È di nuovo tempo di Movember

È l’evento dedicato alla sensibilizzazione dei problemi di salute maschile, a cui aderiscono spesso diversi rugbisti

Novembre è un mese di Test Match, di colori autunnali e di… baffi. Come ogni anno, dal 2003 a questa parte, novembre diventa Movember, l’evento che ha come obiettivi l’aumento della sensibilizzazione riguardo i problemi di salute degli uomini e la raccolta fondi per la ricerca sul cancro alla prostata, sul cancro ai testicoli e sulla salute psichiatrica.

Movember deriva dalla crasi tra Mo- (Moustache, baffi in inglese) e vember (da november, appunto). È nato nel 2003 in Australia grazie all’incontro tra Travis Garone e Luke Slattery a Melbourne, mentre in Italia si è diffuso a partire dal 2012. È promosso da Movember Foundation: nel 2017 ha raccolto 17.1 milioni di dollari in donazioni.

Un impegno nato per combattere l’eccessivo disinteresse e la poca informazione tra gli uomini soprattutto over 50 quando si parla di prevenzione e rischi per la propria salute, come dimostrato da diversi sondaggi svolti nel corso degli anni. Movember prova a convincere gli uomini a “cambiare faccia”, tagliandosi i baffi il 31 ottobre per poi lasciarli crescere e curarli durante il prossimo mese, un monito per ricordare a tutti di non sottovalutare la propria salute.

Partecipare è davvero semplice: tagliate i baffi, coltivateli e diffondete la voce. In alternativa, come ricorda il sito ufficiale dell’iniziativa, potete anche camminare o correre “per 60 km. 60 km per i 60 uomini che perdiamo ogni ora, tutte le ore”.

Se in tv, insomma, vi capita di vedere uno come Aaron Smith indossare la maglia nera degli All Blacks e notate un insolito baffo in maglia nera, sappiate che è per una buona causa.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Matias Aguero (e non solo lui): quando il rugbista si reinventa chef

Dopo Ongaro, Perugini e D'apice, un altro ex azzurro fa il suo esordio nel mondo della ristorazione

17 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il rugby non è un’isola felice

I fatti di Padova e Belfast, ma anche quello che accade ogni domenica, ci ricordano che la palla ovale non è priva di problemi fuori dal campo

17 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #31: corpo da panzer, mani di seta

Fra le tante marcature degne di note, abbiamo scelto la combinazione fra i fratelli Vunipola in veste di playmakers

15 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Snow Rugby: successo per la due giorni di rugby e neve

Frozen Pirates (Italia) e Mountain Flowers (Austria) conquistano la settima edizione del torneo di Tarvisio

14 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Guida alle regole del rugby: online l’edizione 2019

Da oggi è disponibile la nuova versione del nostro manuale sfogliabile online o scaricabile gratuitamente

10 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #30: il morso degli squali

Nel segno di de Klerk, James e Solomona, Sale ha segnato la meta più bella della settimana contro i Saracens

10 gennaio 2019 Terzo tempo