Le cose fondamentali dalla quindicesima giornata di Premiership

Newcastle è ancora vivo in fondo alla classifica, mentre gli Harlequins continuano a vincere. Nuove lamentele per i campi sintetici

toby flood newcastle premiership

Toby Flood in Newcastle-Worcester (ph. Reuters)

Mentre Exeter e Saracens continuano a lottare per il simbolico primato della regular season, nella 15esima giornata di Premiership le cose interessanti accadono soprattutto sul fondo della classifica, dove la zona salvezza si fa più viva rispetto a una settimana fa (ma c’è anche chi se ne allontana con decisione). Come detto, inoltre, il weekend inglese ha visto l’esordio di Leonardo Sarto in campionato con i Leicester Tigers, nella partita vinta da questi ultimi contro i Wasps. Ripercorriamo il weekend con la nostra rubrica Parole e numeri.

5 – Le vittorie consecutive degli Harlequins, che hanno messo ora ben sette punti di vantaggio tra loro e la quarta classificata. A differenza delle precedenti quattro, questa volta gli uomini di Paul Gustard hanno dovuto sudarsi il successo fino all’ultima azione. Fino al 70′ inoltre i Quins erano sotto 29-21, prima di segnare con Marchant e poi a tempo già scaduto con Nathan Earle, a segno per il 29-31 decisivo. A sette giornate dalla fine, gli Arlecchini hanno fatto un deciso passo verso i playoff.

Normalità – Saracens e Exeter Chiefs non vincevano contemporaneamente nello stesso turno dall’ottava giornata, più precisamente dal 24 novembre. Le due squadre si sono sincronizzate di nuovo, come durante la prima parte di stagione: i Chiefs hanno regolato gli Sharks a domicilio, mentre i Saracens si sono sbarazzati di un Northampton in buona forma con sei mete e una prestazione brutale.

Ossigeno – Newcastle si giocava praticamente tutto nello scontro salvezza contro Worcester al Kingston Park, tra le mura di casa, ed è riuscito a tenersi in vita vincendo 17-6. I Falcons ora si sono avvicinati ai Warriors, distanti cinque punti in classifica, rendendo più affascinante una lotta per non retrocedere che poteva anche chiudersi se Newcastle non avesse vinto sabato pomeriggio.

Bears – Dopo tre sconfitte da cui aveva comunque raggranellato non pochi punti di bonus, Bristol è riuscito a sferrare un colpo deciso per la sua classifica, vincendo una sfida piuttosto sentita come il derby dell’Ovest contro Gloucester. Ai cherry&white non è bastato battere 43 difensori avversari e dominare possesso e territorio nel secondo tempo; dopo aver sorpassato i Bears al 58′, una meta di punizione per un fallo in rolling maul ha permesso ai padroni di casa di vincere 28-24 e di allontanarsi anche dalla zona rossa in fondo alla classifica.

16&69 . i I minuti giocati da Jake Polledri e Callum Braley con Gloucester. Il terza linea, dopo i 30 di una settimana fa che ne avevano segnato il ritorno in campo a due mesi dal suo infortunio alla caviglia, è stato impiegato in maniera non trascurabile nell’assalto dei cherry&white nel finale di gara, con 10 cariche in un quarto d’ora scarso, mentre il mediano di mischia azzurrabile ha giocato 69 minuti entrando dalla panchina a causa dell’infortunio occorso a Willi Heinz, il titolare.

Piede – Quello di Ollie Devoto nello specifico. Il centro di Exeter è stato uno dei marcatori nella vittoria dei Chiefs sul campo dei Sale Sharks, e lo ha fatto con stile. Nel cercare di controllare l’offload sporco di Cordero, in uno spazio ristretto vicino alla linea di fondo e con il rischio di fare in avanti, Devoto non si è scomposto più di tanto e con un delicato tocco in controbalzo di sinistro si è aggiustato il pallone, schiacciandolo in meta.

Sintetico – Il campo sintetico dell’Allianz Park non è piaciuto ai ragazzi di Northampton, in particolare al mediano di mischia Alex Mitchell. Il 21enne mediano di mischia ha postato una foto su Twitter in cui ha fatto vedere le grosse bruciature che il sintetico gli ha lasciato sulla gamba, invitando la RPA (Rugby Players Association, il sindacato dei giocatori inglesi) a “dire no ai campi in sintetico”. Mitchell non è il primo a lamentarsi dei campi artificiali: lo scorso anno furono gli Scarlets a lamentarsi di ustioni e bruciature in seguito alla sfida contro Glasgow, allo Scostoun, mentre qualche mese fa anche Jack Nowell espresse le sue preoccupazioni.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Cosa è successo nell’ultima giornata di Premiership

Giornata folle nel campionato inglese: risultati eclatanti, mete a pioggia e fiato sospeso fino all'ultimo minuto. Ecco tutti i verdetti

19 maggio 2019 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Tim Visser ha annunciato il ritiro dal rugby

L'ala olandese, con 33 cap per la Scozia, appenderà gli scarpini al chiodo all'età di 31 anni

17 maggio 2019 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Leicester Tigers: tanti addii, fra cui quello di Leonardo Sarto

Il club di Welford Road ha annunciato la lista dei partenti: sono ben 19 e fra loro c'è anche l'italiano

16 maggio 2019 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Cosa è rimasto da decidere in Premiership e in Top 14

Il campionato inglese giocherà nel fine settimana il suo ultimo turno, quello francese il penultimo

16 maggio 2019 Emisfero Nord
item-thumbnail

Un altro sudafricano per i Sale Sharks

In Inghilterra arriverà anche Coenie Oosthuizen, dopo de Jager, Akker van der Merwe e Robert du Preez

13 maggio 2019 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Marcelo Bosch lascia i Saracens: rimarrà in Inghilterra (ma non dove ci aspettavamo)

A 35 anni il giocatore argentino lascia il rugby professionistico per andare a giocare per un club di quinta divisione inglese: "Mi ricorda il mio Bel...

10 maggio 2019 Emisfero Nord / Premiership