Test Match 2018: le sfide del fine settimana analizzate attraverso le quote

Le solite sei partite in programma: Italia-All Blacks ad aprire, grande interesse per Inghilterra-Australia e Galles-Sudafrica

Ph. Reuters

Ultimo fine settimana di Test Match internazionali per il mondo del rugby nel 2018. Andiamo quindi ad analizzare la giornata di sabato prossimo attraverso le quote prendendo come riferimento quelle proposte da SNAI.

Italia – Nuova Zelanda

Lsfida ai “maestri del gioco”, caduti la scorsa settimana in Irlanda, pone gli azzurri in una condizione pressochè impossibile come dimostra la quota a 15 a cui vengono inquadrati Ghirlandini e soci in caso di vittoria. A 1,01 invece gli All Blacks, con il pareggio a 50. A questo punto conviene allora spostarsi sul gioco relativo all’Handicap: è di almeno 32 punti – a favore degli uomini di Hansen, ovviamente – lo scarto pensato dai bookmakers per la sfida, con gli oceanici pagati a 1,80. Qualora invece l’Italia fosse capace di contenere il ko, la somma investita frutterebbe 1,95 volte mentre il segno X è dato a 20.

Scozia – Arrgentina

Braveheart o Pumas? I padroni di casa cercheranno di vincere in tutti i modi per non rendere il novembre internazionale insufficiente (finora infatti il bilancio dice: due perse e una sola vinta, peraltro contro le Fiji), ma altrettanto dovranno fare i sudamericani per non tornare a casa a bocca asciutta dal viaggio nell’Emisfero Nord. Padroni di casa quotati 1,38 mentre gli ospiti a 3,05; con l’eventuale pareggio che viene offerto a 22.  Capitolo Handicap: si pensa a una sfida comunque equilibrata. Gli scozzesi potrebbero imporsi con uno scarto superiore agli otto punti? Allora fidatevi di loro, con una quota succulenta a 1,95. Gli argentini invece rimarranno attaccatissimi nel punteggio? Per i ragazzi di Ledesma, la lavagna offre una possibilità a 1,83. Possibilità di “X” – come in tutte le sfide – inquadrata a quota 20.

Inghilterra – Australia

A Twickenham si attende una grande battaglia. Favoriti i ragazzi di Eddie Jones, in lavagna a 1,30, dopo la sfortunata prova contro gli All Blacks e la vittoria in rimonta contro il Giappone, mentre i Wallabies – nonostante il ko di misura contro il Galles e la vittoria larga contro l’Italia – sono visti a 3,50: potrebbe essere un’opportunità. Per il pareggio invece si viaggia a 22.
Handicap britannico, con gap individuato con almeno 9 punti di scarto: 1,90 la quota per la “Rappresentativa della Rosa, a 20 il segno “X”, a 1,87 l’eventuale ko australiano con divario limitato.

Galles – Sudafrica

Se i Dragoni dovessero imporsi realizzerebbero l’en plein, al contrario il blitz degli Springboks al Principality Stadium di Cardiff certificherebbe ulteriormente il ritorno ufficiale ad alti livelli del gruppo allenato da Erasmus.
Dalle quote si capisce che potrebbe essere una partita di difficile interpretazione: favoriti i padroni di casa a 1,87 mentre gli ospiti vengono bancati a 1,90. A questo punto perchè non provare a rischiare tutto sul pareggio? In lavagna a quota 20.
Sezione Handicap, ancor più enigmatica. Lo scarto individuato a favore del Sudafrica sarebbe soltanto di un  punto, con Kolisi e soci pagati a 2,05. Quello del Galles invece a 1,77. A stimolare quindi è ancora una volta il segno “X” quotato a 20: se il Sudafrica dovesse spuntarla di misura sulla squadra di Gatland si vincerebbe 20 volte la somma investita.

Irlanda – USA

Dopo aver battuto gli All Blacks, si può avere paura degli Stati Uniti? Decisamente no, infatti la quota irlandese per il successo all’ottantesimo è pari a 1, mentre il blitz americano in quel di Dublino paga addirittura 90, con il pareggio a 125.
Obbligatorio spostarsi sull’Handicap: scarto ampio individuato da 38 punti in su. Dei “Verdi” dilaganti sono visti a 1,95 mentre se le Eagles dovessero riuscire a trovare un’onorevole sconfitta vi porterebbero in dote 1,83 volte la posta scommessa, con l’eventuale equilibrio a -38 pagato a 20.

Francia – Fiji

La vittoria dei Bleus davanti al loro pubblico non sembra in discussione e infatti la quota di 1,03 lo certifica ponendo in antitesi gli isolani a 10 e il pareggio a 33.
Vittoria larghissima o con un divario tutto sommato accettabile per i fijiani? L’Handicap suggerisce almeno 20 punti di scarto: i transalpini vengono pagati a 1,90 mentre gli ospiti a 1,87. Uno stallo? Sempre a quota 20, per il segno “X”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il vero valore dello sport nella carezza di Médard e nelle lacrime di Parisse

Breve riflessione su due episodi accaduti sabato all'Olimpico

18 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 3: attacco e difesa

Torna la rubrica con le domande dei lettori: oggi ci occupiamo dello schieramento dei giocatori in fase offensiva e difensiva

13 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #36: l’insostenibile leggerezza dell’Earls

Con un meccanismo perfetto da orologio di grande marca, l'Irlanda manda in meta la sua velocissima ala

11 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 2: alla base del rugby

Fabrizio ci ha chiesto qualche delucidazioni su alcuni ruoli del nostro sport, e abbiamo cercato di accontentarlo

6 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #35: Duecentocinquantasette secondi

Un'azione di gioco infinita, con i polmoni di Cory Hill premiati dopo lo sforzo collettivo di tutta la squadra: è la meta della settimana

26 febbraio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #33: Marlon Stockdale

Le qualità attoriali del giovane irlandese funzionali alla sua bella marcatura contro la Scozia

14 febbraio 2019 Terzo tempo