Eddie Jones cerca un’identità per la sua Inghilterra: in passato l’ha fatto anche pensando al calcio

In un’intervista il ct della Rappresentativa della Rosa racconta il suo passato e il progetto tattico verso la RWC 2019

inghilterra eddie jones

ph. Sebastiano Pessina

Fra pressioni, infortuni e soprattutto sconfitte (3 vittorie su 8 incontri), il 2018 dell’Inghilterra è stato per ora un anno piuttosto difficile, ma un’ulteriore verifica deve ancora venire: quella dei Test Match di novembre, quando i britannici affronteranno in successione Sudafrica (03/11), All Blacks (10/11), Giappone (17/11) e Australia (24/11).
Eddie Jones è atteso al varco sia dalla stampa sia dall’opinione pubblica. La sua squadra deve dimostrare qualcosa, altrimenti il progetto verso la Rugby World Cup 2019 perderà ulteriori certezze.

La creazione di un’identità
In un’intervista rilasciata al sito ufficiale della Federazione (in collaborazione con lo sponsor della nazionale anglosassone), il commissario tecnico ha detto: “Il picco di forma dovremo raggiungerlo dal 2 di novembre in poi, senza però pensare ad altro. Non dobbiamo iniziare a pensare ora alla Coppa del Mondo, anche perchè prima passeremo dal Sei Nazioni 2019. Ci sono aspetti che dobbiamo considerare e che devono diventare propri della squadra”. Una frase l’ultima che lascia presupporre il pensiero di Jones sull’inserimento di nuove conoscenze per il suo gruppo. Un’evoluzione che giocoforza andrà trovata, senza “scimmiottare”  – come lui stesso ammette  – gli All Blacks.
Al netto degli infortuni, esaminando appunto le ultime 8 partite degli inglesi sono due le cose balzate immediatamente all’occhio: un modo molto piatto di affrontare gli avversari dal punto di vista tattico, che in campo ha paradossalmente inceppato l’ingranaggio di un’orchestra dove si suona sempre il solito motivetto andando poi a sbagliarlo sistematicamente, e la mancanza di alternative frizzanti nel tanto sbandierato ultimo quarto di gara dei finisher; a cui aggiungere poi la querelle legata ai gradi di capitano: Hartley o Farrell? Nella creazione di un’identità di gioco e di squadra anche questo non è un aspetto da sottovalutare.

Le influenze del calcio
E se Eddie Jones pensasse al calcio per trovare una via da percorrere verso il mutamento inglese? Per lui non sarebbe una novità: “Quando allenavo il Giappone, l’influenza più grande per me era quella di Pep Guardiola e del suo Tiki-Taka. Essendo una squadra di non alto livello come le corazzate che affrontavamo, dovevamo trovare un modo per provare a batterle: capimmo che dovevamo muovere il pallone velocemente.
Lo incontrai una volta e lui mi dedicò un’ora e mezzo del suo tempo in una discussione molto utile”. E non è l’unico manager del calcio inglese a cui il ct ha chiesto udienza. Nella lista vi sono infatti Arsene Wenger, Sir Alex Ferguson, Roy Hodgson e anche l’attuale selezionatore Gareth Southgate.
Attingere concetti da discipline diverse non è molto facile, lo stesso calcio negli ultimi anni focalizzando l’attenzione sulla preparazione delle palle inattive ha spesso “copiato” il basket con blocchi atti a liberare saltatori/tiratori di un certo livello. Nel rugby gli spazi e le dinamiche di gioco sono più complicate, ma lavorare sulla “densità” intorno alla palla è un principio su cui l’Inghilterra può focalizzarsi. Infondo una difesa che sale in maniera asfissiante, altri non è che – estremizzando la visione – un pressing molto accentuato.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Gli highlights di Rovigo-Valorugby, amichevole di preparazione al Top10

Le immagini della sfida del Battaglini, scontro (seppur amichevole) tra due delle favorite in vista del prossimo campionato

30 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Guida al Pro14 – Scozia

Edimburgo e Glasgow sono realtà estremamente solide nel Pro14. Come si presentano alla stagione che sta per iniziare?

30 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Video: Giulio Bisegni carica le Zebre in vista dell’esordio nel Pro14

Il capitano dei ducali analizza il momento della squadra a pochi giorni dal debutto nel torneo. "Stiamo bene e ci aspettiamo una gara aperta"

30 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Sam Cane: “Peccato non avere più tante sfide con le squadre sudafricane”

Mark Robinson della federazione neozelandese nega che la scelta dei sudafricani sia conseguenza di quanto proposto da NZRU

30 Settembre 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Springboks Verdi contro Springboks Oro: le formazioni del test interno

Tornano a giocare diversi Campioni del Mondo nella sfida di Pretoria: Kolisi, Steyn, Jantjies, Vermuelen, Am, Kitschoff e non solo...

30 Settembre 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Video: tacco a seguire e meta in Nuova Zelanda

L'ala di Poverty Bay trova il modo più spettacolare per andare a segno contro la squadra di East Coast

30 Settembre 2020 Foto e video