La carriera di David Pocock nel Super Rugby è finita?

Il ritorno in campo del flanker dei Brumbies continua a essere rimandato, e forse avverrà solo con la maglia dei Wallabies

david pocock

ph. Sebastiano Pessina

La partita tra Rebels e Brumbies dello scorso 8 marzo potrebbe essere stata l’ultima nel Super Rugby per David Pocock. Il terza linea australiano non è ancora rientrato in campo dopo l’ultimo infortunio al polpaccio ormai più di due mesi fa, che ha costretto il 30enne originario dello Zimbabwe a giocare appena 170 minuti in stagione.

Dan McKellar, head coach dei Brumbies, ha detto in una recente conferenza stampa che “lo staff medico dei Wallabies e lo staff medico dei Brumbies parleranno della sua situazione nei prossimi giorni. Arriveremo a una soluzione e capiremo la direzione da prendere nelle prossime settimane”. McKellar ha poi aggiunto: “Valuteremo se fare un programma per farlo giocare già nel Super Rugby o se riporremo attenzione alla Rugby World Cup”.

In questo momento, del resto, le condizioni di David Pocock sono una preoccupazione maggiore per Michael Cheika che per McKellar. Anche senza Pocock, i Brumbies si stanno tenendo al comando della Conference australiana nel Super Rugby, seppur con qualche difficoltà, mentre i Wallabies hanno già dimostrato in passato di essere due squadre piuttosto diverse in presenza o in assenza del fenomenale terza linea.

Nonostante i playoff siano una prospettiva concreta per i Brumbies, dunque, Pocock potrebbe restare a riposo per farsi trovare al massimo della condizione durante il Rugby Championship (che in versione ridotta inizierà il 20 luglio) e poi al 21 settembre, giorno dell’esordio per l’Australia nella Rugby World Cup 2019 contro le Fiji.

Il flanker salterà sicuramente anche la prossima trasferta dei Brumbies in Giappone e, se Federazione e franchigia dovessero decidere di schierarlo già nelle partite di giugno del Super Rugby, potrebbe tornare al massimo nei derby contro Waratahs e Reds. In caso contrario, per Pocock quella dello scorso 8 marzo potrebbe essere stata anche l’ultima partita nel Super Rugby della sua carriera, visto che il giocatore – il cui contratto è in scadenza dopo a fine 2019 – non ha ancora chiarito le sue intenzioni alla Federazione e alla franchigia; Pocock potrebbe continuare la sua carriera all’estero, oppure ritirarsi.

La carriera di Pocock fin qui è stata tanto scintillante in campo quanto sfortunata a livello fisico, vista la grande quantità di infortuni e relative ricadute: a fine 2018, aveva ammesso le sue preoccupazioni per i persistenti dolori al collo. “Mi sta causando un bel po’ di dolore – aveva dichiarato – Nella tua mente, dopo che i dottori te lo hanno ricordato, pensi anche al fatto che c’è una vita dopo il rugby. Devo conviverci e gestirlo in maniera intelligente”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Gli infiniti viaggi dei Sunwolves

Quanti aerei cambiano i nipponici per le trasferte del Super Rugby? Lo ha riassunto in un tweet Harumichi Tatekawa

18 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Cosa è successo nell’ultima giornata del Super Rugby 2019

Alla fine la Nuova Zelanda ha portato ancora quattro squadre ai playoff. E poi la vittoria allo scadere degli Sharks, il ritorno dei Bulls e molto alt...

16 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby 2019: il tabellone dei playoff

Le vittorie di Bulls, Chiefs, Highlanders e Sharks hanno definito i quarti di finale, che inizieranno il prossimo weekend

15 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Malcolm Marx rinnova il contratto e si prende un periodo sabbatico dopo la RWC

Il nuovo contratto tutelerà il giocatore concedendogli sei mesi di pieno recupero

14 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Nehe Milner-Skudder dovrà essere operato per la terza volta

Sempre alla spalla, la stessa già operata nel 2016 e nel 2017. Il trequarti non gioca dallo scorso novembre

11 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Cos’è successo nella penultima giornata di Super Rugby

Jaguares e Brumbies hanno vinto le rispettive Conference. Ancora da decidere gli ultimi slot per i playoff

9 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby