Il documentario sull’incredibile storia di Ian McKinley

Lo ha girato RugbyPass, per raccontare il percorso unico dell’irlandese. Jim Hamilton è la voce narrante

ian mckinley

ph. Sebastiano Pessina

La storia di Ian McKinley, nel mondo del rugby, è conosciuta un po’ da tutti. Nel 2011, il distacco dalla retina gli ha fatto perdere completamente la vista dall’occhio sinistro, conseguenza di un grave infortunio subito nel 2010, quando a 19 anni un tacchetto di un compagno di squadra dell’University College Dublin gli entrò nell’occhio durante un match.

McKinley si è inizialmente ritirato, ma come sappiamo dal 2012 è arrivato in Italia, alla Leonorso Udine, prima come allenatore delle giovanili (dove ha incontrato Antonio Rizzi) e poi come giocatore. Da lì è iniziata la sua scalata, resa possibile dai Rugby Goggles introdotti in via sperimentale da World Rugby, che lo hanno portato prima al Viadana, poi alle Zebre come permit player, quindi al Benetton e infine in Nazionale. In una sola parola: inspirational.

Al suo incredibile percorso si è interessato RugbyPass, che ha dedicato una puntata delle sue RugbyPass Exceptional Stories proprio all’irlandese. Il documentario è lungo 34 minuti e, oltre alle parole di McKinley, comprende anche alcune dichiarazioni di Conor O’Shea, Leo Cullen, Michael Bradley e Pete Atkinson. La voce narrante è di Jim Hamilton.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #31: corpo da panzer, mani di seta

Fra le tante marcature degne di note, abbiamo scelto la combinazione fra i fratelli Vunipola in veste di playmakers

15 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Snow Rugby: successo per la due giorni di rugby e neve

Frozen Pirates (Italia) e Mountain Flowers (Austria) conquistano la settima edizione del torneo di Tarvisio

14 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Guida alle regole del rugby: online l’edizione 2019

Da oggi è disponibile la nuova versione del nostro manuale sfogliabile online o scaricabile gratuitamente

10 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #30: il morso degli squali

Nel segno di de Klerk, James e Solomona, Sale ha segnato la meta più bella della settimana contro i Saracens

10 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #29: Romain Ntamack, il talento del predestinato

Nella meta di Huget, c'è tanto del giovane trequarti che si sta confermando come uno dei giocatori più interessanti di tutta Ovalia

2 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

10 giocatori (più uno) da tenere d’occhio nel 2019

Una lista di giovani di belle speranze provenienti da ogni angolo di Ovalia

2 gennaio 2019 Terzo tempo