Sei Nazioni under 20: Inghilterra alla riscossa, Francia KO

Dopo la sconfitta a sorpresa in Irlanda, i giovani inglesi battono i pari età d’Oltremanica nel rematch della finale mondiale

Six Nations Rugby

Al Sandy Park di Exeter l’under 20 dell’Inghilterra rimette a posto le cose dopo la sconfitta in Irlanda con una prestazione super contro i campioni del mondo di categoria. La Francia combatte, prova a rimanere attaccata alla partita, ma i ragazzi inglesi ne hanno di più: finirà 31 a 19, con l’Inghilterra che si porta a casa anche il punto di bonus.

La differenza la fa la mischia chiusa, dove i giovani transalpini vengono portati a spasso dai pari età inglesi. La prima marcatura, al terzo minuto, viene da una mischia chiusa sui 5 metri francesi con introduzione per gli ospiti che gli inglesi portano a casa. La seconda meta di giornata per i padroni di casa è una meta tecnica, che arriva dopo un cartellino giallo mostrato a Jean-Baptiste Gros, il pilone sinistro della under 20 francese. Anche la meta del numero 8 Willis, poco dopo la mezz’ora, viene dalla spinta dominante del pack casalingo su una mischia da distanza ravvicinata.

La Francia ha provato a rimanere attaccata con le unghie e con i denti al match, grazie alle mete del suo terza centro Jordan Joseph e del primo centro Julien Delbouis, ma la meta di Olly Adkin in chiusura di primo tempo mandava le squadre al riposo sul punteggio di 24 a 12, un divario già notevole.

Il tabellone veniva poi mosso nella ripresa da una meta per parte, entrambe penalty tries assegnate per chiari falli in drive da touche oramai avviati alla marcatura.

Leggi anche: Sei Nazioni Under 20: Italia travolta dal Galles 12-42

Dopo due giornate, a sorpresa, la squadra che comanda la classifica generale è l’Irlanda, che presenta una selezione giovanile migliore di quelle viste negli ultimi anni. Dopo il grande successo interno contro la corazzata inglese, la under 20 dei Verdi vince anche in Scozia, a Netherdale.

Agli ordini del fischietto italiano Andrea Piardi le due squadre danno vita ad un confronto aspro, fermo sul 10 a 0 per gli ospiti per la prima ora di gioco. Ad aprire le marcature è infatti Dylan Tierney-Martin, tallonatore in forza a Connacht e prospetto forse più interessante della squadra irlandese, che mette a segno la terza marcatura personale in due partite. Harry Byrne, l’apertura, aggiunge la trasformazione e una punizione per portarsi oltre il break, ma la Scozia non demorde.

I padroni di casa hanno praticamente l’obbligo di essere i primi a marcare per riaprire il match, ma è invece il numero 8 ospite John Hodnett a superare la linea bianca dopo una prolungata occupazione della zona rossa avversaria. Mancano 15 minuti al termine quanto il tabellone dice 0 a 17.

L’Irlanda potrebbe addirittura provare a racimolare il punto di bonus, ma sarà la Scozia ad avere invece un sussulto d’orgoglio, segnando con Connor Boyle al 71′. A tempo scaduto la terza meta irlandese con Jonathan Wren: finisce 24 a 5 per gli ospiti.

Risultati II giornata

Italia v Galles 12-42
Inghilterra v Francia 31-19
Scozia v Irlanda 5-24

Classifica: Irlanda 9, Inghilterra 5, Francia 5, Galles 5, Italia 5, Scozia 0

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia