Champions Cup: Tolosa batte il Racing 21-22 in una partita memorabile

In 14 per circa quaranta minuti per l’espulsione a Holmes, lo Stade segna mete spettacolari e resiste alla rimonta dei parigini. In semifinale ci sarà Leinster

tolosa

Sofiane Guitoune e Jerome Kaino del Tolosa (ph. Reuters)

Il Tolosa batte il Racing 92 21-22 a La Paris Defense Arena, conquistando la seconda vittoria esterna dei quarti di finale di Champions Cup al termine di una partita memorabile. Nonostante il cartellino rosso a Holmes nel primo tempo, gli ospiti riescono a trionfare lo stesso, segnando pure delle mete spettacolari, e resistendo alla rimonta dei parigini nel finale di partita.

Le prime incursioni offensive della partita sono del Tolosa, che prova a far valere da subito la sua elettricità e la sua verve in fase offensiva, soprattutto con Maxime Médard. Al sesto minuto, nel tentativo di liberare il pallone, i biancocelesti restituiscono troppo facilmente il pallone a Cheslin Kolbe: da lì Tolosa buca la linea sull’asse Guitoune-Médard, che serve all’interno Dupont, per una delle più classiche mete dello Stade versione 2018/2019. Il Racing risponde con una bella combinazione tra Vakatawa e Thomas all’esterno, ma è un piazzato di Machenaud al 14′ a muovere per la prima volta il tabellino.

Al 19′ il Racing risponde in modo pesante e va in meta: Russell sale velocemente all’esterno, non visto da Holmes, e intercetta il passaggio dell’apertura; lo scozzese lancia nello spazio Teddy Thomas, che brucia il diretto avversario e schiaccia alla bandierina. La partita però cambia radicalmente pochi minuti più tardi, quando Holmes colpisce con il braccio al collo Juan Imhoff: dopo aver rivisto con il TMO, Pearce decide per il cartellino rosso, che costringe Tolosa a dover giocare in 14 i restanti 58 minuti di gioco.

Machenaud, dall’angolo, non centra i pali e il Racing nei minuti successivi non riesce a far valere subito la superiorità numerica, ma anzi si ritrova di nuovo in parità al 28′: dopo un’avanzata sul lato sinistro del campo, Thomas commette un fallo professionale sui 5 metri e lascia in 14 i suoi. Tolosa spreca una penatouche sui 5 metri, ma sul pallone liberato dal Racing gli ospiti confezionano l’ennesima meta straordinaria della stagione. Sull’allargamento di Ntamack, Tauzin libera all’esterno Guitoune con uno strabiliante sotto mano in no look; il centro rientra dentro il campo e premia il sostegno di Médard in offload, per la meta del 10-12.

La reazione del Racing è immediata: sul restart i biancocelesti recuperano subito il pallone e caricano a testa bassa sui 5 metri, andando oltre la linea bianca ma restando alti grazie allo sforzo della difesa ospite. Sulla mischia, Tolosa recupera anche il pallone e parte anche in contrattacco dai propri 22, ribaltando l’azione e installandosi di nuovo nei 22 biancocelesti; dopo una mischia, Dupont parte da solo battendo Russell e Nakarawa e segna la sua doppietta (10-19). Thomas torna in campo, ristabilendo la superiorità numerica per il Racing, che però nel frattempo ha subito un parziale di 0-12. Nel finale i padroni di casa non riescono a produrre alcunché, e si va all’intervallo sul 10-19.

L’inizio della ripresa, però, è scandito da una grande azione del Racing, con Vakatawa che libera Thomas all’esterno con un grande offload. Il contrattacco non centra il bersaglio grosso, ma Machenaud poco più tardi ha comunque l’opportunità di accorciare le distanze sul 13-19, e non sbaglia. Il Racing ora fa la partita e schiaccia il Tolosa dentro i 5 metri andando per linee dirette, sfruttando alla bisogna i tentacoli di Nakarawa per creare un vantaggio. Al 54′ dopo un fuorigioco di Dupont, Machenaud infila altri tre punti che portano i padroni di casa a -3.

Nonostante il predominio nel possesso, il Racing fa fatica a rifinire a causa di errori banali e, più tardi, anche a trovare degli intervalli interessanti nella difesa del Tolosa. Quando muovono palla al largo i parigini riescono ad aprirsi dei varchi, ma non appena si riportano sui 5 metri per provare a marcare subiscono un intercetto di Dupont; Ahki e Tauzin conducono un micidiale contrattacco, che viene interrotto solo da un altro fallo professionale di Imhoff. Per l’argentino è cartellino giallo: Ramos dalla piazzola non sbaglia e al 68 è 16-22 Tolosa, in parità numerica per altri dieci.

