Pro14: il quadro dei risultati della quindicesima giornata

Le altre rivali dei Leoni continuano a correre. Glasgow si regala un colpaccio di peso a Cardiff

Ph. Reuters / Andrew Boyers

Fra venerdì e sabato si è disputata la quindicesima giornata del Pro14, con il Benetton Rugby ancora in competizione per un posto ai playoff e le Zebre vicine all’impresa con Leinster.

Abbiamo già parlato anche del risultato di Edimburgo, diretta concorrente del Benetton per l’approdo alla fase finale del campionato. Vediamo come sono andate, però, le altre partite in programma nel fine settimana di Pro14.

Munster v Southern Kings

Passeggiata di salute per gli uomini di Johann Van Graan in casa contro i Kings, che giocano mezz’ora in quattordici a causa di tre cartellini gialli e affondano pesantemente nel finale, lasciando intonso il proprio lato del tabellino in quanto a punti marcati.

I primi quaranta minuti vedono un Munster non perfetto che rimane comunque sempre in totale controllo dell’incontro. Neil Cronin muove il tabellone per primo al quarto d’ora, mettendo i suoi nel giusto ordine di idee. Andrew Conway, uno dei giocatori della rosa dell’Irlanda rilasciato dalla nazionale, raddoppia a tre minuti dal termine della frazione: al riposo è 12 a 0.

Il divario si apre intorno all’ora di gioco, quando, complice la doppia espulsione temporanea di Kruger e Ntsila, i sudafricani rimangono in 13. Ecco quindi che il Munster si esibisce in cinque marcature in rapida successione: apre Darren Sweetnam al 53′, replica Holland al 60′, chiudono Marshall, Kleyn e Scannell (rispettivamente al 66′, 70′, 79′). Si chiude con un pesante 43 a 0, che avrebbe potuto essere peggiore se il piede di Rory Scannell fosse stato più caldo,

Ospreys v Ulster

Sparagnina invece la partita del Morganstone Brewery Field di Bridgend, in Galles. Gli ospiti irlandesi hanno la meglio per 8 a 0, dopo un primo tempo chiuso a pali inviolati dall’una e dall’altra parte.

In apertura di ripresa la meta di Stuart McCloskey consente ai suoi di mettere il naso avanti nella competizione, ma servirà attendere gli sgoccioli del match perché Ulster riesca a chiudere la partita. Lo fa con un calcio di punizione che porta la firma di John Cooney: la pedata del 9 porta gli ulstermen fuori dal break e consegna 4 preziosi punti in classifica per gli irlandesi, che rimangono così del tutto attaccati al treno playoff guidato da Edinburgh e Benetton.

Ospreys che invece vedono sfumare anche un prezioso punto di bonus offensivo, perdendo l’occasione di distanziare i Cardiff Blues, ma soprattutto facendosi superare dal Connacht, vincente contro i Cheetahs.

Connacht v Cheetahs

Rischia grosso la franchigia di Galway contro i sudafricani, con i quali è bene non scherzare: dopo i primi venti minuti, gli ospiti conducono 12 a 3, grazie alle mete del solito Maxwane e di Fouche. Le difficoltà del primo quarto di partita, però, svegliano i padroni di casa, che si riportano sotto prima della pausa con Tom Farrell per il 12 a 10 parziale.

In avvio di ripresa Connacht trova la meta del sorpasso con Tom McCartney, ma quando allo scoccare dell’ora di gioco Shaun Venter marca il pareggio, allo spettatore di casa tremano ancora le gambe. Per fortuna la risolve il piede preciso di Jack Carty, che trasforma un piazzato a otto minuti dalla fine. Chiude il contro la meta al 78′ di Jarrad Butler che consegna ai padroni di casa anche il bonus.

Gli irlandesi si lanciano così all’inseguimento dei playoff, acquisendo sei lunghezze proprio sui sudafricani e due sulla coppia formata da Ospreys e Cardiff Blues.

Cardiff Blues v Glasgow Warriors 

Dieci mete e tanto spettacolo all’Arms Park, dove i Warriors la spuntano di misura al termine di un match davvero mozzafiato.

Cardiff apre le marcature subito dopo 180 secondi, mandando in meta l’ala Aled Summerhill, ma da lì in poi è un monologo scozzese: Pete Horne accorcia con una punizione al 7′, quindi Grigg, Price e lo stesso Horne segnano tre mete fra il 14′ e il 29′, portando bruscamente il punteggio sul 24 a 7.

Cardiff però non ci sta, e prima della frazione segna ancora, grazie alla doppietta personale di Aled Summerhill, per poi replicare all’inizio della ripresa  con Owen Lane. Jarrod Evans converte una delle due marcature e segna un calcio di punizione per portare i suoi sul 24 a 22, con mezz’ora ancora da giocare.

La partita procede a folate: Glasgow sembra chiuderla segnando due mete in rapida successione, una con Frisby al 68′ e una con Tameilau al 69′, che grazie alle trasformazioni di Horne si trova avanti di sedici a meno di dieci dal termine,

Nel finale Cardiff prova il colpaccio per rientrare in partita: al 74′ tripletta personale per Aled Summerhill, mentre tre minuti più tardi segna Garyn Smith, ma è troppo tardi: finisce 34 a 38.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

L’albo d’oro aggiornato del Pro14

Leinster, al sesto successo, guadagna ulteriormente a comando della classifica dei club celtici più titolati

26 maggio 2019 Pro 14
item-thumbnail

L’ultimo atto di Seán O’Brien con la maglia del Leinster

Jonathan Sexton gli ha concesso l'onore di alzare il trofeo del Pro14 a Glasgow, nonostante il flanker fosse in borghese

26 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14 Final: Leinster batte i Warriors e si conferma campione

Finisce 15-18. Equilibrio nella prima frazione al Celtic Park, poi Dubliners prendono il controllo e tengono le mani sul trofeo

25 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Warriors o Leinster, oggi al Celtic Park si decide il campione 2019

Leo Cullen, head coach di Leinster, si scusa per la battuta sui "Warriors tifosi dei Rangers"

25 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Un nuovo seconda linea irlandese per le Zebre

Ian Nagle, classe 1988, è l'undicesimo nuovo ingaggio da parte della franchigia federale

24 maggio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Benetton: Monty Ioane nel Dream Team del Pro14

L'ala australiana nel miglior XV della stagione del campionato, dove sono rappresentate 11 delle 14 squadre partecipanti

24 maggio 2019 Pro 14