Francia, le parole di Laporte: “Brunel? E’ l’uomo con cui continueremo a lavorare”

Il presidente federale si è espresso sulla questione riguardante la nazionale analizzando anche il resto del movimento francese

ph. Benoit Tessier/Action Images

Dopo la bufera mediatica del post Inghilterra-Francia, le parole di Bernard Laporte erano attese e alla fine sono arrivate: “Brunel? E’ l’uomo con cui continueremo a lavorare – afferma il presidente della Federazione Francese – non possiamo reagire a ogni sconfitta mettendo in dubbio l’allenatore di turno. Abbiamo un “cantiere enorme” su cui lavorare: dobbiamo capire e investire al meglio sul sistema della nazionale maggiore, non vinciamo dal 2010 e ogni volta si dà la colpa all’allenatore”.
Perentorio il numero uno della FFR continua: “Dobbiamo cambiare le cose e andare oltre. La nomina di Jacques Brunel ci ha permesso di avere un miglior rapporto, una maggiore comprensione del lavoro coi club.
Abbiamo – prosegue pensando al futuro – i ragazzi dell’U20 che qualche mese fa si sono laureati come campioni del mondo di categoria e una squadra femminile capace di vincere il Sei Nazioni 2018 compiendo il Grande Slam”
Nel mirino quindi è stato messo un deciso cambio di rotta, rispetto al passato, che dovrà iniziare giocoforza dalla prossima prova del Sei Nazioni: quella che opporrà i Bleus alla Scozia, in quel di Parigi sabato 23 febbraio.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia