (notevole sin qui)-Christian Lealiifano, servirà, per i Wallabies, una performance di primo piano nelle fasi statiche, soprattutto in mischia chiusa.

In prima linea, l’ex coach di Leinster ha rinnovato parecchio rispetto all’ultima uscita, confermando l’esperienza di Scott Sio a sinistra, puntando, poi, su Tolu Latu (a numero 2), sul quale vige grande hype, e su Allan Alaalatoa a destra, chiamati a neutralizzare lo strapotere tecnico ed emozionale dei primi cinque uomini neozelandesi.

Leggi anche: Rugby World Cup 2019: il programma del primo weekend ‘integrale’ di Test Match premondiali

Kick-off del match alle ore 11.45 italiane di sabato 10 agosto (diretta tv su Sky Sport Arena).

Le formazioni di Australia v Nuova Zelanda

Australia: 15 Kurtley Beale, 14 Reece Hodge, 13 James O’Connor, 12 Samu Kerevi, 11 Marika Koroibete, 10 Christian Lealiifano, 9 Nic White, 8 Isi Naisarani, 7 Michael Hooper (c), 6 Lukhan Salakaia-Loto, 5 Rory Arnold, 4 Izack Rodda, 3 Allan Alaalatoa, 2 Tolu Latu, 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Folau Fainga’a, 17 James Slipper, 18 Taniela Tupou, 19 Adam Coleman, 20 Luke Jones, 21 Will Genia, 22 Matt Toomua, 23 Tom Banks

Nuova Zelanda: 15 Beauden Barrett, 14 Ben Smith, 13 Jack Goodhue, 12 Anton Lienert-Brown, 11 Rieko Ioane, 10 Richie Mo’unga, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read (c), 7 Sam Cane, 6 Ardie Savea, 5 Sam Whitelock, 4 Scott Barrett, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Codie Taylor, 17 Atu Moli, 18 Angus Ta’avao, 19 Patrick Tuipulotu, 20 Matt Todd, 21 TJ Perenara, 22 Ngani Laumape, 23 George Bridge

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Pumas lavorano già per la RWC 2023

Mario Ledesma ha stilato una lista di 59 giocatori per far parte del nuovo ciclo mondiale della nazionale argentina

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Michael Cheika: “Avrei dovuto lasciare i Wallabies prima”

In un'intervista al Times l'ex coach dell'Australia ha detto che avrebbe dovuto lasciare la nave già nel 2018

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks: Scott Barrett firma fino al 2023

Il seconda linea ha siglato il rinnovo con la federazione neozelandese, giocherà ancora con i Crusaders

19 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Australia ha un nuovo CEO ad interim

Rob Clarke subentrerà, momentaneamente, a Raelene Castle

6 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Australia: Raelene Castle si è dimessa

Lascia il ruolo di CEO della federazione australiana dopo due anni e sei mesi

23 Aprile 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Ufficiale: Ian Foster è il nuovo allenatore degli All Blacks

Dopo otto anni al fianco di Hansen, l'ex assistente tecnico diventa l'head coach della Nuova Zelanda. Contratto di due anni

11 Dicembre 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship