Il vero valore dello sport nella carezza di Médard e nelle lacrime di Parisse

Breve riflessione su due episodi accaduti sabato all’Olimpico

Le lacrime di Sergio Parisse in conferenza stampa- ph. Sebastiano Pessina

Sabato l’Italia ha disputato l’ultimo match di un Sei Nazioni difficile. Una partita che gli Azzurri potevano e volevano vincere, per riportare un po’ di entusiasmo all’interno del gruppo, per ricreare un po’ di fiducia intorno alla squadra ma anche per salutare al meglio tre monumenti del nostro rugby (Parisse, Zanni e Ghiraldini), alla loro ultima partita all’Olimpico e nel torneo. Un match segnato anche da due episodi che in un contesto super professionistico colpiscono particolarmente poiché richiamano ai valori più autentici dello sport, due episodi bellissimi (nella loro drammaticità) che meritano di essere sottolineati e che ispirano una riflessione allontanandoci per un attimo dai risultati della classifica.

Il gesto di Maxime Médard e Yoann Huget , la corsa di Parisse

Al minuto 60, in un contrasto, Leo Ghiraldini resta a terra. L’infortunio al ginocchio destro appare subito serio (si ipotizza una rottura dei legamenti). Il giocatore visibilmente dolorante viene immediatamente soccorso dallo staff medico della nazionale. Porta le braccia sopra la testa, si copre il volto. Passano pochi secondi e il gioco viene fermato. È allora che Yoann Huget e Maxime Médard si avvicinano e si chinano sul loro compagno di club nello Stade Toulousain. Lo confortano, il primo gli prende la mano, il secondo lo consola con una carezza. Anche Sergio Parisse risale il campo con una  corsa di 60 metri per accertarsi delle condizioni del suo vice, appare scosso.

 

Yoann Huget e Maxime Médard confortano Leonardo Ghiraldini – ph. Sebastiano Pessina

 

Sergio Parisse corre ad accertarsi delle condizioni di Ghiraldini – ph. Sebastinao Pessina

Le lacrime del capitano in conferenza stampa

Conferenza stampa post partita. Sergio Parisse siede accanto a Conor O’Shea. Tutto come sempre, salvo che, con ogni probabilità, Parisse non tornerà più a giocare sul prato dello Stadio Olimpico. Dopo il mondiale, il Capitano azzurro, uno dei giocatori più forti e talentuosi del rugby mondiale, dirà addio alla maglia azzurra. Sergio è, come al solito, serio, disponibile, lucidissimo, estremamente professionale. A lui il compito ingrato di spiegare le ragioni della sconfitta. Fa solo un rapido riferimento ai suoi 35 anni per sottolineare come “abbiamo fatto la scommessa di cercare di allenarci  ad altissima intensità…il lavoro che è stato fatto in questi due mesi, che ovviamente nessuno ha visto, è il più duro in tanti anni di Sei Nazioni”. Risponde poi alla domanda di un giornalista e articola una lunga risposta: “Credetemi se a voi da fastidio, se a voi rode, vi posso garantire non siete neanche minimamente vicini al sentimento che sto provando io e che proviamo tutti insieme” (riferendosi al gruppo azzurro, ndr).

Prosegue nella sua analisi, poi improvvisamente si zittisce, abbassa la testa, sopraffatto dalle emozioni. L’infortuno di Ghiraldini è stato un colpo durissimo. Vederlo rientrare in campo con le stampelle a fine partita è un dispiacere troppo grande. Si scusa per le lacrime e con la voce ancora rotta dalla commozione ribadisce il concetto “è stato un sentimento veramente duro perché c’è veramente tantissimo sacrifico dietro le quinte”. Parla poi del mondiale, dice che vorrebbe Ghira in campo, di un progetto e di un obbiettivo che lui e compagni non smetteranno mai di perseguire. Quello del Capitano non è uno sfogo, ma il desiderio di far comprendere l’impegno, la fatica e la dedizione. Lacrime che esprimono tutta la sua personale frustrazione, il dispiacere per il clima di sfiducia intorno alla squadra e il suo profondo attaccamento alla maglia della Nazionale. Aggiunge “non me ne importa niente se il mondo intero non crede in noi io e i ragazzi ci crediamo”.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Esplanade Hotel, o come festeggiare la Pasqua se sei un Barbarian

Per 85 anni il mitico club a inviti ha organizzato un tour durante le vacanze di Pasqua per incontrare i migliori club del Galles: una storia di risto...

21 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Le pari opportunità vanno in meta a Trento

Il Rugby Trento presenta Generi-amo Rugby, un progetto sui temi della psicologia dello sport e sulla parità di genere, corroborato da allenamenti oval...

17 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: Benetton Rugby – Munster sotto la lente d’ingrandimento

I Leoni, pur sconfitti, compiono un altro piccolo passo nella loro crescita complessiva

16 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #39: la marea verde del Connacht

Contro i Cardiff Blues gli irlandesi - con il solito, grande Jack Carty - hanno chiuso il discorso per la qualificazione ai playoff, in bello stile

16 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

La RFU introdurrà l’innovativa ‘half game rule’

Dalla prossima stagione, in Inghilterra ogni atleta dai 6 ai 18 anni dovrà giocare almeno metà tempo in tutte le partite

10 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

80° minuto: Leinster-Benetton sulla lavagna tattica

Debutta una nuova rubrica: la prima partita sotto la lente di ingrandimento è il pareggio dei Leoni a Dublino

10 aprile 2019 Terzo tempo