Sei Nazioni 2019 – Italia, le parole di Palazzani: “Giocare dal primo minuto non è stato facile”

Il mediano di mischia torna sull’incontro di Murrayfield e sulle difficoltà legate alla condizione fisica

Ph. Sebastiano Pessina

L’Italia è esattamente a metà del guado: la partita contro la Scozia è alle spalle e all’orizzonte si staglia la figura minacciosa del Galles, per quello che sarà il secondo impegno del Sei Nazioni 2019.
Dopo il rientro a Roma gli azzurri hanno ripreso gli allenamenti, con Guglielmo Palazzani che però ci ha tenuto a precisare alcune cose relative alla sfida di Edimburgo, dove lui è stato chiamato all’ultimo secondo a rimpiazzare l’infortunato Tito Tebaldi come mediano di mischia titolare: “Considerata la settimana passata – fa sapere –  essere consapevole di giocare dal primo minuto a ridosso del match, non è stato facile. Ma noi siamo lì per questo: farci trovare pronti in qualsiasi momento. Abbiamo avuto poche occasioni nel primo tempo e una buona reazione nel finale. E’ chiaro, sappiamo che la concentrazione deve restare alta per 80 minuti. Prendiamo l’esempio della Francia: partita in pugno e dopo qualche errore il risultato è stato ribaltato.
A livello di mentalità e di volontà stiamo crescendo, anche se sappiamo di dover migliorare ed essere più freddi. Il Galles è terzo al mondo ed è una squadra che non si arrende mai. Abbiamo visto nella partita scorsa che gli errori possono costare caro”.

Oltre al mediano delle Zebre, anche Dean Budd ha voluto fare un po’ il punto della situazione leggendo la partita contro i Braveheart per poi proiettarsi sulla sfida alla formazione guidata da Warren Gatland : “Nel primo tempo abbiamo fatto alcuni errori individuali e faticato in difesa. Negli ultimi 15 minuti – afferma il seconda linea del Benetton – abbiamo avuto una grande reazione. Quello è il nostro vero valore e vogliamo dimostrare di riuscire a giocare a questo livello anche in altre fasi del match. Nella Scozia ci sono giocatori di alto livello. Ogni errore può costare caro. Noi vogliamo cercare di imporre il nostro gioco e non siamo improntati solo a difendere. Bisogna sfruttare meglio anche il “momentum” di alcune fasi di gioco e cercare di spostare a nostro favore gli episodi, dove possibile. Noi come giocatori crediamo che possiamo vincere la partita contro il Galles: non è una impresa impossibile. Siamo consapevoli che giochiamo sempre contro le squadre migliori al mondo e che sarà difficile. Il nostro obiettivo è di cambiare il rugby italiano e migliorarci costantemente”.

Italia – Galles sarà trasmessa – con calcio d’inizio alle ore 17.45 – da DMAX (canale 52 DDT) e in diretta streaming su OnRugby.it che, circa mezz’ora prima del kick off, pubblicherà un’apposita notizia “contenente il player per vedere e commentare la partita.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La scalata di Matteo Minozzi verso la Rugby World Cup 2019

Abbiamo intervistato l'estremo azzurro, fermo da fine agosto, che ci ha raccontato il difficile rapporto con il rugby negli ultimi mesi e i suoi obiet...

18 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La Rugby World Cup e il (suo) futuro: intervista a Conor O’Shea

La seconda parte della lunga chiacchierata con il commissario tecnico della Nazionale, con vista sull'appuntamento iridato

17 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni, permit players e sviluppo del rugby italiano: intervista a Conor O’Shea

Abbiamo incontrato l'head coach degli Azzurri per una chiacchierata sul torneo appena finito e sulle prospettive del movimento italiano

16 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: Franco Smith nello staff azzurro dal 2020?

L'attuale allenatore dei Cheetahs potrebbe entrare nel coaching staff di Conor O'Shea dal prossimo anno

14 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: il “minutometro” della nazionale dopo Test Match e Sei Nazioni

Quanto hanno giocato finora gli azzurri nelle nove partite disputate in stagione?

28 marzo 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cinquanta nomi per l’Italia verso la Rugby World Cup 2019

Abbiamo provato a ipotizzare una lista di azzurri per preparare il Mondiale, con tutte le varie difficoltà del caso

26 marzo 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale