Micky Steele-Bodger, barbaro

Giocatore, poi presidente della federazione inglese, infine figura indispensabile dei Barbarians. Un ricordo a due giorni dalla morte

ph. Action Images / Alex Morton

C’è chi la storia del Gioco l’ha fatta fuori dal campo. E questo non per mancare di rispetto ai trascorsi del compianto Micky Steele-Bodger, terza linea degli Harlequins del secondo dopoguerra e 9 caps con l’Inghilterra fra il 1946 e il 1948, deceduto due giorni fa all’età di 93 anni.

Nel 1949 Steele-Bodger dovette mettere termine alla sua carriera da giocatore, ma l’amore per la palla ovale ne avrebbe fatto una figura cardine del rugby anglosassone: selezionatore dei British & Irish Lions, Presidente della Rugby Football Union e Presidente dell’allora International Rugby Board, oggi World Rugby.

Soprattutto, però, Steele-Bodger è stato un Barbarian: capitano per due volte della selezione a inviti e marcatore della prima meta del club dopo la Seconda Guerra Mondiale, avrebbe sempre mantenuto una grande influenza all’interno dei Barbarians. E’ stato infatti nel board del club fin dal 1946, poi segretario onorario e infine presidente a partire dal 1988.

Nell’ambiente unico dei Barbarians, Steele-Bodger è diventato una figura centrale: il simbolo dello spirito della selezione in bianconero, cameratesco e amicale, al limite del goliardico e a volte oltre. Una persona diretta e schietta, priva del timore di dire ciò che pensava.

Uno degli ultimi esponenti di un rugby passato, lascia in eredità l’incarnazione di un mondo ovale che fu, dentro e fuori dal campo.

In tanti, fra giovedì sera e la giornata di venerdì, hanno speso una parola per ricordare l’uomo e l’amico.

Fra i più ripresi il messaggio dell’ex Wallaby Justin Harrison, che ricorda così Micky Steele-Bodger: “Beveva Guinness con gli occhi chiusi, raccontava storie come Ernest Hemingway”.

Il centro gallese Jamie Roberts ricorda che ogni anno, dal 1948 in poi, Steele-Bodger era solito selezionare un suo XV a inviti da far scendere in campo a Cambridge, la sua università, per sfidare la squadra in una partita di warm-up al Varsity match. E Roberts ricorda anche: “Sempre l’ultimo a rimanere al bar.”

Bill Beaumont, l’attuale presidente di World Rugby, ha annunciato che indosserà la sua cravatta dei Barbarians presenziando alla finale di Champions Cup a Newcastle, in omaggio a Steele-Bodger.

Il suo vice, Agustin Pichot: “Micky mi ha dato l’opportunità di realizzare uno dei miei sogni, vestire la maglia dei Barbarians, e per questo gli sarò sempre grato. Rest in peace, mi amigo.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: la formazione del Galles per la gara contro la Francia

Wayne Pivac rilancia dal 1' Gareth Davies. Will Rowlands potrebbe debuttare dalla panchina

20 Febbraio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster in testa, Tolosa perde il podio. Italiane stabili

Scivolano indietro invece i Cardiff Blues che perdono sei posizioni

20 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Pro14: Zebre, la formazione che a Legnano riceve Munster

Boni capitano, in una formazione dove tornato Brummer e Tuivaiti. In panchina, fra i permit players, c'è Pescetto

20 Febbraio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Nuova Zelanda: nasce una Coppa Nazionale per i giocatori che pesano meno di 85 kg

La competizione, che partirà nei prossimi mesi, vedrà Sir Graham Henry nei panni di ambasciatore

20 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Test Match Novembre 2020, Galles: un mese con Springboks, All Blacks e non solo

La squadra di Wayne Pivac si testerà ai massimi livelli contro le formazioni dell'Emisfero Sud

20 Febbraio 2020 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Irlanda, nel ritiro un ospite speciale: è Bono Vox degli U2

Il frontman della band e il capitano Jonathan Sexton si sono resi autori di un simpatico siparietto

20 Febbraio 2020 Foto e video