Proprio quando sembrava che l’inerzia della partita si fosse spostata dalla parte del Tolosa, il Racing però trova la meta in modo piuttosto casuale: Kaino ruba una rimessa laterale ai parigini appena fuori dai 22, Kolbe però non riesce a controllare il pallone e Chat pestando sulle gambe – con un paio di uomini addosso – riesce a schiacciare. Machenaud dalla linea di fondo non trasforma, e Tolosa resta comunque avanti al 75′ (21-22).

Il Racing prende coraggio e ispirato da Russell va vicino a marcare con Vakatawa, appena prima che venga portato fuori. Sulla rimessa laterale, i parigini rubano l’ovale e dopo un paio di fasi vanno in meta, ma viene tutto annullato per un fallo di Nakarawa in touche (interferenza sul saltatore).

È il 78′: Tolosa decide di far ripartire il Racing dalla propria metà campo, senza provare a tenere il pallone. Dopo tante fasi, però, i biancocelesti perdono il pallone a una ventina di secondi dall’ottantesimo: nonostante l’inferiorità numerica di circa 40 minuti, Tolosa espugna La Defense Arena e vola in semifinale, dove affronterà il Leinster a Dublino.

Racing 92: 15 Simon Zebo, 14 Teddy Thomas, 13 Virimi Vakatawa, 12 Henry Chavancy, 11 Juan Imhoff, 10 Finn Russell, 9 Maxime Machenaud, 8 Antonie Claassen, 7 Bernard Le Roux, 6 Baptiste Chouzenoux, 5 Leone Nakarawa, 4 Donnacha Ryan, 3 Ben Tameifuna, 2 Dimitri Szarzewski (c), 1 Guram Gogichashvili
A disposizione: 16 Camille Chat, 17 Eddy Ben Arous, 18 Cedate Gomes Sa, 19 Dominic Bird, 20 Boris Palu, 21 Antoine Gibert, 22 Ben Volavola, 23 Wenceslas Lauret

Marcatori Racing

Mete: Thomas (19), Chat (75)
Conversioni: Machenaud (19)
Punizioni: Machenaud (14, 49, 54)

Tolosa: 15 Cheslin Kolbe, 14 Lucas Tauzin, 13 Sofiane Guitoune, 12 Romain Ntamack, 11 Maxime Médard, 10 Zack Holmes, 9 Antoine Dupont, 8 Jerome Kaino (c), 7 Francois Cros, 6 Rynhardt Elstadt, 5 Richie Gray, 4 Richie Arnold, 3 Charlie Faumuina, 2 Peato Mauvaka, 1 Cyril Baille
A disposizione: 16 Guillaume Marchand, 17 Clément Castets, 18 Maks Van Dyk, 19 Selevasio Tolofua, 20 Piula Faasalele, 21 Sébastien Bézy, 22 Thomas Ramos, 23 Pita Ahki

Marcatori Tolosa

Mete: Dupont (6, 36), Médard (31)
Conversioni: Holmes (6), Ntamack (36)
Punizioni: Ramos (68)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

I gironi della Champions Cup 2019/2020

Il Benetton si prende il Leinster, Lione e i Northampton Saints nel girone 1. Girone di ferro per i Saracens

19 giugno 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Leinster: quei tre momenti sui quali recriminare

La finale di Champions Cup è andata meritatamente ai Saracens, ma gli irlandesi hanno sprecato qualche occasione di troppo

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Gregariato saraceno: come la Champions Cup è tornata a Londra

Da Barritt a Koch, da Lozowski a Wray. Una vittoria costruita sul lavoro operaio dei volti meno noti

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La festa dei Saracens, i rimpianti del Leinster

Mark McCall elogia i suoi per la reazione nel corso del match. Leo Cullen: "Bisognava sfruttare le occasioni create"

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Alex Goode è il giocatore dell’anno per la Champions Cup 2018/2019

È il terzo giocatore dei Saracens a vincere il premio dopo Itoje e Farrell nel 2016 e nel 2017

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: I Saracens sono i migliori d’Europa e sono ancora campioni

Finisce 20-10, Sarries dominanti in ogni fase e che hanno saputo approfittare degli errori commessi da Leinster

11 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup