Champions Cup: un weekend a metà

Le parole chiave e i numeri più interessanti delle partite della coppa regina disputate fra venerdì e sabato

ph. Reuters

La prima parte del weekend di Champions Cup ha regalato diversi spunti interessanti, che abbiamo raccolto nella consueta rubrica ‘parole e numeri’.

19 – Sono le mete segnate dal Leinster dopo la quarta giornata di Champions Cup. La squadra irlandese ne ha segnate ben sei in quest’ultima giornata, senza lasciare scampo a un Bath annichilito dopo l’ottima prestazione della settimana scorsa. Sexton e compagni hanno segnato ben 5 mete in più della seconda classificata in questo speciale ranking. E nonostante questo non sono neanche primi nel proprio girone, guidato dal Tolosa. Le due squadre si incontreranno nel prossimo turno per un match che promette ben più che scintille.

Eliminati – Rimangono 10 punti sul piatto per le squadre che hanno disputato le loro partite venerdì e sabato. Questo significa che sono stati emessi i primi verdetti europei: non hanno più possibilità di qualificarsi ai quarti di finale i Wasps di Michele Campagnaro, schiantati da Tolosa per 42 a 27 sotto la pioggia del sud-ovest francese; matematicamente fuori il Lione, che a Glasgow incassa la quarta sconfitta della sua stagione europea; stesso destino per gli Scarlets, battuti ancora da Ulster, e ancora senza una vittoria in europa. Non sono matematicamente condannati i Cardiff Blues, ma solo un miracolo potrebbe portare ai quarti la squadra gallese, sconfitta in casa dai Saracens.

50 – E’ la percentuale di realizzazione di Joey Carbery dalla piazzola. Il giovane numero 10 di Munster ha sbagliato 4 calci sugli 8 tentativi a disposizione, errori rivelatisi cruciali per un match che Castres è riuscito a portare a casa per un solo punto, 13 a 12. Una partita giocata con grande tensione, sempre sul filo del rasoio, e solo il minor numero di errori dei francesi ha consentito loro di portare a casa l’incontro e i 4 punti in classifica che riaprono alla grande un girone 2 quanto mai incerto.

Triplo playmaker – Uno dei piccoli segreti della grande Tolosa di questa stagione, giunta a 9 vittorie consecutive fra campionato e coppa, è la compresenza di tre giocatori pressoché intercambiabili, con grande qualità tecnica e di visione di gioco, in grado di alternarsi a 10, a 12 e a 15: Zack Holmes, Romain Ntamack e Thomas Ramos. Ciascuno di loro è in grado di svolgere il ruolo di primo uomo in piedi, di attaccare efficacemente in prima persona e di dirigere il triangolo allargato da dietro. Accanto a loro tre frecce dalle ali ai piedi come Sofiane Guitone, Cheslin Kolbe e Yoann Huget.

4 – Come le mete segnate da Sean Maitland, Sofiane Guitoune e Jacob Stockdale, i migliori marcatori di mete di questa edizione della Champions Cup. I tre hanno avuto l’opportunità di timbrare il cartellino anche in questa giornata, ognuno nella sua partita. La segnatura più importante è forse quella di Maitland per dei Saracens sparagnini, che hanno segnato due mete nella loro vittoria a Cardiff, peraltro con molti dubbi sulla marcatura di Jamie George. E’ il quarto successo su quattro per i londinesi, che comandano saldamente il proprio gruppo. Guitoune ha contribuito alla vittoria del suo Tolosa, mentre Stockdale è stato fra gli ulstermen che hanno varcato la linea di meta degli Scarlets. Questi ultimi sono gli unici due giocatori ad aver segnato una meta in ognuna delle 4 giornate di Champions Cup.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Champions Cup: ufficializzato il calendario del Benetton Rugby

Il club veneto esordirà nella massima competizione continentale per club facendo visita al Leinster

23 Agosto 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

I gironi della Champions Cup 2019/2020

Il Benetton si prende il Leinster, Lione e i Northampton Saints nel girone 1. Girone di ferro per i Saracens

19 Giugno 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Leinster: quei tre momenti sui quali recriminare

La finale di Champions Cup è andata meritatamente ai Saracens, ma gli irlandesi hanno sprecato qualche occasione di troppo

13 Maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Gregariato saraceno: come la Champions Cup è tornata a Londra

Da Barritt a Koch, da Lozowski a Wray. Una vittoria costruita sul lavoro operaio dei volti meno noti

13 Maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La festa dei Saracens, i rimpianti del Leinster

Mark McCall elogia i suoi per la reazione nel corso del match. Leo Cullen: "Bisognava sfruttare le occasioni create"

12 Maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Alex Goode è il giocatore dell’anno per la Champions Cup 2018/2019

È il terzo giocatore dei Saracens a vincere il premio dopo Itoje e Farrell nel 2016 e nel 2017

12 Maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup